Piano turistico di Napoli - mappa, attrazioni, monumenti, biglietti, alloggi, fatti interessanti

Vista dalla vicinanza di Castel Nuovo a Napoli al Golfo di Napoli

Indice dei contenuti

Una città di contrasti

Napoli non è una città univoca. A prima vista non è né bello né brutto, anche se può essere entrambe le cose. E infatti lo è! È bello e brutto allo stesso tempo. Incontrerai molti posti deliziosi qui, ma ci saranno anche quelli che attraverserai a un ritmo più veloce. Il paradosso è che la prima impressione non è quella che ricordi. Sul mio esempio, so che con il tempo sono più disponibile a tornare con i ricordi a foto e luoghi che non mi sono piaciuti subito. Più volentieri che a quelli che erano indiscutibilmente belli o anche molto belli.
C'è qualcosa in Napoli che visitarla richiede molto più tempo che stare lì. Napoli è visitata nella mente molto tempo dopo il ritorno a casa.

Penso davvero che Napoli dovrebbe essere visitata due volte. La tua prima visita dovrebbe darti la possibilità di raccogliere quante più impressioni possibili. Questo creerebbe un enorme bagaglio, una grande miscela di ricordi, anche quelli con cui all'inizio non saprai cosa fare. Raccogli quanto più possibile e prenditi il ​​tuo tempo. Quanto? Non lo so. Lo sentirai tu stesso. Rimarrai stupito di quanto diversi saranno i tuoi ricordi di Napoli nel tempo e di quanto inizierai a sentire la mancanza di questa città. Perché ti mancherà di sicuro.

Quindi è il momento per una seconda visita. Una visita durante la quale inizierete ad assaporare questa città senza sorprese e inutili imbarazzi. Chi lo sa? Forse, come molti viaggiatori che tornano qui regolarmente, scoprirai che ti sei appena innamorato di Napoli? Molto probabilmente!

Una vista del genere nel centro di Napoli non è insolita

Guida turistica di Napoli

Ma prima raccogli le tue impressioni e non rimpiangere nulla. Cammina, assaggia, guarda e goditi Napoli. Ti aiuterà in questo la guida da me preparata, dove ho cercato di raccogliere l'essenza delle informazioni necessarie per conoscere a dovere la città.
A proposito, vorrei aggiungere che ho lavorato su questo testo in modo che non diventasse una noiosa conferenza storica. Pertanto, non ci saranno introduzioni e introduzioni noiose, sviluppi insignificanti e finali tristi. Ci saranno un sacco di dettagli e informazioni di cui avrai assolutamente bisogno.
Vi consiglio di leggere il post nella sua interezza almeno una volta. Grazie a questo, in pochi passi potrai conoscere la planimetria della città e farti un'idea di come visitarla. So che all'inizio ci sono sempre molte domande, ma dopo aver letto questo testo molte cose si chiariranno e acquisirai conoscenze sufficienti per iniziare a pianificare il tuo viaggio.
Naturalmente, ho anche preparato il mio piano turistico, pronto per essere utilizzato immediatamente durante il viaggio. Molto probabilmente ti piacerà la mia proposta, anche se è chiaro che non esiste un itinerario migliore. Quindi non aver paura di presentare le tue idee e modificare il piano proposto. In questo post troverai tutti i dati necessari per realizzare il tuo viaggio dei sogni a Napoli.

Un itinerario passo passo per visitare Napoli

L'inizio è sempre il più difficile. Quindi, invece di bombardarti con un elenco di decine di attrazioni che per ora non ti diranno nulla, proviamo a farlo in passaggi più piccoli ma molto logici:

– in primo luogo, conosceremo il layout generale della città e delle attrazioni, in modo da poter capire con cosa abbiamo a che fare. Ti mostrerò anche come suddividere logicamente la città in zone facilmente visitabili.

– nella fase successiva, pubblicherò mappe dettagliate per ciascuna delle aree separate, contenenti la posizione di tutte le attrazioni e un percorso turistico che unirà tutto in un viaggio completo

– nell'ultima parte troverai brevi descrizioni di ogni attrazione segnata sulla mappa, insieme a una serie di dati necessari: curiosità, informazioni pratiche, link per acquistare i biglietti, orari di apertura, coordinate GPS per la navigazione, ecc.

Si noti che ciascuna delle attrazioni che ho descritto ha il suo numero univoco. Puoi trovare i numeri delle attrazioni in diversi posti. Sono nelle mappe, nell'indice, nelle intestazioni dei paragrafi successivi. Grazie a questo, la navigazione nella voce sarà molto più semplice e raggiungerai rapidamente le informazioni di cui hai bisogno.
C'è una freccia su semitrasparente nell'angolo in basso a destra dello schermo. Premendolo ti porterà all'inizio del testo (al sommario). In questo modo puoi navigare facilmente attraverso tutto il testo.

Usa le coordinate GPS

Fornisco coordinate GPS precise per ogni attrazione. Questo potrebbe non sembrare particolarmente utile a prima vista, ma in pratica è vero l'esatto contrario. Grazie a queste coordinate, non è necessario attenersi a un percorso turistico specifico. Puoi esplorare la città praticamente come preferisci.
Come utilizzare le coordinate GPS nella pratica? Basta fare clic sul collegamento accanto a loro. Quindi la navigazione si aprirà nel tuo telefono e determinerà automaticamente il percorso verso la destinazione, ma ... non devi seguire questo percorso! Cammina come preferisci, dove vuoi, e considera l'indicazione sul tuo telefono solo come un'informazione se ti stai avvicinando al tuo obiettivo o forse hai già preso la direzione sbagliata.
Dopotutto, visitare una città non significa percorrere il percorso più breve, ma godersi la sua atmosfera. Grazie alle coordinate GPS, non devi preoccuparti di perderti e allo stesso tempo hai una libertà illimitata di esplorare.
In breve: clicca sulle coordinate, cammina e controlla di tanto in tanto se ti stai muovendo nella giusta direzione. Senza nervi, senza stress, con piacere. Semplice e diabolicamente efficace!
Ti assicuro che apprezzerai rapidamente le coordinate GPS pubblicate qui.

Biglietti per le attrazioni

Il punto debole di qualsiasi piano turistico sono... i bigliettie, appunto, code alle biglietterie. Puoi avere il miglior piano del mondo e la polvere cadrà a pezzi alla prima biglietteria. Quando c'è una fila davanti per un'ora in piedi, e alla finestra si scopre che l'ingresso libero più vicino è tra un'altra o due ore ... e allora?
Comprerai un biglietto e aspetterai? Quindi non c'è possibilità di vedere tutto ciò che era stato programmato quel giorno.
Ti dimetterai dall'entrare e procederai come previsto? Allora non vedrai l'attrazione a cui tenevi, per la quale hai percorso centinaia o addirittura migliaia di chilometri. Molto spesso, le lunghe code si trovano nei luoghi più interessanti. Quelli per cui vieni in città. Trovarsi in una situazione del genere non è piacevole, ma fortunatamente c'è un modo per evitarlo. Banale ed efficace!
Molte sedi consentono di acquistare i biglietti in anticipo online. Se esiste una tale possibilità, la uso sempre. Compro un biglietto per un giorno specifico e, se è necessario scegliere l'orario di ingresso, scelgo quello che è più conveniente per me e si adatta al mio programma. Il giorno della visita, salto l'intera fila e inserisco il biglietto precedentemente acquistato. Spesso, per i possessori di tali biglietti precedentemente acquistati, ci sono anche ingressi saltafila separati.

In questo itinerario, accanto alle descrizioni delle attrazioni, inserirò i link alla vendita dei biglietti d'ingresso via Internet. Non è possibile ovunque e non è necessario ovunque, ma dove si può fare, troverai l'apposito link nella descrizione.

Carte della città di Napoli e pacchetti di biglietti

Un'opzione molto interessante è la possibilità di acquistare i biglietti in forma carte delle città – [clicca] oppure pacchetti di biglietti, che comprendono l'ingresso già acquistato a strutture selezionate, e talvolta anche il trasporto. Spesso si può anche risparmiare un po' di soldi, perché di tanto in tanto sono disponibili pacchetti con promozioni interessanti (anche diverse decine di per cento). La durata della promozione non è nota, quindi devi cliccare e verificare.

Esempi interessanti carte delle città – [clicca] e i pacchetti di biglietti per le attrazioni a Napoli e dintorni sono disponibili di seguito. Fornisco prezzi validi al momento della stesura di questo testo e non aggiornerò questi prezzi. Cambiano spesso e non avrebbe senso. Basta fare clic sul collegamento per vedere il prezzo attuale.

Pacchetto: Napoli Sotterranea + catacombe di San Gennaro – [clicca] (prezzo base senza sconti: 21 euro) comprende:
– visita guidata nei sotterranei di Napoli
– visita guidata alle catacombe e alla Basilica di San Gennaro
– ingresso alle Catacombe di San Gaudioso e alla Basilica di Santa Maria della Sanità (valido 12 mesi)

Pacchetto: Pompei + Ercolano – [clicca] (prezzo base senza sconti: 43 euro) comprende:
– biglietto d’ingresso a Pompei
– biglietto d’ingresso ad Ercolano

Pacchetto: Pompei + Vesuvio – [clicca] prezzo base senza sconti: 42 euro) comprende:
– biglietto d’ingresso a Pompei
– biglietto d'ingresso al Vesuvio
– Visita guidata intorno al vulcano di 90 minuti

Controlla i prezzi disponibile: carte delle città di Napoli – [clicca]

Trasporti pubblici a Napoli

Nel piano turistico che ho sviluppato, ho preparato i percorsi a piedi in modo tale da rendere la tua vita il più semplice possibile. Girando per la città secondo la mia proposta, non avrai bisogno di molti mezzi di trasporto. Tutto ciò di cui hai bisogno è la metropolitana (il biglietto costa 1,1 EUR).

ATTENZIONE! Per 4,5 euro puoi acquistare un biglietto giornaliero, che può essere utilizzato tutte le volte che vuoi su metropolitana, autobus e funivie.

A Napoli la metro ha solo due linee (gialla e blu), quindi spostarsi è un gioco da ragazzi. A proposito, il layout della stazione è tale che tutto può essere fatto senza problemi. Ho segnato la posizione delle stazioni e i numeri di linea sulle mappe che ho preparato, così quando arriveremo a loro, tutto sarà chiaro.
La metropolitana funziona dalle 6:00 alle 23:00 ogni 6-15 minuti.

scaricamento: Mappa della metropolitana di Napoli – [clicca] (le linee della metropolitana in pianta sono gialle e blu scuro, le altre linee visibili in pianta sono collegamenti ferroviari)

Autonoleggio - Napoli

Arrivare ed esplorare Napoli probabilmente non sarà l'unico scopo del tuo viaggio in Italia. Molte persone di Napoli iniziano ad esplorare la parte meridionale dell'Italia noleggiando un'auto qui. Se questo è il tuo piano per partire da Napoli per esplorare ulteriormente l'Italia, allora avrai sicuramente bisogno di diversi modi per noleggiare un'auto in modo economico e sicuro. Assicurati di leggere la relativa guida noleggio auto nel sud Italia – [clicca]. La descrizione dettagliata si applica al noleggio auto a Bari, ma i principi e la metodologia di ricerca dell'offerta migliore sono identici.

Napoli - pianificare un tour della città

Per cominciare, ho preparato una mappa che ti mostrerà istantaneamente quale zona della città visiteremo e come sono distribuite le attrazioni. Questa è la chiave per un'ulteriore considerazione e la costruzione di un piano sensato.

Ho segnato quattro aree sulla mappa:

- Centro Storicoil centro storico della città. Questa è la principale area turistica dove si trovano la maggior parte delle attrazioni principali, ma certamente non tutte, che vale la pena vedere. La lunghezza di questa zona è di circa 2 km. Non sembra molto, ma a causa della densità di luoghi imperdibili, visitare il Centro Storico richiederà gran parte della giornata o addirittura un'intera giornata

- San Ferdinando, un quartiere situato sul lungomare. Le sue attrazioni si trovano una vicino all'altra, e alcune di esse possono essere viste praticamente ferme 🙂 ovviamente, a meno che tu non abbia voglia di entrare. L'esplorazione di quest'area ti richiederà al massimo mezza giornata e può e deve essere combinata con la prossima area adiacente ad essa

- Quartieri Spagnoli che è semplicemente il quartiere spagnolo. Una parte caratteristica e allo stesso tempo iconica della città, che crea un'atmosfera specifica di Napoli, che non può essere paragonata a nient'altro. Strade strette e anguste piene di legname vario, piccole botteghe artigiane, botteghe in ogni buco, case popolari trascurate, fatiscenti... Passeggiando per il centro storico, si può pensare che sia anche qui. Ah no no!!! Quartieri Spagnoli offre queste attrazioni in una concentrazione molto maggiore. È come una densa essenza prodotta dal clima napoletano. Metti da parte mezza giornata per esplorare i Quartieri Spagnoli e trascorrere un po' di tempo qui, osservando tranquillamente la vita frenetica qui.

- Catacombe le famose catacombe di Napoli. Ovviamente qui non esiste un distretto del genere e ho inventato il nome dell'area per le mie esigenze. Ci sono due necropoli che vale la pena vedere qui (se a qualcuno piace visitare le necropoli) e questa è l'unica area che non può essere raggiunta con la metropolitana. Devi camminare (o prendere altri mezzi di trasporto: autobus, taxi) per circa 2 km solo andata dalla parte settentrionale del Centro Storico. La visita alle catacombe ti richiederà circa 2-3 ore, ma devi aggiungere la passeggiata e tornare alla metropolitana.

Napoli - mappa delle attrazioni turistiche

Ora che sappiamo più o meno cosa, dove e come, è il momento del passo successivo e di una pianificazione più dettagliata delle visite turistiche.
Guarda la prossima mappa.

Napoli - mappa delle attrazioni e divisione in aree turistiche

Questa volta ho segnato sulla mappa la posizione dettagliata di tutte le attrazioni che propongo sotto forma di indicatori con numeri (le loro descrizioni più dettagliate contrassegnate con gli stessi numeri si trovano nell'altra parte del testo). Oltre alle attrazioni, troverai anche la posizione approssimativa della stazione della metropolitana (lettera M). Accanto all'indicatore della metropolitana ho messo il nome della stazione ei numeri ei colori delle linee che vi si fermano (L1 - gialla e L2 - blu).
Presumo che questa particolare mappa ti piacerà molto, perché su di essa puoi vedere tutto chiaramente. Cliccando sulla mappa si aprirà l'immagine a risoluzione più alta, che ti permetterà di ingrandirla ulteriormente 🙂
Tuttavia, penso che le prossime mappe da me preparate nell'ulteriore parte del testo ti piaceranno almeno altrettanto, e forse anche di più.

Nota pratica:
Le linee della metropolitana si collegano in due punti: alla fermata Garibaldi e in parte alle fermate interconnesse Museo e Cavour. Solo in queste due località è possibile cambiare da una linea all'altra, e nel caso delle stazioni Museo e Cavour, sarà necessario percorrere un po' i corridoi che collegano le due stazioni.
Sulla mappa ho evidenziato tre aree colorate, contrassegnate inoltre con lettere maiuscole A, B i C. Come parte di queste tre aree, ho sviluppato tre percorsi panoramici dettagliati e indipendenti che puoi mescolare liberamente, implementandoli in un ordine conveniente. Grazie a ciò, il piano acquisisce flessibilità e può essere utile a un gruppo più ampio di persone (lo spero).

Zona A copre principalmente l'area del centro storico, Zona B è una combinazione del quartiere del lungomare, del quartiere spagnolo e della collina del castello, a Zona C sono le catacombe e le attrazioni che si trovano sulla strada per le catacombe.
Naturalmente, nulla impedisce di fare una divisione completamente diversa ed esplorare la città a modo tuo. Creando il tuo itinerario, conoscerai meglio tutte le attrazioni e in seguito le visite turistiche saranno ancora più divertenti.

Visitare il centro storico di Napoli (area A)

Inizieremo descrivendo la zona in cui la maggior parte dei viaggiatori inizia a conoscere Napoli. Si tratterà di attrazioni dislocate principalmente nella zona del centro storico cittadino.
Prima, ovviamente, la mappa, e poi il resto delle informazioni.

Napoli - mappa delle attrazioni e visita al Centro Storico

Il percorso turistico è stato progettato in modo che l'inizio e la fine siano vicini alla stazione della metropolitana. Grazie a questo, puoi implementare questo piano indipendentemente dalla posizione del tuo alloggio. Se hai una metropolitana vicino all'hotel, vai all'inizio del percorso turistico e inizia la sua realizzazione. Alla fine sarai di nuovo vicino alla stazione e potrai facilmente tornare al tuo hotel. dirò di più! Grazie a tale pianificazione puoi vivere anche fuori Napoli e non interferisce in alcun modo con l'attuazione della mia proposta 🙂

L'intero percorso è lungo meno di 4 km e, per quanto riguarda la lunghezza in sé, è teoricamente poco impegnativo (si corre quasi interamente su fondo pianeggiante). Tuttavia, non bisogna dimenticare che ci sono diversi oggetti lungo il percorso in cui bisogna entrare (biglietti!!!), e per visitarli è necessario camminare ulteriormente (es. Napoli Sotterranea). In pratica, percorrere a prima vista questo breve itinerario e visitare tutte le attrazioni dovrebbe occupare gran parte della giornata.
Se decidi di non visitare alcune delle proposte e hai un po' di spazio, considera di abbinare a questo percorso una visita alle catacombe (area C), che non richiede un'intera giornata di visita, ma solo poche ore.

1. Porta Capuana (Porta Capuana)
Porta Capuana (Porta Capuana)
foto: Berthold Werner secondo CC BY-SA 3.0

Iniziamo il tour alla stazione della metropolitana Garibaldi e ci dirigiamo verso il cancello a circa 400 metri di distanza Porta Capuana. Attraverso Porta Capuana, una delle strade più importanti di questa parte d'Italia conduceva alla città: la strada regia per la Puglia.
Vicino alla porta si trova un raro frammento della città di Napoli, rimasto immutato dal XV secolo. Si compone di edifici raggruppati intorno ad una vecchia strada, oggi una delle strade della città: Via Sant'Antonio Abate. A proposito, vorrei aggiungere che via Sant'Antonio Abate è anche un famoso, storico mercato giornaliero che si estende lungo tutta la via. Per i volenterosi e curiosi allego una mappa che mostra come arrivare dal cancello a Via Sant'Antonio Abate.

Mappa di accesso a Via Sant'Antonio Abate
base della mappa: openstreetmap.org
Via Sant'Antonio Abate a Napoli
foto: Mark1000 (Marco Antonio) secondo CC BY-SA 3.0

Attualmente la porta è più associata ad un arco trionfale, perché si erge completamente isolata e nessun muro la raggiunge. Un tempo, però, faceva parte delle mura difensive aragonesi che circondavano la città. Qui si trovano ancora oggi i resti delle mura in prossimità della porta, insieme ai frammenti conservati delle vicine torri difensive. Sono cresciuti nella città e sono stati strettamente racchiusi con edifici più recenti, creando attualmente un organismo.
Una delle torri sembra divertente, in cima alla quale c'è una piccola casa. Ammetto di non aver trovato informazioni su come e quando sia stata costruita, ma guardando i pinnacoli di altre torri di Napoli (sono piatti e non ci sono case sopra), è difficile ipotizzare che questa casa abbia stato qui per sempre. Come curiosità, sto postando una foto dalle mappe tridimensionali di Google.

Una casa su una delle torri
Fonte: Google Maps

Porta Capuana, Coordinate GPS:
40°51’15.9″N 14°15’55.7″E
40.854419, 14.265478 - fare clic e instradare

Via Sant'Antonio Abate, Coordinate GPS:
40°51’25.7″N 14°15’56.5″E
40.857131, 14.265680 - fare clic e instradare

Una torre con una casa in cima, Coordinate GPS:
40°51’19.5″N 14°15’51.3″E
40.855404, 14.264239 - fare clic e instradare

2. Cattedrale di S. Gennaio (Cattedrale di San Gennaro, Duomo di Napoli)
Interno della Cattedrale di S. Gennaro a Napoli
foto: Berthold Werner secondo CC BY-SA 3.0

Una delle chiese più splendidamente decorate di Napoli. Si compone dell'edificio principale e di due cappelle laterali aggiunte successivamente.
L'edificio principale fu costruito a cavallo tra il XIII e il XIV secolo. Fu eretto sul sito della Basilica Stefania parzialmente demolita, che esiste qui dal VI secolo.

Fatto interessante:
Dopo che la costruzione della cattedrale fu completata, davanti ad essa c'era una statua equestre. È rimasto qui per secoli prima della demolizione della basilica. E tutto andrebbe bene se non fosse per le leggende associate a questo monumento. I residenti locali credevano che Virgilio avesse scolpito il monumento con l'aiuto della stregoneria e che quindi il monumento avesse la capacità di curare i cavalli. Per il cardinale Filomarino questa storia si dimostrò insopportabile e ordinò lo smantellamento della statua. Alla fine, la figura fu fusa e il bronzo così ottenuto fu utilizzato per realizzare le campane, che ancora oggi sono appese nella cattedrale.

Per i curiosi:
La cattedrale custodisce le reliquie di S. Januarego (una bottiglia contenente il suo sangue). Due volte all'anno (a maggio ea settembre) le reliquie vengono esposte al pubblico. Se poi il sangue sarà liquido, Napoli ne godrà in abbondanza. Altrimenti accadrà qualcosa di brutto (come nel XVI secolo, quando il sangue si rapprese e la città fu colpita da un'epidemia).

Dopo essere entrato nella cattedrale, puoi continuare con i prossimi due oggetti. Si entra dall'interno della cattedrale. A destra è l'ingresso alla Reale Cappella del Tesoro di San Gennaro. La cappella ornata ospita ed espone opere d'arte e gioielli tempestati di gemme, tra cui una mitra vescovile e busti d'argento. L'ingresso è a pagamento.
Sulla sinistra troverai l'ingresso alla Basilica di Santa Restituta, di cui scriverò di più nella prossima sezione (3)

check out: biglietti per San Gennaro – [clicca]

Cattedrale di S. Gennaro a Napoli, Coordinate GPS:
40°51’08.8″N 14°15’33.4″E
40.852443, 14.259263 - fare clic e instradare

3. Basilica di Santa Restituta
All'interno della Basilica di Santa Restituta a Napoli
foto: Berthold Werner secondo CC BY-SA 3.0

La Basilica di Santa Restituta è uno degli edifici paleocristiani più antichi, conservati fino ad oggi. Si sono conservate anche le decorazioni interne della sala del battistero. In origine la chiesa aveva cinque navate e probabilmente anche cinque ingressi, quindi era molto più grande di quanto non sia oggi.
I frammenti conservati dell'edificio e delle decorazioni (compresi i mosaici) risalgono al IV e V secolo d.C.
Alla basilica si accede dall'interno della Cattedrale di S. gennaio (a sinistra). L'ingresso alla basilica è gratuito, ma bisogna pagare per entrare nella stanza del battistero.

Basilica di Santa Restituta, Coordinate GPS:
40°51’10.6″N 14°15’33.6″E
40.852934, 14.259325 - fare clic e instradare

4. Madonna con una pistola di Banksy
Madonna con una pistola di Banksy a Napoli
foto: Antoine Pitrou secondo Licenza artistica gratuita 1.3

Una delle opere dello street artist forse più famoso al mondo è su un muro nel centro storico di Napoli. Fino a pochi anni fa l'opera era disponibile senza alcuna garanzia. Dopo un notevole aumento dell'interesse per l'artista stesso e per il suo lavoro su Madonna con una pistola, iniziò ad essere affollato e si temeva che l'opera venisse distrutta.
Attualmente l'opera è racchiusa in un apposito armadio e può essere ammirata solo attraverso il vetro.

Madonna con una pistola di Banksy, Coordinate GPS:
40°51’05.8″N 14°15’31.7″E
40.851607, 14.258797 - fare clic e instradare

5. Napoli Sotterranea ANS (Napoli sotterranea)

Quando fu fondata Napoli, in realtà c'erano due città. Ciò era dovuto alla roccia sotterranea di origine vulcanica (il cosiddetto tufo), perfetta per la costruzione.
Da dove vengono i materiali da costruzione da cui provengono i prossimi edifici? Metropolitana! I primi sotterranei di cava furono creati dai Greci già nel III secolo a.C. Blocchi di roccia di dimensioni adeguate venivano separati dalla solida roccia sotterranea, estratti in superficie e utilizzati per la costruzione. La città è cresciuta sul terreno e sono stati creati corridoi e vuoti sotterranei, la maggior parte dei quali sono stati utilizzati come cisterne per immagazzinare l'acqua. Successivamente (durante i tempi dei romani) l'estrazione mineraria è stata effettuata in modo più pianificato e, tra l'altro, è stato creato un sistema di collegamenti ben congegnato nel sottosuolo per controllare il flusso dell'acqua, ad es. acquedotti.
Nel tempo, il sistema si è ingrandito e ha acquisito nuove funzioni. C'erano strade, un mercato e persino un teatro nel sottosuolo.
Il sistema di grotte e sotterranei di Napoli si estende sotto l'intera area del centro storico cittadino, e gran parte di essi rimane ancora inesplorato. Si dice che se vuoi sapere quanto sono grandi le grotte sotto i tuoi piedi, guarda quanto sono grandi gli edifici davanti ai tuoi occhi. Più grande è l'edificio, più materiali sono necessari per costruirlo, e quindi più grande è il buco nel terreno sotto l'edificio. La maggior parte degli edifici di Napoli aveva quindi un accesso diretto al sistema sotterraneo e disponeva di un proprio serbatoio idrico sotterraneo. Ancora oggi, in alcune case, la discesa nel sottosuolo è bloccata da un letto o da un armadio, in modo che i bambini non si avventurino accidentalmente in sotterranei sconosciuti e pericolosi.
Quindi, quando cammini per Napoli, sappi che a 40 metri sotto i tuoi piedi c'è una seconda città, che i napoletani spesso chiamano "l'immagine speculare" di ciò che si vede in superficie.

ingresso a Napoli Sotterranea (5) - ecco come appare la stradina dalla piazza antistante la Basilica di San Paolo (Basilica di San Paolo Maggiore)
cliccando sull'immagine si accederà alla visualizzazione su Google Maps
fonte: Google Maps

A causa della teorica moltitudine di ingressi e della relativa facilità di accesso alle gallerie da molti luoghi non autorizzati, è stato introdotto a Napoli un sistema di licenze che autorizzano l'accesso e guidano i turisti nella metropolitana. Attualmente, i più popolari sono i servizi di due associazioni con tale licenza:
- il primo è questo Associazione Napoli Sotterranea - ANS (numero indicatore sulla mappa 5)
- la seconda associazione è LAES (numero indicatore sulla mappa 32) - una descrizione più dettagliata si trova nell'altra parte del testo.

check out: biglietti ingresso Napoli Sotterranea (n. 5) – [clicca]

Napoli Sotterranea (Napoli sotterranea - N. 5 sulla mappa), Coordinate GPS:
40°51’04.6″N 14°15’24.4″E
40.851281, 14.256766 - fare clic e instradare

6. Città sotterranea sotto la chiesa di San Lorenzo Maggiore

Probabilmente l'esempio più interessante della costruzione stratificata di Napoli è quello che possiamo vedere visitando la chiesa e il monastero di San Lorenzo Maggiore. Attualmente l'edificio funge anche da museo, esponendo su tre piani molti reperti interessanti relativi a San Lorenzo e alla storia ampiamente compresa di Napoli. Il più interessante, tuttavia, è sotterraneo.

Mi è ancora difficile immaginare come sia andata in pratica, ma l'effetto è che la chiesa di San Lorenzo Maggiore è stata letteralmente eretta sulla preesistente agorà greca, foro romano ed edificio commerciale (!!!), che in origine erano due storie in alto. Attualmente il piano terra è più o meno a livello del secondo piano del macellum (ovvero il suddetto edificio commerciale) del I-II secolo a.C.

.

Il ritrovamento è piuttosto recente, perché è stato aperto al pubblico solo nel 1992, dopo 25 anni di scavi. Finora è stata scavata più o meno la metà dell'edificio coperto, ma l'impressione è elettrizzante. Si entra nei sotterranei della chiesa, e c'è una seconda città: un edificio commerciale, una strada, un frammento dell'agorà... c'è una leggera scossa!

check out: biglietti per San Lorenzo Maggiore e metropolitana – [clicca]

Sotterranei sotto la chiesa di San Lorenzo Maggiore, Coordinate GPS:
40°51’02.6″N 14°15’27.5″E
40.850733, 14.257649 - fare clic e instradare

7. Via San Gregorio Armenia

Dopo aver esplorato il sottosuolo, è tempo di respirare una boccata d'aria fresca. Se hai scelto di visitare il punto precedente del viaggio, ovvero San Lorenzo Maggiore, hai già percorso qualche gradino San Gregorio Armeno e più o meno sai cosa ti aspetta.

In questa via si trova un famoso centro di presepi e arti legate ai presepi. Lunga circa 200 metri, una via strettissima, stretta tra i palazzi, per tutta la sua lunghezza è fiancheggiata da bancarelle stracolme di presepi. Ba! Ci sono interi scenari paesaggistici, installazioni di scene di genere e innumerevoli figurine, non solo per l'occasione natalizia (celebrità, atleti, artisti, politici e personaggi famosi sono in vendita qui sotto forma di figurine accattivanti). Si tratta per lo più di lavori fatti a mano, piccoli capolavori, spesso unici e inimitabili.
In generale, tutto ciò che acquisti qui è adatto per essere inserito in una culla o esposto separatamente. Le cose non sono economiche, ma alcune sono davvero difficili da resistere. Puoi spendere qualsiasi somma di denaro qui se vuoi.
Puoi guardare gratuitamente 🙂
Devo ammettere che è un vero piacere guardare queste meraviglie fatte a mano.
Certo, l'apogeo della popolarità, l'ampiezza dell'offerta e ... il livello dei prezzi cade nel periodo prima di Natale.

Una strada di presepi natalizi, Coordinate GPS:
40°51’00.3″N 14°15’28.2″E
40.850081, 14.257821 - fare clic e instradare

8. Cappella Sansevero e Cristo sotto la Sindone (Museo Cappella Sansevero)
Particolare della scultura del Cristo sotto il sudario nella Cappella Sansevero, Napoli
foto: David Sivyer secondo CC BY-SA 2.0

Senza dubbio, questo punto del viaggio dovrebbe essere considerato obbligatorio. Nella cappella c'è un'opera d'arte che impressionerà anche le persone più resistenti all'arte. Garantita!
Il corpo a grandezza naturale del Cristo morto nascosto sotto un delicato sudario è scolpito in un unico pezzo di marmo. Anche guardando da vicino quest'opera, è difficile capire come sia possibile che il sudario morbido e traslucido non sia una vera tela, ma una scultura di pietra. Indubbiamente, si tratta di qualcosa di insolito e unico nella scala dell'intera storia dell'arte.
La scultura è frequentemente visitata da artisti di tutto il mondo che vengono a Napoli per vedere la tecnica della sua esecuzione. Fino ad oggi, tuttavia, nessuno ha eguagliato l'originale, e il maestro del classicismo italiano, lo stesso Antonio Canova, ha dichiarato che avrebbe dato dieci anni della sua vita per essere l'autore di quest'opera.

All'interno non è consentito fotografare, quindi ecco i collegamenti alle foto di altri autori:

- interno della Cappella Sansevero – [clicca]

- Cristo sotto il sudario – [clicca]

Cristo, che è la parte centrale della mostra, non è l'unica opera eccezionale esposta nella cappella. È circondato da molte altre sculture. I visitatori della cappella, molto colpiti dal "Cristo sotto il sudario", spesso vi prestano meno attenzione. Vi esorto a non saltarne in nessun caso almeno due: un uomo che cerca di liberarsi dalla rete (es. "Disinganno" di Francesco Queirolo) e una donna coperta da un velo (es. "Pudicizia" di Antonio Corradini.
In piedi ai piedi della scultura di Cristo, dietro la sua testa sul lato destro contro il muro troverai "Disinganno", e simmetricamente sul lato sinistro c'è "Pudicizia").

Un'altra sorpresa ti aspetta dopo essere sceso nella cappella sotterranea. Lì, nelle vetrine, il cosiddetto macchine anatomiche, cioè scheletri di una donna e di un uomo, con un sistema circolatorio conservato che intreccia fittamente entrambe le figure. La vista è leggermente scioccante e nel corso dei secoli sono cresciute molte leggende intorno alle macchine anatomiche.
Uno di loro dice addirittura che gli scheletri sono una coppia di servitori che lavoravano per Raimondo di Sangro, cioè il principe Sansevero, responsabile della costruzione della cappella. Il principe era una figura estremamente colorata e controversa, e allo stesso tempo di grande talento e ben istruita. Condusse numerosi esperimenti, incomprensibili ai più, e uno di questi consisteva nell'iniettare nei corpi dei servitori una sostanza metallizzante che, dopo essersi dissolta nel loro sistema sanguigno, doveva portare alla metallizzazione delle vene che la formavano.
Questa teoria è stata finalmente confutata solo nel 2007 (!!!). Una ricerca condotta dall'American Institute for Conservation of Historic & Artistic Works di Washington, D.C. ha dimostrato che il sistema circolatorio non è l'effetto della metallizzazione, ma è stato creato come un lavoro manuale estremamente preciso (dal dottor Giuseppe Salerno, sotto la supervisione del Duca di Sansevero), realizzato con fili, fibre e cera colorata.
Rimane ancora un fatto inspiegabile che all'epoca in cui è stato realizzato questo modello, che riproduce fedelmente il sistema circolatorio, non erano ancora disponibili le conoscenze che permettessero di realizzarlo con un tale grado di dettaglio.

Tra i punti salienti spiccano la Cappella San Severo e il Cristo velato particolarmente a rischio di penuria biglietti d'ingresso. Se c'è un problema con la disponibilità e l'acquisto, puoi provare a unirti a una delle visite guidate che hanno ingressi garantiti (acquistano in anticipo grandi lotti di biglietti). L'ingresso San Severo è poi uno dei punti panoramici.

check out: visita di gruppo con guida e ingresso alla Cappella San Severo – [clicca]

Cappella di San Severo e Cristo sotto il sudario, Coordinate GPS:
40°50’57.3″N 14°15’17.4″E
40.849245, 14.254836 - fare clic e instradare

9. Chiesa del Gesù Nuovo
Facciata della chiesa del Gesù Nuovo a Napoli
foto: Berthold Werner secondo CC BY-SA 3.0

La costruzione della chiesa del Gesù Nuovo ha una storia piuttosto interessante, perché prima di diventare una chiesa, era un palazzo (si chiamava Palazzo Sanseverino)! Fu commissionato da Roberto Sanseverino, duca di Salerno, e fu confiscato insieme a tutti i beni a seguito delle attività politiche della famiglia Sanseverino (si schierarono con i ribelli durante la rivolta del 1547 contro Pedro de Toledo, viceré di Spagna).
Per me, questa è una buona scusa per contrabbandare una storia breve e interessante in poche parole.

Nel 1503 gli spagnoli, in competizione per l'influenza con i francesi, presero il pieno controllo del regno di Napoli. Napoli divenne un elemento essenziale del potere spagnolo. Nella sua zona fu rapidamente nominato un viceré spagnolo (Pedro de Toledo) che lo affidò alla supervisione dell'area del regno.
Il dominio di Pedro de Toledo fu severo, ma dal punto di vista degli spagnoli influenzò positivamente lo sviluppo e la forza economica della città (nel 1550 Napoli raggiunse le dimensioni della seconda città più grande d'Europa dopo Parigi).
Come parte dei suoi cambiamenti, Toledo introdusse a Napoli ad es. esecuzioni sommarie e camminare per la città dopo il tramonto con una pistola era punibile con la morte. Nell'ambito della "spagnolizzazione" di Napoli, chiuse la prima associazione formale di studiosi e umanisti, l'Accademia Pontaniana. Tuttavia, quando nel 1547 tentò di introdurre a Napoli l'Inquisizione spagnola, scoppiò una ribellione. Le ricche famiglie che abitavano la zona di Napoli e del regno sapevano come funzionava l'inquisizione e ne avevano paura. Accuse false contro persone scomode e processi fittizi hanno portato a condanne in base alle quali le proprietà di tali persone sono state sottratte. Non sorprende che molti nobili e ricchi sostenessero la ribellione. Alla fine il viceré spagnolo si ritirò dall'introdurre l'inquisizione, ma le famiglie ribelli furono punite... con la confisca dei beni. Così, una ribellione causata dalla paura di perdere la loro ricchezza li ha portati a perdere la loro ricchezza. Questo è esattamente quello che è successo alla famiglia Sanseverino e al loro palazzo a Napoli.

Il palazzo confiscato fu acquistato dai Gesuiti per 45 ducati che decisero di adibirlo a chiesa. L'interno della chiesa è stato decorato su larga scala e si può dire che è diventata una grande opera d'arte (principalmente pittura e scultura).
All'interno della chiesa sono presenti diverse cappelle, ma la più interessante è la Cappella della Visitazione, dove sono custodite le spoglie di un docente dell'Università di Napoli: Giuseppe Moscati.
Moscati è il primo medico moderno ad essere chiamato santo. Era famoso per il suo disinteresse, la capacità di diagnosticare con precisione e trattare efficacemente casi senza speranza. Nella cappella è presente una parete votiva, con i ringraziamenti dei guariti.

Chiesa del Gesù Nuovo, Coordinate GPS:
40°50’50.5″N 14°15’07.2″E
40.847357, 14.251993 - fare clic e instradare

10. Monastero di S. Chiara (Monastero di Santa Chiara)
Decorazioni colorate nel cortile interno del monastero di S. Chiara a Napoli
foto: Velluto sulla base dei principi CC BY-SA 3.0

Direttamente di fronte alla Chiesa del Gesù Nuovo si trova il Monastero di S. Chiara, e fondamentalmente un complesso monastico, costituito da una basilica, un alto campanile autoportante e edifici monastici, che attualmente ospitano un museo. Un tempo riccamente decorata, la basilica presenta oggi un interno piuttosto austero, a causa dei bombardamenti alleati durante la seconda guerra mondiale (i bombardamenti avvennero nell'agosto del 1943). Le esplosioni di bombe seguite da vasti incendi hanno quasi raso al suolo l'edificio. La basilica, pur essendo stata ricostruita negli anni Cinquanta, ha ricevuto l'arredo e la forma che aveva nei suoi primi anni (costruita nel XIII secolo), prima che Domenico Antonio Vaccaro si occupasse della sua ricostruzione e decorazione nel XVIII secolo.
Il principale ricordo dell'attività di Domenico Antonio Vaccaro, e allo stesso tempo il più grande tesoro del complesso monastico, sono i chiostri nascosti sul retro e il cortile da essi circondato. La maggior parte dei visitatori viene qui solo per questo cortile. Diviso in quattro parti da due vicoli che si intersecano, crea un tranquillo rifugio nel mezzo di una città affollata, dando un po' di tregua durante le visite turistiche. Ti consiglio di approfittare dell'occasione e rilassarti un po', godendoti le decorazioni fatte di piastrelle colorate, che nelle foto ricordo sembrano bellissime. L'intera atmosfera idilliaca del cortile è completata dagli alberi di agrumi che crescono qui. Se vieni qui nel momento in cui hanno frutta su di loro, il livello di gioia salirà di altri tre livelli 🙂
Per raggiungere il cortile, devi entrare attraverso il cancello accanto all'alto campanile in piedi, quindi seguire il muro esterno sinistro della basilica fino alla sua estremità.

Monastero di S. Chiara (Monastero di Santa Chiara), Coordinate GPS:
40°50’50.0″N 14°15’09.3″E
40.847210, 14.252587 - fare clic e instradare

11. Via Toledo

Via Toledo è ampiamente riconosciuta come la strada più rappresentativa di Napoli. Se sei riuscito a leggere la descrizione al punto (9), assocerai facilmente il nome della via. Deriva dal nome del viceré spagnolo Pedro de Toledo qui citato, che regnò qui quando Napoli era sotto il controllo degli spagnoli. Fu lui che, grazie all'architetto italiano da lui impiegato (Ferdinando Manlio), diede alla via il suo carattere attuale, trasformandola in un prestigioso viale con bei palazzi. Nei secoli successivi la strada fu ovviamente modificata (furono eretti edifici più alti), ma conservò il suo prestigio e il suo carattere commerciale.
Principalmente spagnoli si insediarono nella via e nei suoi dintorni (infatti, il posto più prestigioso della città era riservato loro dal re). Da qui il nome del quartiere, dopo il quale dovremo ancora camminare: i Quartieri Spagnoli.

Vale la pena fare una breve passeggiata su Via Toledo, soprattutto perché non è lunga. È lungo circa 1200 metri e collega due importanti piazze: Piazza Dante e Piazza Trieste e Trento. Se stai visitando Napoli secondo il mio piano, il percorso ti condurrà attraverso un breve tratto di strada. Se hai ancora la forza dopo una giornata di visite turistiche, invece di andare direttamente alla stazione della metropolitana Toledo (la prossima fermata del tuo tour), vai prima in Piazza Dante e poi prendi Via Toledo fino alla stazione della metropolitana Toledo. Il tutto è ben illustrato dalla mappa da me preparata:

Posizione di Via Toledo rispetto ad altri punti del percorso turistico

Punto di riferimento su Via Toledo, Coordinate GPS:
40°50’40.1″N 14°14’56.8″E
40.844471, 14.249098 - fare clic e instradare

12. Toledo (metropolitana) - stazione dell'arte
Interno della stazione della metropolitana Toledo di Napoli
foto: Mario Esposito

Toledo è una stazione unica. Basta inserirlo e tutto diventerà chiaro. Qualcuno, una volta a Napoli, ebbe l'idea di permettere agli artisti di dare alle stazioni un aspetto unico, in accordo con selezionate visioni artistiche. E non si trattava di pittura a spruzzo sulle pareti, ma di una visione ampia e completa dello spazio pubblico artistico. C'erano volontari, c'erano soldi, ed è così che è nato il progetto "Plan One Hundred Stations", comunemente chiamato Art Stations. Nell'ambito di questo progetto, 11 stazioni hanno già acquisito un aspetto artistico, compresa la stazione Toledo.
In questo modo Napoli, che può arditamente competere per il titolo di città più inquinata del mondo, è anche la città con le stazioni della metropolitana più belle e pulite. Paradosso? Questa è Napoli!

Le stazioni dell'arte attualmente disponibili a Napoli sono: Dante, Garibaldi, Materdei, Municipio, Museo, Salvator Rosa, Rione Alto, Toledo, Università, Quattro Giornate, Vanvitelli.

Ingresso alla stazione della metropolitana Toledo, Coordinate GPS:
40°50’33.3″N 14°14’56.4″E
40.842572, 14.248993 - fare clic e instradare

Napoli Sightseeing - Giorno XNUMX (Area B e Area C)

Il secondo giorno di visite turistiche è molto lungo e ricco di attrazioni. Se ieri hai esaurito le forze per percorrere Via Toledo (11), puoi provare a recuperare oggi (secondo la mappa che ho postato prima, al punto 11 - Via Toledo). Invece di prendere la metropolitana fino alla stazione Toledo in partenza il giorno XNUMX, puoi andare alla stazione Dante. La stazione Dante si trova in Piazza Dante. Da qui si percorre Via Toledo fino alla stazione Toledo e si prosegue come indicato nella cartina sottostante che mostra l'itinerario del secondo giorno.

La mappa del cammino per questa giornata si compone di due parti: Zona B e Zona C. È solo molto più leggibile in questo modo. Il giro turistico copre gran parte della città, quindi il tentativo di mettere tutto su una mappa ha oscurato la situazione.
Ho deciso di unire zona B e zona C in un giorno, ipotizzando di trascorrere solo due giorni a Napoli. Se hai più tempo, puoi visitare queste aree separatamente.
Le distanze da coprire in entrambe le aree sono le seguenti:
- Zona B: percorrere circa 9 - 10 km
- Zona C: circa 4 km da percorrere

Area B - Visitare San Ferdinando, Quartieri Spagnoli e Colle del Castello di Napoli

Diamo un'occhiata più da vicino alla mappa che presenta la prima parte della passeggiata, situata nell'area B.

Mappa del percorso di visita di San Ferdinando, Quartieri Spagnoli e Colle del Castello a Napoli

La più vicina alla prima attrazione della giornata, ovvero il Castel Nuovo (Castel Nuovo, sulla mappa n. 13), è la fermata metro Municipio. È così vicino al castello che puoi persino vedere parti delle sue mura all'interno della stazione della metropolitana.
Le prime sei attrazioni si trovano molto vicine tra loro e quattro di esse (15, 16, 17, 18) possono essere viste anche senza muoversi, perché sono concentrate attorno a un'unica grande piazza Piazza del Plebiscito. La vera passeggiata inizia solo dopo e conduce attraverso i Quartieri Spagnoli (21, 22), per i quali vale la pena dedicare un po' più di tempo. L'ultima parte di questa parte della passeggiata è un viaggio in treno fino alla collina del castello (una linea retta che collega i punti 23 e 24 sulla mappa) e una passeggiata verso il belvedere. Il ritorno segue lo stesso percorso fino al punto 23, dove si trova la stazione della metropolitana (Montesanto). Da qui puoi prendere la metropolitana (linea L2 - blu) fino alla stazione Cavour, che è il punto di partenza per esplorare l'area C.

Area C - visita alle catacombe e alle attrazioni a nord del centro storico di Napoli

Le catacombe non sono raggiungibili con la metropolitana. Devi arrivarci con altri mezzi di trasporto (taxi, autobus numeri: 168, 178, 204, 460, 460A, C63, C67, 3M) o camminare per circa 1,8 km solo andata dalla stazione della metropolitana Cavour. Presumo che almeno in una direzione sceglierai l'opzione di camminare, quindi ho guidato il percorso per non allungarlo artificialmente. Fortunatamente, però, il percorso a piedi affianca altre attrazioni che renderanno il vostro cammino più piacevole.

Mappa di visita delle catacombe e delle attrazioni a nord del centro storico di Napoli

Suggerisco di mantenere il seguente ordine di visita: 26, 28, 29, 30, 31, lasciando alla fine il numero 27 (ovvero il Museo Archeologico Nazionale). Tuttavia, tieni presente che facendo tutto in un giorno (aree B + C) esaurirai il tempo o le forze al museo.

13. Castel Nuovo
Castel Nuovo a Napoli

Come suggerisce il nome, la capitale del Regno di Napoli fu…. Palermo. Si si! Fino al XIII secolo, e più precisamente fino al 1266, il centro di comando del Regno di Napoli era in Sicilia. Il cambiamento avvenne con l'ascesa al trono di Carlo d'Angiò. Decise di spostare la capitale del regno a Napoli, commissionando nel contempo la costruzione di un nuovo castello (da cui il nome Castel Nuovo). Il castello doveva avere le giuste dimensioni, slancio e… essere vicino al mare.
Gli architetti soddisfacevano i requisiti del re? Controlla! Aggiungo solo che per vari motivi il castello rimase disabitato fino alla morte di Carlo d'Angiò. Divenne il punto focale del regno solo dopo l'ascesa al trono del figlio del re, Carlo II lo Zoppo.

Castel Nuovo (Castel Nuovo), Coordinate GPS:
40°50’18.3″N 14°15’09.0″E
40.838428, 14.2524993 - fare clic e instradare

14. Galleria Umberto I Napoli (Via Toledo)
Centro Commerciale Uberto I a Napoli

Per gli amanti dello shopping, questo sarà il momento clou della tua visita a Napoli. Un enorme e allo stesso tempo bellissimo centro commerciale, coperto da un tetto traforato e in vetro simile alla galleria di Milano. Qui incontrerai i marchi migliori e più costosi del mondo. Se soffri di denaro in eccesso, pulirai rapidamente il tuo portafoglio e le carte di credito dai soldi rimasti su di esse.
Tuttavia, indipendentemente dalla ricchezza del portafoglio, vale la pena fare una breve passeggiata nel centro commerciale, se non altro per ammirare lo squisito stile architettonico di questo edificio.
La galleria è a forma di croce e ha quattro entrate e uscite principali. Uno di essi si affaccia sulla già nota Via Toledo.

Galleria Umberto I Napoli, Coordinate GPS:
40°50’18.5″N 14°14’58.2″E
40.838482, 14.249485 - fare clic e instradare

15. Teatro San Carlo
Interno del Teatro San Carlo di Napoli
fonte: Wikipedia di pubblico dominio

Il palcoscenico dell'opera (e del balletto) del Teatro San Carlo è in funzione ininterrottamente dal 1737. Questo lo rende il più antico teatro dell'opera ininterrotto nella storia del mondo (è diversi decenni più vecchio della Scala di Milano). Quando fu costruito, era anche il palcoscenico più grande del mondo, con una capienza di pubblico di oltre 3200 persone (ora la capienza dell'auditorium è stata volutamente ridotta a 1386 posti). Fu su questo modello che in seguito furono costruiti i teatri d'opera più grandi e famosi. Per quasi 150 anni è stata la scena dominante d'Italia. Il suo dominio terminò con l'Unità d'Italia (nel 1861). La concentrazione del potere e della ricchezza nella parte settentrionale del nuovo stato italiano aumentò naturalmente il prestigio e la popolarità del Teatro alla Scala di Milano. Il Teatro San Carlo perse progressivamente la sua importanza, cadendo in difficoltà finanziarie sempre più profonde. Nel febbraio 1816 gran parte del teatro fu distrutto da un incendio e durante la seconda guerra mondiale dai bombardamenti. Fortunatamente, in entrambi i casi, il teatro fu rapidamente ricostruito, restituendogli il giusto splendore.
Si può visitare il Teatro di San Carlo che, per la bellezza degli interni, consiglio vivamente. Il giro turistico si svolge sotto la supervisione di una guida e i biglietti vengono acquistati presso la biglietteria immediatamente prima del tour (l'ultimo prezzo noto del biglietto dal 2022 è di 9 EUR).

Fatto interessante:
Il teatro ha un collegamento diretto con il palazzo reale situato alle sue spalle. Il re è venuto a teatro senza uscire e il corridoio che collega il palazzo con il teatro esce direttamente dal palco reale.

Teatro San Carlo, Coordinate GPS:
40°50’15.8″N 14°14’58.3″E
40.837731, 14.249537 - fare clic e instradare

16. Il Palazzo Reale di Napoli (Palazzo Reale di Napoli)
A sinistra un frammento del Palazzo Reale, a destra un frammento di Palazzo Salernon e in primo piano una statua equestre del re Ferdinando I sulla pianta di Piazza del Plebiscito a Napoli
foto: Yahya Momtaz

Nel luogo dove attualmente sorge il palazzo vi era in precedenza una residenza dei viceré di Spagna che governavano il regno di Napoli. La residenza, costruita per il viceré spagnolo Filippo III d'Asburgo, non fu però mai visitata perché Filippo III non venne mai a Napoli. Ben presto si decise di sostituire la residenza con un palazzo più grande e molto più rappresentativo e nel 1600 fu incaricato di progettarlo l'architetto svizzero Domenico Fontana. Probabilmente il nome del progettista non dirà molto ai più, ma basti aggiungere che è stato anche l'architetto di St. Pietro in Vaticano e la Biblioteca Vaticana... ed è già noto che i presidi hanno raggiunto un professionista di altissima qualità.
Il palazzo, costruito sulla base del progetto, fu in seguito più volte ricostruito, ampliato e abbellito. Ha acquisito un carattere estremamente sontuoso con interni deliziosi. Certo, il palazzo può essere visitato. Poi si possono vedere, tra gli altri: gli appartamenti reali, la Sala degli Ambasciatori, la Sala del Trono, la Cappella Palatina, il Giardino Pensile e il Teatro di Corte che fa parte del palazzo.

check out: biglietti d'ingresso al Palazzo Reale di Napoli – [clicca]

Orari di apertura del complesso del palazzo:
chiuso tutti i mercoledì, 25 dicembre e 1 gennaio
aperto negli altri giorni

Il Palazzo Reale è aperto dalle 9.00 alle 20.00
la biglietteria chiude un'ora prima della chiusura del palazzo

La Galleria del tempo è aperta dalle 9:00 alle 19:00
ultimo ingresso in 18.00

Palazzo Reale di Napoli, Coordinate GPS:
40°50’10.3″N 14°14’57.7″E
40.836184, 14.249359 - fare clic e instradare

17. Piazza del Plebiscito (Piazza del Plebiscito)

La più grande e una delle piazze più belle di Napoli. Da esso si possono vedere più attrazioni contemporaneamente (15, 16, 18) perché ne è circondato. Il nome della piazza ricorda il plebiscito tenutosi nel 1860, con il quale i paesi situati sulla penisola appenninica furono uniti in un unico grande stato comune: il Regno d'Italia (oggi Italia).
Nel 1963 la piazza fu trasformata in un enorme (ed estremamente brutto) parcheggio per auto e autobus. Fortunatamente, il vertice del G1994 a Napoli nel 7 ha costretto le autorità cittadine a rinnovare la piazza (all'epoca l'asfalto è stato sostituito con ciottoli), che alla fine ha portato alla completa chiusura della piazza per le auto. I successivi restauri e l'adeguamento della piazza esclusivamente pedonale ne hanno fatto senza dubbio uno dei luoghi aperti più interessanti della città. Di tanto in tanto, al dito si tengono grandi concerti all'aperto (Bruce Springsteen, Elton John, Muse, Maroon 5 si sono esibiti qui).

Piazza del Plebiscito a Napoli, Coordinate GPS:
40°50’08.9″N 14°14’54.5″E
40.835792, 14.248481 - fare clic e instradare

18. Basilica di S. Francesco di Paola (Basilica San Francesco da Paola)
Basilica di S. Francesco di Paola a Napoli

Il più imponente di tutti gli edifici che circondano Piazza Plebiscito è l'edificio della Basilica di San Pietro. Francesco di Paola. In origine doveva glorificare la persona di Napoleone Bonaparte, e ne fu ideatore e committente il re di Napoli Gioacchino Murat (privatamente cognato di Napoleone). All'edificio principale fu data la forma universalmente apprezzata e nobilitante del Pantheon romano (un Pantheon simile si trova anche a Parigi) combinata con due colonnati ad arco. Onestamente, bisogna ammettere che l'edificio sembra davvero impressionante.
Dopo la caduta e l'esilio di Napoleone nell'isola di Sant'Elena, quando la costruzione era quasi ultimata, i Borboni ripresero il potere a Napoli. Hanno rapidamente completato l'edificio e, ovviamente, lo hanno immediatamente riadattato. In questo modo, al posto del magnifico Pantheon in onore di Napoleone, una chiesa dedicata alla memoria di S. Francesco di Paola.
La basilica rimane una chiesa attiva che può essere visitata.

Basilica di S. Francesco di Paola, Coordinate GPS:
40°50’07.3″N 14°14’51.3″E
40.835362, 14.247572 - fare clic e instradare

19. Castel dell'Ovo
Castel dell'Ovo a Napoli
foto: Brad Tessitore

Il nome del castello è spesso tradotto come Castello dell'uovo, anche se è decisamente più adatto al nome Castello sull'uovo. Perché è meglio?
Castel dell'Ovo è stato costruito su un isolotto, che non è un unico scoglio, ma è costituito da due scogli collegati da un arco naturale. La costruzione di una struttura così grande e massiccia su una struttura fragile vicino a un vulcano attivo, che ogni tanto genera terremoti più o meno grandi, è un progetto piuttosto rischioso. Se dovessi prevedere se un castello costruito in questo modo ha la possibilità di sopravvivere mille anni, direi che non lo farà. Eppure ha già 900 anni (come fortezza fortificata fu costruita nel XII secolo) e sta ancora bene.
Tuttavia, la leggenda dice che non sarebbe stato possibile se non fosse stato per l'uovo magico posto sotto il castello. Ha un potere magico così grande che, sostenendo la fragile roccia, consente al castello di reggersi stabilmente.
La fede dei napoletani nel potere dell'uovo magico era così grande che quando durante il regno di Giovanna I (XIV secolo) il castello subì ingenti danni a seguito del crollo dell'arco di roccia, la regina, per scongiurare il panico , fu costretto ad annunciare ufficialmente che un nuovo uovo era stato deposto sotto il castello.
Gli storici sono scettici sulla leggenda e da secoli dimostrano che il nome del castello deriva dalla sua forma, ma chi crederebbe agli storici!

Sull'isola ai piedi del castello, un piccolo villaggio di pescatori di Borgo Marinari opera dal XIX secolo. Attualmente è nota soprattutto per il suo porticciolo e per diversi ristoranti rinomati e consigliati. Il porto è ampiamente noto per il fatto che di recente, poco più di 30 anni fa, le barche del contrabbando di sigarette sono partite da qui. I ristoranti sono concentrati principalmente vicino a una piccola e pittoresca piazza, che è il punto centrale della parte residenziale dell'isola.

Castel dell'Ovo (Castel dell'Ovo), Coordinate GPS:
40°49’42.5″N 14°14’51.3″E
40.828478, 14.247572 - fare clic e instradare

Piazza con ristoranti nel borgo marinaro di Borgo Marinari, Coordinate GPS:
40°49’42.0″N 14°14’54.7″E
40.828341, 14.248520 - fare clic e instradare

20. Tunnel Borbonico (Galleria Borbonica)
Interno del Tunnel Borbonico, Napoli
foto: galleriaborbonica.com a condizioni CC BY-SA 4.0

L'idea di costruire un tunnel di Ferdinando II di Borbone fu spinta dalla paura. Paura del ripetersi della situazione accaduta durante la ribellione avvenuta oltre 200 anni prima (nel 1647). Ferdinando II di Borbone conosceva bene questa storia.
Napoli era allora sotto il dominio degli spagnoli, che lottavano con problemi finanziari e consideravano la città una buona fonte di reddito. Aumentarono le tasse elevate già esistenti e ne imposero di nuove. La grande città, con oltre 300 abitanti, generò un fiume di denaro, ma il clima di ribellione e di tensione sociale che regnava in città (a causa delle tasse troppo alte) ebbe bisogno solo di un piccolo pretesto per far scoppiare la rivolta. Ciò avvenne il 7 luglio 1647, quando, su istigazione di Masaniello (figlio di un pescatore amalfitano), due suoi parenti si rifiutarono di pagare maggiori tasse al mercato della frutta. Un gruppo di teppisti organizzato in precedenza (sempre da Masaniello) ha avviato una manifestazione in difesa dei ribelli, e la folla incitata ha prima lanciato dei frutti contro la polizia arrivata, e poi in un gruppo di circa mille persone ha preso il controllo e saccheggiato l'armeria e si impadronì del carcere cittadino, liberando le persone ivi rinchiuse.
In breve tempo la folla armata e crescente guidata da Masaniello prese il controllo della città, e il viceré di Napoli (Rodrigo Ponce de León) fu praticamente tagliato fuori dal mondo esterno e imprigionato nel Palazzo Reale. Fu solo per grande fortuna che alla fine riuscì a fuggire dalla folla inferocita in un vicino monastero.
Quando più di duecento anni dopo, dal 1847, la terra siculo-napoletana iniziò ad essere scossa da successive rivolte e ribellioni (che furono, in un certo senso, l'annuncio della Primavera delle Nazioni, che poco dopo attraversò l'Europa), Ferdinando II di Borbone decise di prendersi cura della sua sicurezza. Decise così di costruire un tunnel che collegasse il palazzo reale con il presidio militare di via Morelli.
L'idea era semplice: era necessario collegare il palazzo e la guarnigione con un passaggio sotterraneo in modo che fosse possibile spostare rapidamente le truppe dalla guarnigione per difendere il palazzo, e allo stesso tempo consentire una rapida e sicura fuga dal palazzo all'esercito di guarnigione e poi in un altro luogo sicuro.
Alla fine, la perforazione del tunnel non è stata completata e termina proprio sulla soglia del palazzo reale (non c'è collegamento con il palazzo). Durante la seconda guerra mondiale fu un perfetto rifugio sicuro, e nel dopoguerra divenne un magazzino volentieri utilizzato dal tribunale locale. Al suo interno venivano immagazzinati i beni confiscati ai debitori, comprese automobili, motociclette, ecc. Rimangono nel tunnel fino ad oggi, creando uno scenario straordinario all'interno.

check out: biglietto d'ingresso al Tunnel Borbonico (Percorso Classico) – [clicca]

Ingresso principale della Galleria Borbonica (da Via Morelli):
Percorsi turistici:
– Tour Classico (Percorso Classico)
– Percorso Avventura
– Percorso Speleo Light
indirizzo di ingresso: Via D. Morelli, 61

Coordinate GPS dell'ingresso:
40°49’58.2″N 14°14’36.3″E
40.832834, 14.243427 - fare clic e instradare

21. Quartiere Spagnolo (Quartieri Spagnoli)
Strada caratteristica dei quartieri spagnoli di Napoli

I Quartieri Spagnoli sono una delle zone più interessanti e caratteristiche della città. Viene visitato non perché sia ​​bello, ma al contrario. Oggettivamente parlando, è angusto, brutto e trasandato... ma è proprio lì che sta il suo fascino! Questo è ciò che lo rende unico e unico e attira folle di turisti dagli angoli più remoti del mondo come una calamita. Edifici fitti, trascurati, strade strette, quasi claustrofobiche, piene ovunque di attrezzature varie che qui non dovrebbero esserci. Inoltre, motorini che serpeggiano tra le persone, biancheria stesa per le strade, da cui a volte gocciola qualcosa sulla testa e piazzette con bancarelle accalcate dove possibile.
Bastano pochi istanti per abituarsi e smettere di vedere la bruttezza superficiale, e vedere e sentire la vera atmosfera del quartiere spagnolo. Consiglio vivamente di concedersi un po' di tempo in questo luogo e di lasciarsi trasportare dagli occhi e dalla curiosità, girando per il quartiere senza programmare nulla. Basta metterli dove vuoi e il gioco è fatto.

Il nome del quartiere è stato creato naturalmente grazie agli spagnoli che vivevano in questa zona. Era qui che si trovava la guarnigione militare, che forniva supporto militare durante il dominio spagnolo sulla zona. Così, fu qui che i soldati spagnoli e altri nuovi arrivati ​​​​dalla Spagna si stabilirono più volentieri con le loro famiglie. Nel tempo ce ne furono così tanti che l'area prese il nome di "distretto spagnolo", anche se nel piano amministrativo ufficiale tale distretto non esiste affatto (si trova nei distretti I e II). Il solito nome, però, è più forte dei piani ufficiali e tutti a Napoli sanno dov'è il "quartiere spagnolo". Sarà molto più difficile per te trovare qualcuno che sappia dove si trova il distretto I o II 🙂

Punto centrale dei Quartieri Spagnoli, Coordinate GPS:
Questo è un punto di riferimento a cui non è necessario andare. Lo sto dando solo per un migliore orientamento sul campo.
40°50’28.6″N 14°14’49.9″E
40.841285, 14.247183 - fare clic e instradare

22. Largo Maradona
Murale di Maradona a Napoli
foto: Jack Hunter

Maradona è passato all'SSC Napoli nel 1984. Il club non era in una buona situazione finanziaria e Maradona all'epoca giocava per l'FC Barcelona e non brillava affatto in campo. Nonostante ciò, il club partenopeo prese una decisione rischiosa: pagò all'epoca la cifra record, sbalorditiva, di oltre 10 milioni di dollari, acquistando Maradona dal Barcellona. A quel tempo, nessuno sapeva ancora che l'era d'oro del club e del giocatore era appena iniziata. Durante il periodo di Maradona al Napoli, il club ha vinto il suo unico campionato italiano nella sua storia (1987, 1990) e la Coppa UEFA (1989), così come la Coppa Italia (1987) e la Supercoppa Italiana (1990).
Allo stesso tempo, Maradona ha raggiunto gli allori più alti nella nazionale argentina, vincendo la Coppa del Mondo nel 1986, e poi nel 1990 il secondo posto nella Coppa del Mondo.
L'epoca d'oro di Napoli e Maradona si è conclusa quando le loro strade si sono separate nel 1991. Tuttavia, il legame emotivo tra il giocatore, il club e la città è rimasto per sempre e la sua traccia è perfettamente visibile in città. Il Napoli tratta Maradona da santo, esibendo come reliquia la ciocca di capelli del calciatore in una teca al bar Nilo di via San Biagio Dei Librai 3 (il centro storico di Napoli tra il civico (7) di via S. Gregorio Armeno e il civico (8) Cappella Sansevero).
Nel quartiere spagnolo c'è Largo Maradona, il luogo centrale del culto del calciatore, con un grande murales e un bazar di maglie e cimeli legati al calciatore. Il posto è caratteristico e interessante anche per chi non è interessato al calcio. Il semplice fatto di tale adorazione è interessante e l'osservazione del fenomeno crea dipendenza.

Largo Maradona, Coordinate GPS:
40°50’29.1″N 14°14’42.3″E
40.841409, 14.245077 - fare clic e instradare

23. Montesanto (stazione ferroviaria)

Dopo una passeggiata nel quartiere spagnolo, è il momento di pedalare su uno dei prossimi che aiutano gli abitanti della città a superare grandi dislivelli. La funivia ci aiuterà ad arrivare alla collina del castello, dove c'è un punto panoramico interessante. A proposito, la corsa può essere trattata come un'altra attrazione turistica.
Se hai un biglietto giornaliero valido, di cui ho parlato nella prima parte dell'articolo, dove ho trattato il tema del trasporto pubblico in città, è valido anche in questa coda e non è necessario copiare un nuovo biglietto . Se invece usate i biglietti singoli, prima vi invito alla biglietteria, e poi saliamo: direzione stazione Morghen.

Stazione Funicolare - Montesanto, Coordinate GPS:
40°50’50.0″N 14°14’45.0″E
40.847222, 14.245836 - fare clic e instradare

24. Morghen (stazione ferroviaria)

La stazione a monte della funivia, dove bisogna scendere per essere i più vicini al belvedere che ci interessa. Dopo aver visitato il belvedere Belvedere San Martino (25), si ritorna nello stesso punto e si scende alla stazione inferiore della funivia (Montesanto). L'ulteriore itinerario dipende dalla tua volontà, forza e tempo a disposizione. Se vuoi concludere la tua visita di oggi, puoi recarti alla stazione della metropolitana (L2 - linea blu ferma alla funicolare e alla stazione di Montesanto, la stazione più vicina della L1 - linea gialla è la vicina stazione Dante) e in metropolitana, ovunque hai voglia: per mangiare, bere o riposare in hotel.
Se hai la forza di esplorare ulteriormente, allora ... ti consiglio di entrare nella stazione della metropolitana di Montesanto e prendere la linea L2 (blu) fino alla stazione Cavour, da dove continueremo la nostra visita.

Stazione ferroviaria - Morghen, Coordinate GPS:
40°50’39.1″N 14°14’09.3″E
40.844194, 14.235917 - fare clic e instradare

25.Belvedere San Martino
Veduta di Napoli e del vulcano (Vesuvio) dal Belvedere San Martino

Qui basta una breve informazione: il Belvedere San Martino è un punto panoramico da cui è disponibile il panorama più bello della città e dei dintorni di Napoli, compreso il Golfo di Napoli e il vulcano Vesuvio che svetta sulla zona. È difficile trovare un posto migliore per vederlo tutto in una volta. Prendi un drink dallo zaino, un panino, siediti e mangia tranquillamente e guarda! È per cosa!

Belvedere San Martino, Coordinate GPS:
40°50’38.8″N 14°14’26.6″E
40.844116, 14.240723 - fare clic e instradare

26. Napoli Piazza Cavour (metropolitana)

La stazione della metropolitana Cavour è il luogo da cui inizia l'ultima tappa del nostro itinerario turistico. Da qui puoi andare in entrambe le direzioni. Se hai abbastanza energia e ti piacciono i musei, puoi prima andare al museo archeologico Museo Archeologico Nazionale di Napoli (27), poi andare verso le catacombe di San Gennaro (31) e da lì tornare attraverso le catacombe di San Gaudioso (30) , il palazzo di San Felice (29) e il Palazzo dello Spagnolo (28), fino alla stazione Cavour.
Potete anche fare il contrario, cioè da Cavour (26) passare uno per uno attraverso il 28, 29, 30, 31 e solo al ritorno decidere se volete ancora visitare il museo archeologico (27). In entrambi i casi, alla fine del tuo tour, ti ritroverai vicino a una stazione della metropolitana, che ti consentirà di tornare rapidamente al tuo alloggio.

Stazione metro Cavour, Coordinate GPS:
40°51’19.2″N 14°15’18.6″E
40.855328, 14.255154 - fare clic e instradare

27. Museo Archeologico Nazionale (Museo Archeologico Nazionale di Napoli)
Museo Archeologico Nazionale di Napoli
foto: Signor n secondo CC BY 3.0

È possibile che queste informazioni siano sorprendenti, ma il Museo Archeologico di Napoli, per le sue collezioni, è considerato uno dei musei più importanti del mondo. Qui troverai la più grande collezione al mondo di arte classica greco-romana (compresa la pittura romana), collezioni d'arte di Pompei e dell'area vesuviana e una collezione di oltre 18 (!!) manufatti egizi (sarcofagi, mummie, manufatti, tombe arredi, ecc.).
La collezione raccolta nel museo è stata creata principalmente da collezioni private acquistate o donate al museo (tra le altre, ci sono collezioni raccolte qui dalle famiglie Borgia, Santangelo, Stevens e Spinelli).

check out: biglietti per il Museo Archeologico Nazionale – [clicca]

Fatto interessante:
Durante la seconda guerra mondiale, un gruppo delle opere d'arte più preziose raccolte a Napoli, temendo danneggiamenti o furti, furono imballate e portate a Roma e in Vaticano. Qui, invece, le truppe tedesche li incontrarono. Il ritrovamento fu saccheggiato e trasportato a Berlino, ampliando la collezione privata di Hitler. Nel corso del tempo, con il progredire della guerra, quando Berlino divenne una città in serio pericolo di bombardamento, Hitler decise di portare fuori città le opere d'arte raccolte e di nasconderle in un luogo sicuro. I corridoi sotterranei della miniera di sale austriaca di Altaussee sono stati scelti come nascondiglio sicuro (il magazzino d'arte sotterraneo è stato conservato ed è aperto al pubblico qui).
La miniera di Altaussee si trasformò rapidamente in un enorme magazzino e vi iniziarono ad arrivare opere d'arte da molte città del Terzo Reich. Il numero totale di reperti raccolti nella miniera è difficile da stimare, ma secondo alcuni avrebbe potuto raggiungere fino a 30 pezzi, anche se più spesso si ipotizza un numero compreso tra circa 000 e 7 reperti.
In un modo o nell'altro, stiamo parlando di migliaia di pezzi delle più grandi opere d'arte della storia dell'umanità.
L'andamento sfavorevole della guerra per Hitler fece sì che il 19 marzo 1945 Hitler emettesse il cosiddetto ordine di Nerone. Questo ordine ordinava la spietata distruzione di tutto ciò che il nemico poteva usare in qualsiasi modo. Il deposito d'arte nella miniera di sale di Altaussee soddisfaceva i criteri dell'ordine di Nerone e doveva essere completamente distrutto. Migliaia di opere d'arte, le più grandi conquiste artistiche dell'uomo, sarebbero scomparse dalla faccia della terra.
Otto casse di legno furono portate nei corridoi della miniera con la scritta: Marmo attento, non far cadere! Le casse contenevano infatti otto bombe aeree da mezza tonnellata, che in una frazione di secondo avrebbero posto fine alla secolare storia dei capolavori raccolti nella miniera.

Quando Hitler annullò l'ordine pochi giorni dopo, il fanatico Gauleiter August Eigruber, responsabile della sua attuazione ad Altaussee, decise di porre fine alla questione, ignorando il cambio di ordine. Lo stesso ordine di Nerone conteneva un record categorico secondo cui tutti gli ordini contrari ad esso non erano validi. Il conto alla rovescia è iniziato. Un'esplosione potrebbe verificarsi in qualsiasi momento. Far saltare in aria la miniera, tuttavia, non era conveniente per i lavoratori che vi lavoravano e che vivevano ad Altaussee. Con la sua distruzione, hanno perso la loro unica fonte di reddito, e c'era anche chi non poteva nemmeno immaginare di distruggere tante opere d'arte senza tempo. Il compito di fermare August Eigruber, tuttavia, non è stato facile. Anche riferire il caso allo stesso Hitler e un ordine diretto da Berlino non ha aiutato. Eigruber vedeva traditori ovunque e non si fidava di nessuno. Come ha detto lui stesso, se necessario, lancerà lui stesso sovvenzioni nella miniera e distruggerà tutto da solo.
Alla fine, non c'è stata alcuna esplosione. Dopo molti sforzi, August Eigruber è stato intimidito. Le scatole delle bombe sono state rimosse dalla miniera e depositate a distanza di sicurezza nella vicina foresta, e gli ingressi alla miniera sono stati fatti saltare in aria, bloccando definitivamente l'accesso al suo interno.

Il 17 maggio 1945, dopo cinque giorni di lavori di sterro, l'ingresso della miniera fu scavato, ed un'unità speciale dell'esercito americano, denominata "Monuments Men", ovvero Difensori dei Monumenti, vi entrò diretta da George Clooney). Dopo l'estrazione, tutte le opere d'arte sono andate prima al Central Collection Point di Monaco e, dopo l'identificazione, nei loro luoghi originali. Ne vedrai alcuni nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Museo Archeologico di Napoli, Coordinate GPS:
40°51’11.9″N 14°15’02.2″E
40.853303, 14.250599 - fare clic e instradare

Fermata della metropolitana Museo vicino al Museo Archeologico, Coordinate GPS:
40°51’13.6″N 14°15’06.8″E
40.853781, 14.251897 - fare clic e instradare

28. Il Palazzo degli Spagnoli (Palazzo dello Spagnolo)
Scale nel Palazzo degli Spagnoli a Napoli
foto: Silvio Gaudenti secondo CC BY-SA 2.0

Il palazzo degli spagnoli è il migliore e allo stesso tempo il più pregevole esempio del bel barocco napoletano. La più spettacolare è la scala simmetrica, riccamente decorata, spesso chiamata "ali di falco", visibile dal lato del cortile. Il palazzo fu costruito (nel 1738) su richiesta del marchese italiano Nicola Moscati, ma deve il suo nome attuale (originariamente si chiamava Palazzo Moscati) al successivo proprietario Tommaso Atienza, detto comunemente "Lo Spagnolo" (Atienza era in realtà ... spagnolo 🙂 )
Uno stile simile di scale ha più edifici in città. Tra questi: Palazzo Trabucco, Palazzo Venezia, Palazzo Sanfelice, Palazzo di Majo, Palazzo Tufarelli. Ne vedremo uno al punto successivo del viaggio.

Il Palazzo degli Spagnoli (Palazzo dello Spagnolo), Coordinate GPS:
40°51’24.9″N 14°15’16.2″E
40.856902, 14.254490 - fare clic e instradare

29. Palazzo San Felice (Palazzo Sanfelice)

Palazzo San Felice, e sostanzialmente Sanfelice, perché il suo nome deriva dal nome del designer Ferdinando Sanfelice, nasce per le esigenze del designer stesso e della sua famiglia.
Il progetto e l'edificio fecero una tale impressione che negli anni successivi il Sanfelice ottenne più commissioni e così nacque il progetto da lui disegnato e descritto al punto precedente Palazzo degli Spagnoli. L'idea di una scala inventata da Ferdinando è stata per molti anni fonte di ispirazione per molti altri progetti e designer.

Palazzo San Felice, Coordinate GPS:
40°51’27.8″N 14°15’05.2″E
40.857712, 14.251440 - fare clic e instradare

30. Catacombe di S. Gaudioso (Catacombe di San Gaudioso)

Le catacombe evocano sempre molte emozioni. Una comunione così stretta con la morte e le ceneri dei nostri predecessori non è facile per tutti. Io appartengo a questo gruppo e lo capisco perfettamente. Ciò non significa che non entro nelle catacombe. Sì, ma dopo devo sempre riprendere fiato. Di solito è un'esperienza davvero fantastica per me.
Nelle catacombe di S. Gaudiosus, le emozioni sono tanto più grandi, perché qui è riservata una speciale (per me abbastanza macabra) forma di sepoltura alle persone ricche e influenti. Questo vale soprattutto per il periodo, che può essere approssimativamente datato al XVII secolo. A quel tempo, i domenicani si occupavano delle catacombe. Secondo la loro credenza, la parte più importante del corpo umano era la testa, dove si raccolgono tutti i pensieri umani. Ciò ha avuto conseguenze importanti.
Le persone ricche o illustri, avendo la possibilità di essere sepolte qui, potevano contare su una speciale sepoltura consistente nel fatto che dopo la morte il loro corpo veniva completamente asciugato. Quindi la testa è stata separata dal resto del corpo. Il corpo è stato posto in una cripta separata e la testa è stata incastonata nel muro (in modo che il volto sporgesse dal muro e rimanesse visibile). Il resto della sagoma è stato dipinto sulla parete sotto il viso (più o meno come nella foto sotto).
Oggi nelle catacombe si possono vedere solo dipinti di sagome, e questo tipo di sepoltura è stato interrotto per motivi igienici.
Si entra nelle catacombe attraverso la Basilica di Santa Maria della Sanità.

Dipinti di corpi sui muri, in cui erano incastonate le teste dei morti, asciugate presto. Delle teste sono rimasti solo i fori. Catacombe di S. Gaudioso a Napoli.
foto: Fabien Bièvre-Perrin secondo CC BY-SA 4.0

Catacombe di S. Gaudiosusa (ingresso dalla Basilica di Santa Maria della Sanità), Coordinate GPS:
40°51’34.4″N 14°14’57.0″E
40.859547, 14.249175 - fare clic e instradare

31. Catacombe di San Gennaro
Catacombe di San Gennaro a Napoli
foto: Dominik Matus secondo CC BY-SA 4.0

Le Catacombe di San Gennaro si trovano nelle immediate vicinanze delle Catacombe di San Gennaro. Gaudiosus, e penseresti che sarebbe una ripetizione di ciò che abbiamo già visto. Niente di più sbagliato! San Gennaro è un luogo con un'espressione decisamente diversa e con altre emozioni dominanti. Dopo le anguste e claustrofobiche catacombe sotto la Basilica di Santa Maria della Sanità, eccoci di fronte a un grande complesso a due livelli scavato nel tenero tufo, che occupa un'ampia area sotto il Rione Sanita. Le Catacombe di San Gennaro sono spesso chiamate la "Valle dei Morti". Nella loro forma attuale, sono stati creati dalla fusione di tre cimiteri separati. Il frammento più antico, situato al livello inferiore, è del III-IV secolo d.C. Il livello superiore è stato concepito e realizzato in modo tale da collegare i cimiteri vicini in un'unica grande necropoli.

Fatto interessante:
Durante la seconda guerra mondiale le catacombe furono utilizzate come rifugio antiaereo.

Catacombe di San Gennaro, Coordinate GPS:
40°51’54.2″N 14°14’50.4″E
40.865061, 14.247337 - fare clic e instradare

32. Napoli Sotterranea LAES

I tour sono gestiti dalla seconda associazione più popolare a Napoli con il permesso ufficiale di svolgere questo tipo di attività in città: l'Associazione LAES. Le visite conducono nei sotterranei scavati da qualche parte tra i Quartieri Spagnoli e il Palazzo Reale.
Il punto d'incontro è in Piazza Trieste e Trento, di fronte al Gran Caffè Gambrinus. Di seguito le coordinate del punto di ritrovo e il modulo per la prenotazione dei biglietti.

.

Punto d'incontro LAES di fronte al Gran Caffe Gambrinus, Coordinate GPS:
40°50’12.5″N 14°14’54.8″E
40.836799, 14.248555 - fare clic e instradare

Napoli - hotel e alloggi

Napoli ti dà una grande libertà nella scelta dell'alloggio. Dal più economico al piuttosto costoso ed esclusivo. Sta a te decidere quale opzione scegliere. Spesso puoi anche trovare alloggi di alta classe a un prezzo molto conveniente. Devi solo cercare.
Il modo più semplice è iniziare con questo collegamento: [clic].
https://www.booking.com/searchresults.en.html?city=-122902&aid=1725593&no_rooms=1&group_adults=2&room1=A%2CA

Il link è stato predisposto in modo tale da filtrare le offerte di alloggio limitandole solo a Napoli. Di seguito sono elencati alcuni suggerimenti trovati proprio da quel link. È anche una buona idea fare clic su uno degli hotel suggeriti di seguito. Quindi si aprirà una pagina con questo hotel e molti altri simili. Un'opzione comoda e utile.
I suggerimenti di seguito non sono "solo consigliati", "selezionati" e "migliori in città"... Non c'è alcuna possibilità che tutti si adattino a uno o anche a quattro hotel consigliati 🙂 Sono, tuttavia, un ottimo punto di partenza per la tua ricerca , e a Napoli ci sono molti buoni hotel e alloggi. Basta fare clic, cercare, scegliere ed esplorare!

Agorà dei Mille – [clicca]

Napoli a Festa – [clicca]

Terrazza Garibaldi – [clicca]

Relais Castel Nuovo – [clicca]

5 / 5 - (258 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo è stato appena creato, quindi per ora sta morendo di famea causa della mancanza di follower. È felice di ricevere qualsiasi osservatore che lo nutre con il suo amore.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




28 commenti su "Piano turistico di Napoli - mappa, attrazioni, monumenti, biglietti, alloggi, fatti interessanti"

  • 12 può 2023 su 23: 02
    Collegamento diretto

    Blog fantastico. Tutti i luoghi da visitare sono descritti in modo molto dettagliato. In più mappe, indirizzi, curiosità, prezzi!!!! Le mie congratulazioni. Stiamo solo andando nella zona di Napoli e devo ammettere che questa è la quintessenza di tutti i blog che ho letto finora su Napoli. Grazie e cordiali saluti.

    rispondere
  • 13 June 2023 su 15: 13
    Collegamento diretto

    Blog davvero fantastico: cercavo qualcosa di simile da molto tempo. Puoi utilizzare queste informazioni per creare il tuo itinerario personalizzato. BEN FATTO!!!!

    rispondere
    • 14 August 2023 su 20: 32
      Collegamento diretto

      Ho viaggiato con Mr. Jacek per Madeira, percorsi meravigliosamente precisi, molte informazioni, consigli, meglio delle guide. Grazie Mr. Jacek.
      Ora ho letto le tue proposte di Napoli e Roma.

      rispondere
  • 13 June 2023 su 22: 13
    Collegamento diretto

    La migliore guida che stavo cercando. Grazie mille per descrizioni così dettagliate, istruzioni, ordine. Mi hanno aiutato molto durante il mio viaggio a Napoli. Saluti.

    rispondere
  • 21 June 2023 su 14: 59
    Collegamento diretto

    Siamo appena tornati da Napoli utilizzando il tuo itinerario turistico. È fantastico. Leggibile e trasparente. Grazie per l'opportunità di beneficiare del tuo duro lavoro!!

    rispondere
    • 21 June 2023 su 15: 05
      Collegamento diretto

      Freddo! Grazie per questa opinione.
      È molto importante che gli altri lettori sappiano che possono fidarsi di questi dati.
      Sono contenta che tutto si sia risolto e un caro saluto!

      rispondere
  • 23 July 2023 su 15: 08
    Collegamento diretto

    Ottimo blog. Grazie mille per l'ottimo itinerario per visitare Napoli, che userò sicuramente presto. Tutto è descritto in modo interessante e la posizione GPS delle attrazioni è un ottimo modo per raggiungere il luogo. Complimenti per l'idea, ma anche una penna leggera e fresca. Sarò anche felice di leggere altre descrizioni di luoghi che mi ispireranno a fare ulteriori viaggi.
    Grazie e cordiali saluti.

    rispondere
  • 23 July 2023 su 18: 35
    Collegamento diretto

    Moooolto lavoro. Tutti i punti salvato in Google Maps e a settembre si parte secondo l'elenco che hai postato qui. Grazie per il tuo tempo e il tuo cuore. Il karma sta tornando. Saluti e scoreggia!

    rispondere
  • 4 August 2023 su 23: 05
    Collegamento diretto

    Vado subito a Napoli. Ho lavorato lì molto tempo fa e ho esplorato la città abbastanza bene. Ora vado con mio figlio. La tua guida è una rivelazione! Lo userò sicuramente, perché hai servito tutto "come su un piatto".
    Molte grazie !

    rispondere
  • 9 August 2023 su 12: 41
    Collegamento diretto

    Grazie mille. Ho solo 2 giorni a Napoli e non sapevo come programmare i percorsi per non esaurire i bambini il primo giorno. Suggerimenti e descrizioni fantastici.

    rispondere
  • 10 August 2023 su 20: 36
    Collegamento diretto

    ADOREI todo o teu roteiro por Napoles!!!! Una ricchezza di dettagli è incrivel! Que bom se eu encontrasse roteiros prontos assim para todos os lugares da Italia para os quais irei!

    rispondere
  • 15 August 2023 su 21: 48
    Collegamento diretto

    Vado a Napoli, sono molto emozionato dopo aver letto questo blog. Il migliore che ho letto.

    rispondere
  • 2 September 2023 su 21: 38
    Collegamento diretto

    Signor Jacek
    Vado a Napoli per una settimana dal 05.09/12.09.23 al XNUMX/XNUMX/XNUMX. Seguirò sicuramente le tue eccellenti istruzioni. Grazie

    rispondere
    • 26 September 2023 su 18: 01
      Collegamento diretto

      Ottimo post con istruzioni eccellenti e valore unico, molto utile! Andremo a Napoli e in Costiera Amalfitana il prossimo ottobre e saremo lieti di prendere in prestito i vostri PIANI come riferimento. Grazie mille!

      rispondere
  • 11 September 2023 su 14: 47
    Collegamento diretto

    Ottime informazioni. Ero a Napoli, ma di molti posti non sapevo nulla. Ci vado di nuovo e le tue informazioni renderanno tutto molto più semplice. Grazie mille e saluti
    Irena

    rispondere
  • 10 October 2023 su 22: 23
    Collegamento diretto

    Witam
    Sto andando a Napoli, non sapevo come organizzare la visita e, grazie al tuo meraviglioso lavoro, ho un programma pronto con molte informazioni interessanti. Molto lavoro. Grazie mille e cordiali saluti, Natalia

    rispondere
  • 17 October 2023 su 00: 06
    Collegamento diretto

    Grazie per il tuo lavoro!!! Questo è quello che cercavo, questo è un compendio della conoscenza su Napoli! Ottimi percorsi, mappe, suggerimenti turistici :-) - Vado a Napoli tra 4 giorni e il tuo programma ci accompagnerà 😉
    Distinti saluti. Monica

    rispondere
  • 20 October 2023 su 20: 28
    Collegamento diretto

    La prossima settimana volerò per Napoli per la prima volta e so già che la esplorerò con la mappa che hai preparato. Grazie per le informazioni così dettagliate e fantastiche: è tutto ciò di cui avevo bisogno. Ottimo lavoro!! Congratulazioni

    rispondere
  • 12 November 2023 su 10: 05
    Collegamento diretto

    Un'ottima guida!
    Io e il mio amico siamo riusciti a trovare la strada per Napoli facilmente e rapidamente. Tanti consigli e suggerimenti preziosi!
    Grazie:)

    rispondere
  • 22 November 2023 su 11: 46
    Collegamento diretto

    Ottima guida! Se avete notato un aumento del numero di visualizzazioni negli ultimi giorni, siamo stati io e mio marito. 🙂 Abbiamo girato per Napoli con questa guida, e l'idea migliore è fornire le coordinate GPS. Grande idea!

    rispondere
    • 22 November 2023 su 12: 13
      Collegamento diretto

      eh eh...
      Pensavo fossi tu 😉

      ma non preoccupatevi... il blog vive di visite, quindi vi invito anche la prossima volta, in un'altra sede!
      e consigliarlo ad altri!

      rispondere

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *