Malaga – mappa, programma turistico, attrazioni, alloggi, fatti interessanti

Málaga, Spagna

Indice dei contenuti

Malacca

Malaga è una delle città più antiche d'Europa (VIII secolo a.C.). Si devono ai Fenici gli inizi della colonizzazione, creando in queste zone numerose stazioni commerciali per i loro bisogni. Primo nome conosciuto della città (Malacca) deriva dai Fenici, probabilmente dalla parola significato sale. Praticamente parallelamente ai Fenici, le stesse zone furono popolate anche da nuovi arrivati ​​di origine greca. L’effettiva appartenenza politica delle aree non era quindi chiara. Tutto divenne chiaro grazie alle conquiste guidate da Cartagine, che intorno al 230 a.C. si impadronì di parte della penisola iberica. Diverse decine di anni dopo, nel 200 a.C., Cartagine perse il controllo di quest'area a favore di Roma.
L'appartenenza di Malaga e delle aree circostanti è cambiata molte volte nel corso della storia e lascerò agli storici il tracciamento preciso di questi cambiamenti. Mi limiterò a ricordare che l'aspetto e il carattere attuali della città furono significativamente influenzati dal lunghissimo periodo di dominazione musulmana, che governò questa zona praticamente ininterrottamente per quasi 800 anni (!!!), dal momento della sua conquista da parte di Abd al-Aziz (716), fino alla caduta della città durante la Reconquista spagnola (1487). Noterai senza dubbio molti edifici ed elementi architettonici con chiare influenze musulmane conservati fino ad oggi in città.

Malaga oggi

La Malaga moderna si concentra decisamente sul piacere. È principalmente associato all'omonimo vino dolce, al relax sulle spiagge assolate e (grazie a Pablo Picasso, nato a Malaga) all'arte onnipresente. Il turismo è sicuramente la fonte di reddito più importante per Malaga ed è subito evidente che qui i turisti si prendono cura di loro. Parchi, passeggiate, vicoli, ottimo cibo, spiagge immense e anche musei gratuiti. Aggiungendo le compagnie aeree economiche che possono volare a Malaga da quasi ogni angolo d'Europa, otteniamo l'immagine di una città creata per il turismo e il relax. E sembra che possiamo fermarci qui, ma se mettessi un punto qui, sarebbe ingiusto nei confronti di Malaga. Perché? Perché Malaga, pur essendo di per sé autosufficiente, ci dà molto di più. Basta espandere la mappa dell'Andalusia, dove si trova Malaga, e tutto diventa chiaro: Siviglia, Cordoba, Granada, le montagne della Sierra Nevada e le attrazioni vicine, la vicina Gibilterra e la bellezza scioccante del Cammino dei Re (Caminito del Rey). .. innumerevoli attrazioni situate quasi a breve distanza da Malaga. Tutto ciò rende Malaga degna di essere considerata non solo come una stazione intermedia sulla strada per la spiaggia e ritorno. Situata quasi esattamente al centro, alla stessa distanza da tutte le attrazioni più importanti della regione, Malaga è il luogo perfetto per iniziare la tua grande avventura in Andalusia. Se non ti è ancora venuto in mente, dopo aver letto questa guida, spero che, oltre ad essere ben preparato per visitare Malaga, avrai voglia di goderti i piaceri che l'Andalusia ha da offrirti.
Anche la mia avventura con l'Andalusia è iniziata qui e si è diffusa ampiamente in altri luoghi, città e attrazioni. Lo sento perfettamente e posso solo sperare di avere le capacità sufficienti per tradurre efficacemente la mia ammirazione in parole che incoraggino anche te... Farò tutto il possibile, anche se d'altra parte sono tranquillo. Il sud della Spagna è un ladro di cuori professionista e probabilmente se la caverà benissimo, anche senza la mia intercessione :)

Dov'è Malaga?

La posizione è sempre più semplice da descrivere quando si ha a disposizione una mappa semplice e chiara.

Posizione di Malaga sulla mappa dell'Europa

Malaga si trova all'estremità meridionale dell'Europa ed è così a sud da essere più vicina all'equatore di Tunisi (!!!), la capitale della Tunisia in Africa. Quindi è facile rendersi conto che il clima di Malaga ha più in comune con l'Africa che con l'Europa. In pratica è proprio così. La posizione di Malaga la rende una destinazione perfetta per viaggi durante tutto l'anno. Il sole splende qui in media 300 giorni all'anno, l'estate è molto lunga e calda e l'inverno è breve e molto mite (la temperatura diurna in inverno supera solitamente i +15 gradi Celsius).

Analizzando la posizione di Malaga, non posso fare a meno di mostrare l'ubicazione delle altre attrazioni dell'Andalusia di cui ho parlato nel paragrafo precedente. Quindi ecco una semplice mappa. Mostra quanto sia vantaggiosa la città rispetto ad altri luoghi interessanti.

L'ubicazione delle altre attrazioni dell'Andalusia in relazione a Malaga e le loro reciproche distanze

Lo so!!! Un piano turistico si sta già formando nella tua testa, implorando di essere implementato nel momento in cui guardi questa mappa per la prima volta. E te lo dico subito: Questa è un'idea eccellente, per cominciare da Malaga, dove si può noleggiare facilmente ed economicamente un'auto (in base alla mia esperienza, l'ho descritta in guida al noleggio auto a Malaga – [clicca]), poi parti per un tour dell'Andalusia, pernottando e visitando altre bellissime città e attrazioni. Grande idea!

Piano turistico di Malaga

Visitare Malaga non è così complicato come potrebbe sembrare a prima vista. La città è perfettamente collegata dai mezzi pubblici e dispone di due linee Matra…. che non ci servono :) Perché? Il motivo è prosaico e la risposta soddisferà ogni viaggiatore! Le attrazioni di Malaga si trovano una accanto all'altra e possono essere organizzate in modo tale da poter raggiungere ovunque a piedi senza eccessivo sforzo. Basta organizzare e pianificare opportunamente la sequenza delle visite ed il gioco è fatto!
Sarò felice di proporti un piano turistico già pronto, che potrai trattare molto liberamente e modificare quasi ininterrottamente, a seconda delle tue condizioni e desideri attuali. La reciproca vicinanza delle attrazioni e la loro ubicazione fa sì che la stessa cosa possa essere visitata in ordini diversi e in diversi modi. Puoi cambiare la direzione del tour, eliminare o aggiungere ulteriori punti al programma, ma il piano rimarrà comunque coerente.
Tuttavia, ci sono anche luoghi che non possono essere manipolati così liberamente. Il primo è Castello di Gibralfaro, che si trova in cima ad una ripida collina. È meglio pianificare la tua visita in modo tale da arrivarci autobus numero 35, che arriva fino al castello. Dopo aver visitato il castello, puoi seguire il sentiero fino alle attrazioni successive. Naturalmente è anche possibile andare nella direzione opposta, ma richiede uno sforzo molto maggiore, il che potrebbe non essere piacevole, soprattutto in estate, con temperature che superano i 30 gradi.
La seconda attrazione che non potrai modificare facilmente nel tuo programma turistico è Museo Pablo Picasso. Il problema è che è molto popolare e affollata di turisti. I biglietti d'ingresso, non facili da ottenere, vengono acquistati per un giorno e un'ora specifici. Quindi devi trovarti all'ingresso ad un orario specifico e non puoi farci niente.

Biglietti d'ingresso alle attrazioni

Ogni piano ha un punto debole e molto spesso si tratta di biglietti d'ingresso alle attrazioni. Il vero incubo di un viaggiatore è poter viaggiare dall'altra parte del mondo e baciare la maniglia all'ingresso di un'attrazione perché non ci sono più biglietti d'ingresso gratuiti. C'è uno di questi posti a Malaga: Museo Pablo Picasso. Per fortuna ora è possibile garantirsi il diritto di entrare al museo in anticipo, senza fare la fila e senza il rischio che i biglietti non siano disponibili. È necessario però accertarsene preventivamente acquistando online il biglietto d'ingresso. È ovvio e banale da implementare, ma la maggior parte delle persone se ne dimentica comunque. Quindi ve lo ricordo e lo consiglio. Prenditene cura in anticipo!
Per tua comodità, fornisco i collegamenti a due fonti dove puoi acquistare i biglietti in due modi: come biglietti d'ingresso singoli o come pacchetto di biglietti in combinazione con altre attrazioni. Acquistare i biglietti sotto forma di pacchetto spesso ha il vantaggio che è semplicemente più economico, perché nel caso dei pacchetti si trovano spesso promozioni e sconti.

check out: biglietti d'ingresso al Museo Pablo Picasso – [clicca]

check out: pacchetti di biglietti d'ingresso alle attrazioni di Malaga – [clicca]

Nota importante!
Ci sono due principali musei Pablo Picasso a Malaga. Il primo di questi è il già citato Museo Pablo Picasso (con un'esposizione di oltre 200 opere dell'artista), il cui ingresso è strettamente regolamentato e con biglietto. Il secondo è il Museu Casa Natal de Picasso, la casa dove Picasso nacque e visse (l'esposizione dei dipinti è più piccola). L'ingresso alla casa d'infanzia di Pablo Picasso è gratuito (applicabile solo ai cittadini dell'Unione Europea) e non è necessario acquistare alcun biglietto. Naturalmente vale la pena visitare entrambi i posti.
Alcuni pacchetti di biglietti includono l'informazione che il pacchetto include l'ingresso alla casa della famiglia di Pablo Picasso (Museu Casa Natal de Picasso), ma vale la pena sapere che queste informazioni sono incluse solo per rendere il pacchetto più gradevole, perché l'ingresso a questa struttura è gratuito.

Musei gratuiti a Malaga

Malaga è una delle poche città in cui alcuni musei sono accessibili gratuitamente, ma va notato che si tratta di mostre davvero preziose. Siamo abituati a vedere i turisti pagare cari ovunque, quindi vale la pena approfittare di questa opportunità e apprezzare gli sforzi della città.

Musei a Malaga con ingresso gratuito:
– Casa della Famiglia Pablo Picasso (Museu Casa Natal de Picasso) – sul numero del programma del tour (5)
– Museo di Malaga (Museo de Malaga) – sul numero del programma del tour (3)
– Centro d’Arte Contemporanea (CAC Málaga) – sul numero della mappa del tour (12)

Usa le coordinate GPS

Fornisco coordinate GPS precise per ogni attrazione. Questo potrebbe non sembrare particolarmente utile a prima vista, ma in pratica è vero l'esatto contrario. Grazie a queste coordinate, non è necessario attenersi a un percorso turistico specifico. Puoi esplorare la città praticamente come preferisci.
Come utilizzare in pratica le coordinate GPS? Basta fare clic sul collegamento accanto a loro. Quindi la navigazione si aprirà sul tuo telefono e calcolerà automaticamente il percorso verso la tua destinazione, ma… non devi seguire questo percorso! Cammina come vuoi, dove vuoi e considera l'indicazione sul telefono solo come indicazione se ti stai avvicinando alla tua destinazione o se hai già preso la direzione sbagliata. Visitare la città non significa percorrere il percorso più breve, ma godersi la sua atmosfera. Grazie alle coordinate GPS, non devi preoccuparti di perderti e allo stesso tempo hai una libertà illimitata di visitare la città.
Insomma: clicca sulle coordinate, cammina e controlla di volta in volta se stai andando nella direzione giusta. Niente nervi, niente stress, niente piacere. Semplice e bello!

Malaga – mappa delle attrazioni turistiche

È giunto il momento di una delle informazioni più importanti dell'intero articolo su Malaga, ovvero la mappa delle attrazioni. Troverai molte informazioni importanti sulla mappa qui sotto.

Innanzitutto, presta attenzione a na punti rossi numerati. Queste sono le principali attrazioni su cui si basa l'intero piano turistico. I numeri che vedi sulla mappa possono essere trovati in diversi posti in questo post. Si trovano nel sommario all'inizio dell'articolo e nelle descrizioni del percorso turistico. Con questi numeri iniziano i titoli dei paragrafi, dove troverai descrizioni più ampie e informazioni aggiuntive su ciascuna attrazione (es. coordinate GPS, informazioni sui biglietti d'ingresso, ecc.). I numeri delle attrazioni sono collegati con piccoli punti rossi che presentano il percorso approssimativo del mio itinerario turistico proposto. Unisce le attrazioni descritte in questa guida in un insieme logico.

In secondo luogo, puoi vedere sulla mappa area contrassegnata da una sottile linea rossa a forma di cerchio leggermente appiattito. Questo cerchio segna l'area approssimativa della parte storica della città. Se per qualche motivo desideri fare una passeggiata aggiuntiva oltre al percorso principale del tour, consiglio questa zona.

In terzo luogo, li ho anche posizionati collegati da punti verdi sulla mappa indicatori quadrati verdi con la scritta "BUS 35". Gli indicatori presentano l'ubicazione delle fermate e il percorso dell'autobus n° 35, che molti di voi troveranno molto utile (ne parleremo tra poco, nel prossimo paragrafo). Accanto alle fermate ho aggiunto anche i nomi delle fermate per facilitare l'orientamento durante la guida.

Dai un'occhiata da vicino a questa mappa e prenditi un momento per analizzarla. Ciò renderà molto più semplice per te spostarti sulla mappa e in città.

Malaga – mappa, attrazioni turistiche e piano di visite turistiche

ATTENZIONE!
Cliccando sulla mappa verrà visualizzata una versione a risoluzione più alta.

Elenco delle attrazioni turistiche di Malaga:
1. Castello di Gibralfaro (Castillo de Gibralfaro)
1.1 Punto panoramico di Gibralfaro (Mirador de Gibralfaro)
1.2 Punto panoramico sullo skyline di Malaga (Mirador Panoramica de Malaga)
1.3 Punto di vista (Mirador de la Coracha)
2. Alcazaba
3. Museo di Malaga (Museu de Malaga)
4. Teatro Romano (Teatro Romano de Málaga)
5. Casa d'infanzia di Pablo Picasso (Museu Casa Natal de Picasso)
6. Piazza della Merced (Plaza de la Merced)
7. Museo Pablo Picasso (Museo Picasso Malaga)
8. Cattedrale (Catedral de Málaga) e Palazzo Arcivescovile (Palacio Episcopal)
9. Museo Carmen Thyssen (Museo Carmen Thyssen)
10. Strada pedonale Marqués de Larios (Calle Larios)
11. Mercato della città di Malaga (Mercado Central de Atarazanas)
12. Centro d'Arte Contemporanea di Malaga (CAC Malaga)
13. Parco di Málaga (Parque de Málaga) e passeggiata nel parco (Paseo del Parque)
14. Passeggiata del porto (Palmeral de Las Sorpresas)
15. Centro Pompidou (Centro Pompidou Málaga)
16. Museo del Patrimonio Municipale (Museo del Patrimonio Municipal – MUPAM)
17. Arena (Plaza de toros de La Malagueta)
18. Spiaggia della Maladueta (Playa de la Malagueta)
19. Faro di Malaga (La Farola de Malaga)

Malaga – programma di visite turistiche

Ho combinato tutte le attrazioni sulla mappa in un unico percorso turistico. Le attrazioni si visitano in sequenza, dal numero 1 al 19. Seguendo questo itinerario seguirete il percorso turistico segnalato con precisione sulla mappa. Non ho aggiunto i punti rossi al numero 19 (il faro di Malaga) perché non credo che valga la pena andare al faro. È sufficiente vederla da lontano.
L'inizio del percorso e la direzione della visita non sono scelte casuali! Il primo punto del mio piano, cioè Castello di Gibralfaro (1) si trova sulla sommità di una collina. Questo è anche il momento perfetto per riprendere l'autobus numero 35, indicato in verde sulla mappa, che attraversa il centro di Malaga e fa capolinea in cima alla collina proprio sotto il castello. Quindi, quando ti rechi all'inizio del percorso turistico, sali in una qualsiasi delle fermate intermedie e scendi all'ultima fermata, chiamata "Castello". In questo modo si evita la spiacevole salita a piedi fino alla cima della collina. Poi il percorso del tour si snoda in discesa o in piano e non è necessario salire su alcuna collina.

L'intero percorso è lungo circa 6 km e può essere percorso con una piacevole passeggiata in meno di due ore. Naturalmente per il momento ho dedicato solo delle copertine andando da un punto all'altro senza fermarmi. Lungo il percorso si trovano diversi musei, luoghi che meritano una visita e luoghi in cui vale la pena sedersi un attimo per godersi i dintorni: ad esempio il delizioso caffè in Plaza de la Merced (6), un pasto nel mercato coperto più famoso, il Mercado Central de Atarazanas (11), un drink in uno dei locali sulla suggestiva passeggiata del porto (14), oppure rilassatevi sulla spiaggia della Malagueta (18).
Se decidi di visitare e vedere tutto ciò che è disponibile lungo il percorso che ho pianificato, probabilmente perderai l'intera giornata.
Ho riempito il percorso di attrazioni per un motivo prosaico: non tutti saranno interessati a tutto ciò che vi metto dentro. Praticamente ognuno ne toglierà qualcosa, adattando il percorso ai propri interessi. Tuttavia, se salti alcune attrazioni, avrai comunque molte cose da fare. E questa è l'idea alla base dell'eccesso di attrazioni previste dal piano.
Per un attimo ho avuto anche la tentazione di scrivere che non credevo che qualcuno potesse portare a termine tutto, ma mi sono subito morso la lingua. Ho già scritto qualcosa del genere per altre guide, anche questo mi sembrava impossibile, e cosa? Già pochi giorni dopo la loro pubblicazione, i primi eroi che ci sono riusciti hanno iniziato a contattarmi!!!
Lo giuro! Sei spesso fantastico!

In ogni caso: chi ama le visite turistiche serie ha un itinerario ricco, e anche chi vuole scegliere qualcosa per sé ha l'imbarazzo della scelta.
Ho organizzato il piano proposto in modo tale che avesse la forma di un circuito chiuso. Perché? Questo per renderti più semplice la modifica! Nel sistema che ti ho proposto semplicemente butti via il punto che non ti interessa e vai direttamente al punto successivo del viaggio. Ciò accorcia il percorso e riduce il tempo necessario per visitare la città, ma il programma principale rimane lo stesso. Così potrai facilmente modificare e realizzare la tua idea di visitare Malaga.

Tuttavia, prima di iniziare a modificare seriamente il mio piano, presta attenzione alla direzione del tour. Se al numero (1) se vuoi andare a piedi dal lato degli altri numeri, dovrai salire su una collina abbastanza solida dove si trova il Castello di Gibralfaro (1). Il resto del percorso può essere modificato praticamente senza restrizioni.
Divertiti ad esplorare!

Descrizioni dettagliate delle attrazioni di Malaga

1. Castello di Gibralfaro (Castillo de Gibralfaro)
In cima alla collina: Castello di Gibralfaro. Ai piedi si può vedere l'Alcazaba e il muro che collega il castello con l'Alcazaba
foto: RubiMA1 a condizioni CC BY-SA 2.0

Prima della costruzione del castello Gibralfaro, la sommità della collina situata in riva al mare fungeva da punto di navigazione naturale. Niente è più adatto come faro naturale della luce emessa da una tale vetta. Gli arabi che vivevano in queste terre allora dicevano colloquialmente al colle: Gibal al-faruh, Questo è "montagna di fari". Questo nome ha subito solo piccole trasformazioni fonetiche, anche se nel corso dei secoli diverse nazionalità si sono impadronite della zona adattandolo alla propria pronuncia. Nel corso del tempo, sul Monte Gibralfaro, grazie ad Abd ar-Rahman III (X secolo d.C.), i primitivi edifici esistenti furono trasformati in un'imponente fortezza, il cui ruolo era quello di proteggere l'Alcazaba situata sottostante (2). L'Alcazaba, pesantemente fortificata, ottenne quindi un enorme ulteriore supporto dalla fortezza in cima alla collina (ulteriormente rinforzata da Yusuf I nel XIV secolo), ed entrambe le strutture erano collegate da uno spesso muro difensivo dotato di un passaggio perfettamente protetto.
A proposito, vale la pena prestare attenzione al muro menzionato. Il suo percorso non è rettilineo, ma chiaramente a zigzag. Gli arabi notarono che difendere un semplice muro era molto più difficile e richiedeva strutture aggiuntive. Un avversario che si trova proprio accanto al muro è difficile da attaccare dalla cima del muro. Tuttavia, se la linea del muro corre a zigzag, puoi stare sul muro in modo da poter vedere dalla parte superiore del muro e attaccare facilmente la parte posteriore dell'avversario che si trova sotto il muro.

La fortificazione risultante, costituita da un palazzo-cittadella (Alcazaba) nella parte inferiore, un castello-fortezza (Gibralfaro) nella parte superiore e un potente muro che li collegava, era una fortificazione quasi impossibile da conquistare.
Gli spagnoli lo scoprirono quando riconquistarono Malaga dagli arabi nel 1487. L'assedio del castello durò più di tre mesi e i difensori, tagliati fuori dal mondo esterno, furono sconfitti non dall'esercito spagnolo, ma dalla fame.

Il Castello di Gibralfaro fu così importante per Malaga e per l'intera provincia che divenne permanentemente l'elemento principale dello stemma della città e dell'intera regione.

Lo stemma di Malaga: gli elementi principali sono la collina con il Castello di Gibralfaro, l'Alcazaba in basso e il muro difensivo che collega entrambi gli oggetti.
foto: Araldo dei principi CC BY-SA 4.0

Il castello è diviso in due parti. Quello superiore, chiamato patio principale, ospita il Centro di Interpretazione del Patrimonio (Centro de Interpretación) e la Torre del Sindaco (Torre Mayor). Nella parte inferiore del castello c'erano la caserma, la piazza d'armi e le scuderie militari. Qui c'è anche la caratteristica Torre Bianca.

Castello di Gibralfaro, Coordinate GPS:
36°43’24.8″N 4°24’38.0″W
36.723542, -4.410549 - fare clic e instradare

1.1 Punto panoramico di Gibralfaro (Mirador de Gibralfaro)

Ci sono tre punti panoramici interessanti vicino al castello. Due di loro si trovano nelle immediate vicinanze del castello e il terzo si trova sul sentiero che dal castello scende verso l'Alcazaba.
Non proverò a descrivere ciò che puoi vedere dal punto di vista. Devi andare a vedere di persona. Ci sono solo pochi passi da compiere, quindi unisciti a noi!

Punto di vista di Gibralfaro, Coordinate GPS:
36°43’22.5″N 4°24’31.0″W
36.722916, -4.408611 - fare clic e instradare

1.2 Punto panoramico sullo skyline di Malaga (Mirador Panoramica de Malaga)

Il belvedere si trova proprio accanto all'hotel Parador de Málaga Gibralfaro e non credo che siano necessarie ulteriori informazioni. Ci avviciniamo, diamo un'occhiata ed è pronto :)
A seconda del numero di foglie sugli alberi che oscurano la vista, la vista potrebbe essere migliore o peggiore.

Punto panoramico di Malaga, Coordinate GPS:
36°43’21.7″N 4°24’37.7″W
36.722698, -4.410484 - fare clic e instradare

1.3 Punto di vista (Mirador de la Coracha)
Malaga attualmente assomiglia a questo dal punto di vista vantaggioso!
E ora guardate la prossima foto 🙂
Ecco come appariva dallo stesso posto nel 1900.

Il punto panoramico si trova sul sentiero che porta dal Castello di Gibralfaro all'Alcazaba. Se segui il percorso, ti imbatterai semplicemente in questo posto. Si accede al sentiero procedendo a sinistra costeggiando le mura del castello. Secondo me questo è il punto panoramico più interessante vicino al castello.

Punto di vista del Mirador de la Coracha, Coordinate GPS:
36°43’20.8″N 4°24’43.5″W
36.722456, -4.412092 - fare clic e instradare

2. Alcazaba
Alcazaba di Málaga

Il luogo in cui si trova l'Alcazaba è sempre stato un punto naturale di fortificazioni a protezione della città. I primi edifici difensivi furono costruiti qui dai primi coloni (Fenici) che arrivarono in questa zona. I Romani fecero un'ulteriore espansione, ma forse il salto più grande si ebbe sotto il dominio dei Mori. Emiro di Cordova Abd al-Rahman I (nell'VIII secolo d.C.) diede l'ordine di costruzione al-Qasbah (alkazaba), cioè tradotto dall'arabo cittadella. In questo modo, le fortificazioni romane furono ampliate fino alle dimensioni di un castello - fortezza potentemente fortificato. Nel corso del tempo, la fortezza araba, a cui rimase permanentemente il nome Alcazaba, acquisì ulteriore sostegno sulla collina sotto forma di un muro difensivo e di ulteriori edifici castellani fortemente fortificati (castello di Gibralfaro). Nacque così uno dei complessi difensivi più forti e difficili da conquistare dell'intera penisola iberica, che garantì agli arabi oltre 800 anni di dominio continuo sulla zona sotto il loro controllo.

Fatto interessante:
È più facile rendersi conto di quanto sia fortemente fortificata l'Alcazaba se si considera quanti ostacoli dovette superare l'attaccante per raggiungere la parte superiore del palazzo, dove si rifugiavano gli abitanti più importanti. Per prima cosa dovette sfondare tre mura difensive concentriche, poi dovette sfondare i giardini allungati sotto il fuoco. Se ciò avesse avuto successo, ci sarebbero state otto (!!!) porte difensive fortificate davanti all'attaccante, due delle quali erano situate in curve che rendevano difficile o del tutto impossibile l'uso di meccanismi d'assedio più grandi e di arieti.

Alcazaba – una delle porte interne

Attualmente, dopo lavori archeologici e di messa in sicurezza, il castello è aperto ai visitatori. Espone reperti di ceramica fenicia, romana e araba. Ci sono anche giardini interni costruiti dai sovrani moreschi e cattolici.

Alcazaba di Málaga, Coordinate GPS:
36°43’14.3″N 4°25’00.9″W
36.720639, -4.416917 - fare clic e instradare

3. Museo di Malaga (Museo de Malaga)
Museo di Malaga
foto: Luis García (Zaqarbal) sui termini CC BY-SA 4.0

Innanzitutto, la buona notizia: introduzione a Museo di Malaga scherzo gratis. Questo stato di cose va avanti da diversi anni, quindi per ora non mi aspetto che vengano introdotte commissioni.
La collezione del museo comprende circa 15 reperti. L'esposizione permanente comprende anche opere messe a disposizione dai più grandi musei spagnoli e dai più importanti del mondo: Museo del Prado e Museo Reina Sofia.
Il museo di Malaga nella sua forma attuale è una struttura molto giovane. L'inaugurazione ufficiale (dopo la ristrutturazione generale) è avvenuta nel 2016. Originariamente, dopo la sua costruzione (nel 1829), l'edificio doveva servire come ufficio doganale, ed è stato progettato e costruito con questo obiettivo. Sfortunatamente, non ha mai interpretato questo ruolo. Iniziò la sua attività come Real Manifattura Tabacchi e dopo dieci anni fu trasformata in una filiale della Tesoreria dello Stato. Successivamente, l'edificio svolse molte funzioni diverse, tra cui una stazione di polizia e una prigione. Durante la dittatura del generale Franco, combattenti e oppositori politici venivano torturati nelle segrete situate nel seminterrato dell'angolo nord dell'edificio.

Fatto interessante:
Quando Elisabetta II di Spagna (regina di Spagna) visitò Malaga nel 1862, ci fu un problema con il suo alloggio. Le autorità cittadine non hanno trovato per lei un posto adatto dove alloggiare. Nacque così l'idea di ospitare la regina per la notte nell'edificio dell'ex Manifattura Tabacchi. Furono rapidamente acquistati mobili di lusso e le stanze per la regina e suo marito furono adeguatamente arredate. Dopo la visita, l'attrezzatura acquistata è stata venduta.

e uno in più
Fatto interessante:
C'è anche un'altra storia interessante associata all'attuale edificio del museo. Risale ai tempi in cui l'edificio fungeva da quartier generale della polizia e da prigione. Per qualche tempo, un attore americano di origine italiana estremamente popolare e noto è stato tenuto nelle segrete della prigione Frank Sinatra. È successo durante il film"Von Ryan espresso"(1965). Secondo le note della polizia, Sinatra è stato multato e incarcerato per "aver causato uno scandalo pubblico". Non sappiamo cosa significhi il termine "scandalo pubblico". Tuttavia, va ricordato che l'evento è avvenuto durante la dittatura del generale Franco e quindi anche una lieve critica al dittatore potrebbe essere considerata uno scandalo.
D'altra parte, oggigiorno si conosce e si parla molto di più di Frank Sinatra nel contesto delle sue connotazioni mafioso-criminali e dei suoi conflitti con la legge. Puoi anche trovare le foto della polizia degli arresti dell'attore su Internet (sotto una foto scattata nella contea di Bergen).

Foto dell'arresto di Frank Sinatra nella contea di Bergen

Museo di Malaga, Coordinate GPS:
36°43’11.0″N 4°25’02.9″W
36.719734, -4.417461 - fare clic e instradare

4. Teatro Romano (Teatro Romano de Málaga)
Teatro Romano di Malaga
foto: andynash a termini CC BY-SA 2.0

Il Teatro Romano di Malaga è una scoperta molto giovane e casuale. Durante i lavori legati alla creazione di un nuovo spazio verde in città, furono rinvenuti frammenti di edifici, inizialmente considerati elementi della porta cittadina. Tuttavia, durante i successivi lavori, si scoprì che si trattava di elementi costruttivi in ​​pietra che facevano parte di una "skene" decorativa, cioè di un edificio che fungeva da muro di fondo dietro il palco del teatro romano. Nel corso del tempo l'intero teatro fu scavato e i progetti per la creazione di nuove aree verdi dovettero cambiare. Attualmente è sicuramente la testimonianza più importante dell'epoca romana a Malaga e, dopo anni di lavori, l'edificio è stato addirittura riportato alle sue funzioni sceniche.
Vale la pena notare che stando vicino all'anfiteatro ci troviamo in un luogo estremamente interessante. Qui possiamo ammirare tre edifici unici, provenienti da parti molto lontane della storia della città:
– Teatro Romano (dominazione romana – la sua creazione risale al I secolo a.C.)
– Alcazaba (dominanza araba – VII secolo d.C.)
– Museo di Malaga (Dominazione cristiana – XIX secolo d.C.)

Teatro romano di Malaga, Coordinate GPS:
36°43’16.5″N 4°25’01.6″W
36.721261, -4.417112 - fare clic e instradare

5. Casa d'infanzia di Pablo Picasso (Museu Casa Natal de Picasso)
Casa di famiglia e ingresso al Museo della famiglia Picasso
foto: Lupulo2010 secondo le regole del Pubblico Dominio

Per gli amanti delle opere di Pablo Picasso, questo posto è assolutamente da vedere. Raramente abbiamo l'opportunità di visitare le case di famiglia di artisti famosi di questo calibro, e le case con così tanti souvenir di famiglia conservati sono una rarità eccezionale. Il palazzo di Plaza de la Merced è la casa natale e d'infanzia del pittore e allo stesso tempo un meraviglioso ricordo di suo padre José Ruiz Blasco, che fu anche pittore e professore alla Scuola di Belle Arti di Malaga.
Oltre ai ricordi di famiglia e agli elementi originali dell'arredamento interno, il museo conserva numerosi schizzi realizzati da Pablo Picasso e, probabilmente i più importanti, disegni preparatori (84 pezzi) per una delle opere più grandi dell'artista: il dipinto "Giovani dame di Avignone".
Della vasta collezione di opere condivise (non voglio descrivere tutto qui), metterò in evidenza anche una serie di 55 libri illustrati, dove gli autori delle illustrazioni, oltre a Pablo Picasso erano Joan Miro, Marc Chagall czy Max Ernst.

È previsto l'ingresso alla casa d'infanzia di Pablo Picasso gratis!!!

La casa della famiglia di Pablo Picasso, Coordinate GPS:
36°43’26.5″N 4°25’03.5″W
36.724021, -4.417639 - fare clic e instradare

6. Piazza della Merced (Plaza de la Merced)
Piazza della Merced, Malaga

Una delle piazze più importanti della città, spesso (date le sue dimensioni) utilizzata per eventi e festival all'aperto. Nel Medioevo questa zona si trovava fuori dalle mura della città e più o meno qui si trovava una delle porte d'ingresso a Malaga (la cosiddetta Porta di Granada). Attraverso questa porta, le truppe cristiane entrarono in città e conquistarono Malaga nel 1487, ponendo così fine a quasi 800 anni di dominio musulmano.
Quando si visita Malaga, è un luogo perfetto per un breve riposo, alla ricerca di una panchina all'ombra o per una breve pausa nei caffè che circondano la piazza.
Il caffè all'ombra del palazzo di Pablo Picasso vicino alla piazza è delizioso!

Piazza della Mercede, Coordinate GPS
36°43’24.1″N 4°25’03.2″W
36.723359, -4.417563 - fare clic e instradare

7. Museo Pablo Picasso (Museo Picasso Malaga)
Cortile interno del Museo Pablo Picasso di Malaga

Il Museo Pablo Picasso è sicuramente la struttura più affollata della città. Non ha senso pubblicizzarlo ulteriormente. A causa dei meravigliosi raccolti, è la ragione principale per venire in città per la maggior parte dei turisti. Ci sono sempre molte persone disposte ad entrare, quindi le visite ai musei sono strettamente limitate e a pagamento.
Ho scritto poco prima dei problemi con la disponibilità dei biglietti d'ingresso a questo museo e del rigoroso rispetto degli orari di ingresso. Non lo ripeterò e non ti spaventerò ancora una volta con difficoltà. Tutti quelli che vogliono entrare lo sanno e acquistano i biglietti con largo anticipo.
Per vostra comodità ripropongo i link che vi permetteranno di verificare la disponibilità ed eventualmente acquistare i biglietti nella maniera più comoda, ovvero online.
I collegamenti ti portano alle offerte per biglietti singoli (tramite GYG) e ai pacchetti di biglietti che sono spesso più economici (tramite Tiquets). Consiglio di verificare entrambe le opzioni, soprattutto durante la stagione in cui la disponibilità è limitata.

check out: biglietti d'ingresso al Museo Pablo Picasso – [clicca]

check out: pacchetti di biglietti d'ingresso alle attrazioni di Malaga – [clicca]

Museo Pablo Picasso, Coordinate GPS:
36°43’18.2″N 4°25’06.4″W
36.721723, -4.418439 - fare clic e instradare

8. Cattedrale (Catedral de Málaga) e Palazzo Arcivescovile (Palacio Episcopal)
Cattedrale di Malaga e Palazzo Arcivescovile (angolo visibile nella parte sinistra dell'inquadratura).

La maggior parte delle fonti affermano che la cattedrale di Malaga fu costruita più di 250 anni (1525 – 1782). Basta però uno sguardo all’edificio per chiedersi: è davvero finito? Manca qualcosa qui? Un campanile è chiaramente incompiuto!
L'edificio regolare della cattedrale era costruito su base rettangolare e doveva senza dubbio avere due campanili disposti simmetricamente. Uno di essi troneggia magnificamente sulla città, mentre l'altro fu chiaramente iniziato ma non fu mai completato. Pertanto, è difficile considerare la cattedrale completata e si può tranquillamente affermare che la sua costruzione è in corso da 500 anni.
La costruzione della cattedrale rappresentò fin dall'inizio un pesante fardello per la città. È iniziato spontaneamente. Mancano pochi giorni ad un lungo e pesante assedio della città. I Re Cattolici (questo era il titolo ufficiale dato da Papa Alessandro VI ai coniugi reali Isabella I la Cattolica e Ferdinando II il Cattolico), felici di impossessarsi della città che era stata sotto il dominio musulmano per oltre 800 anni, vollero commemorare questo fatto con qualcosa di spettacolare. Così decisero di radere al suolo la moschea che si trovava lì e di costruire al suo posto un enorme tempio cattolico come simbolo di cambiamento permanente. A proposito, quasi 800 anni prima, i musulmani fecero la stessa cosa, demolendo il tempio cattolico che si trovava qui e costruendo una moschea.
Si dovette però aspettare un po' perché questa decisione rapida e spontanea venisse attuata, perché i primi lavori di costruzione iniziarono solo quarant'anni dopo. Sfortunatamente, la realizzazione del progetto richiedeva ingenti somme di denaro, quindi di tanto in tanto i lavori si fermavano e aspettavano che arrivassero più fondi. Nel XVIII secolo in città fu addirittura approvata una tassa speciale per la costruzione della cattedrale, che veniva pagata dalle navi che arrivavano in città, e quindi i lavori procedettero molto rapidamente. Sfortunatamente, i cambiamenti politici e personali tra le famiglie reali fecero sì che le cose andassero nuovamente in modo sfavorevole e il flusso di denaro per sostenere la costruzione finì. Quando, alla fine del XVIII secolo, fu possibile riprendere nuovamente la costruzione, scoppiò la guerra d'indipendenza americana e la città donò i fondi destinati alla costruzione del secondo campanile per sostenere gli americani. Come sappiamo, l’America ottenne l’indipendenza, liberandosi dal dominio coloniale britannico, ma la cattedrale rimase incompiuta. È vero che gli americani, in segno di gratitudine per il loro aiuto, offrirono il sostegno di Malaga per completare il secondo campanile, ma Malaga decise di destinare questi soldi ad altri investimenti più importanti in quel momento.
Abbiamo quindi a Malaga una bellissima e monumentale cattedrale, in cima alla lista delle più grandi, più belle, più alte... e incompiuta, alla quale gli abitanti hanno dato il proprio nome: "La Manquita", cioè "L'Unica". -Armato".
Tuttavia, la città non ha abbandonato i piani per continuare la costruzione. L'argomento ritorna di tanto in tanto e chi lo sa? Forse un giorno lo vedremo in una versione con due campanili? Per ora affrettiamoci a vederlo in forma asimmetrica.
Puoi visitare la cattedrale dall'interno, ma puoi visitare i piani superiori dell'edificio e salire sul tetto della cattedrale.
Prezzi dei biglietti (2024):
– visita alla cattedrale = EUR 10
– piani superiori e tetto della cattedrale = EUR 10
– biglietto combinato (visita della cattedrale + ingresso sul tetto) = EUR 15

Cattedrale di Málaga, Coordinate GPS:
36°43’12.3″N 4°25’12.2″W
36.720094, -4.420043 - fare clic e instradare

Palazzo Arcivescovile L'ho posizionato nello stesso punto della cattedrale perché questi edifici sono uno accanto all'altro. Sicuramente presterai attenzione, perché la minuscola piazza Obispo è chiusa da un lato dalla monumentale facciata della cattedrale, e dagli altri tre lati dalle facciate degli edifici più piccoli. Il Palazzo Arcivescovile è il più bello di questi. Attualmente ospita uno spazio espositivo curato dal Centro Cultural Fundación Unicaja Málaga, ma i turisti sono più interessati a vedere i tranquilli giardini, i cortili, i cortili, le scale imperiali e la cappella dell'edificio.

La visita al Palazzo Arcivescovile è a pagamento (il biglietto costa 3 euro).

Palazzo Arcivescovile, Coordinate GPS:
36°43’13.1″N 4°25’13.0″W
36.720293, -4.420288 - fare clic e instradare

vedi: foto panoramica della cattedrale e del palazzo – [clic]

9. Museo Carmen Thyssen (Museo Carmen Thyssen)
Dipinto della mostra del museo: Cortile Interno, Siviglia – Manuel García y Rodríguez, 1920 circa
fonte: Wikipedia secondo le regole del dominio pubblico

La collezione di opere d'arte accumulata dalla famiglia Thyssen è esposta in un immenso museo a ... Madrid – [clicca].
C'è un'eccezione a questa regola e questa eccezione è la collezione Carmen Thyssen, per la quale è stato costruito un edificio speciale a Malaga. La mostra si concentra sulla presentazione di opere di pittori spagnoli (principalmente andalusi) del XIX secolo. Le opere sono così interessanti da attirare un gran numero di visitatori, per questo l'ingresso al museo è a pagamento. Non dovrebbero esserci problemi con l'acquisto, soprattutto perché possono essere acquistati online.

check out: biglietti per il Museo Carmen Thyssen – [clicca]

Museo Carmen Thyssen, Coordinate GPS:
36°43’17.0″N 4°25’23.2″W
36.721399, -4.423110 - fare clic e instradare

10. Strada pedonale Marqués de Larios (Calle Larios)
Passeggiata Marqués de Larios in inverno

La via dello shopping iMarqués de Larios è una delle vie dello shopping più belle che conosca. Correndo lungo una fila di belle case popolari non molto grandi, sembra quasi accogliente, persino piacevole. Non mi piacciono le vie dello shopping, ma Malaga ha organizzato Marqués de Larios in modo tale che anche a me è piaciuto passeggiare lì. La decorazione stradale cambia di volta in volta e sembra sempre spettacolare. Considero obbligatoria una passeggiata sul lungomare.

Punto di riferimento circa a metà della via Marqués de Larios, coordinate GPS:
36°43’10.4″N 4°25’17.7″W
36.719568, -4.421586 - fare clic e instradare

11. Mercato della città di Malaga (Mercado Central de Atarazanas)
Finestra di vetro colorato presso il cancello d'ingresso posteriore al Mercado Central de Atarazanas
foto: Rafa Esteve sulle regole CC BY-SA 4.0

In piedi di fronte Mercado Central de Atarazanas È difficile da credere, ma quando Malaga era sotto il dominio arabo, il luogo dove attualmente opera il bazar di Atarazanas aveva accesso diretto all'acqua! Oggi da questo luogo alla riva del mare ci sono circa 500 metri. Tuttavia, in questo contesto (parola atarazanas dallo spagnolo significa cantieri navali) il nome del bazar non sorprende più. È proprio qui che operava il cantiere navale di guerra dei Nasridi, che però, avendo perso il contatto con l'acqua, dovette cessare l'attività. Dopo la conquista della città da parte degli spagnoli, gli edifici dell'ex cantiere navale furono utilizzati intensamente, svolgendo varie funzioni: monastero, ospedale militare o guarnigione. Con il passare del tempo si deteriorarono lentamente e alla fine caddero in rovina. Nel XIX secolo gli edifici in rovina furono rilevati dalla città e si decise di demolirli. Una delle porte in pietra dell'edificio (la Porta Nasridi) è stata conservata dai vecchi edifici.
La città ha deciso di utilizzare lo spazio recuperato per costruire il mercato coperto principale della città. In questo modo venne creato un mercato coperto in metallo e decorato, sul modello della Le Halle francese, il cui carattere artistico era subordinato alla Porta Nasride in pietra in essa incorporata. Lo stile dell'edificio può quindi essere descritto come neoarabo con elementi nazaridi.
Naturalmente, i più interessanti sono entrambi i cancelli d'ingresso principali che conducono alla sala. Da un lato si trova la Porta Nasride anteriore e, situata esattamente sul lato opposto dell'edificio, una porta posteriore in acciaio e vetro riccamente decorata con vetrate colorate.
L'interno della sala è pieno di bancarelle piene di prelibatezze. Lo spazio commerciale è diviso in tre parti, in cui le bancarelle sono raggruppate tematicamente in stand con: frutti di mare, frutta e verdura, carne e formaggi. I turisti però vengono qui per un motivo diverso, perché tra le tre parti ufficiali del bazar ce n'è anche una quarta: la parte gastronomica. Nel Mercado Central de Atarazanas ci sono tantissime bancarelle che servono ottimi spuntini e piatti a base di pesce incredibilmente fresco. È difficile resistere e sedersi per mangiare qualcosa di piccolo, accompagnando il tutto con una birra o un vino deliziosamente freddo. Tutti meritano una breve pausa dalle visite turistiche! VERO?

Bazar di Atarazanas, Coordinate GPS:
36°43’07.0″N 4°25’27.1″W
36.718621, -4.424192 - fare clic e instradare

12. Centro d'Arte Contemporanea di Malaga (CAC Malaga)
Centro per l'Arte Contemporanea di Malaga
foto: Zarateman sui principi CC0 1.0

Se ti piace lasciarti sorprendere dall'arte e ti piace conoscere nuove forme di comunicazione, dove l'arte influenza lo spettatore e interferisce nei rapporti con lui molto più delle forme classiche, allora il Centro de Arte Contemporeneo de Malaga è il posto che fa per te. La galleria presenta diverse centinaia di opere d'arte contemporanea di natura talvolta persino difficile da classificare. L'intera esposizione può essere suddivisa in cinque aree. La prima è una mostra permanente, le tre successive sono mostre temporanee temporanee e l'ultima (la quinta) è un'esposizione di opere realizzate nell'ambito di progetti portati avanti dal museo.
Come puoi vedere, la maggior parte delle mostre del museo cambiano di tanto in tanto, quindi puoi sempre vedere qualcosa di fresco, nuovo e interessante.
Lo consiglio ancora di più agli amanti dell'arte e ai cercatori di esperienze diverse l'entrata al museo è gratis.

Centro di Arte Contemporanea di Málaga (CAC Málaga), Coordinate GPS:
36°42’52.2″N 4°25’31.9″W
36.714509, -4.425531 - fare clic e instradare

13. Parco di Málaga (Parque de Málaga) e passeggiata nel parco (Paseo del Parque)
Parco e passeggiata nel parco a Malaga

Situato nel pieno centro della città, adiacente al porto, alla passeggiata portuale, al centro storico e ai monumenti più importanti, il parco con una superficie di 33 ettari è unico su scala europea. È raro trovare nel centro cittadino aree verdi così estese e ben posizionate. L'area del parco è divisa in due parti dalla principale arteria di comunicazione, dove sono comodamente ubicate le fermate dei mezzi pubblici.
Nel parco crescono innumerevoli piante esotiche provenienti dai cinque continenti. L'intera area del parco è piena di piccole architetture (panchine, fontane, sculture, ecc.) E le alte palme forniscono una piacevole ombra.

Parco di Málaga, Coordinate GPS:
36°43’08.9″N 4°24’56.9″W
36.719148, -4.415800 - fare clic e instradare

14. Passeggiata del porto (Palmeral de Las Sorpresas)
Passeggiata del porto (Palmeral de Las Sorpresas) a Malaga

La passeggiata del porto è una passeggiata conosciuta dalle foto su Internet, parzialmente coperta da un tetto futuristico. Un bel posto per una passeggiata e altrettanto bello sedersi in uno dei pub e idratare il proprio corpo con qualcosa di veramente gustoso. Ho ricordi molto piacevoli su questo argomento e se vengo a Malaga, tornerò sicuramente qui per ricordare il meraviglioso gusto di una bevanda fredda al cocco. Delizioso!

Passeggiata del porto, Coordinate GPS:
36°43’05.2″N 4°24’56.7″W
36.718115, -4.415743 - fare clic e instradare

15. Centro Pompidou (Centro Pompidou Málaga)
Ingresso al Centro Pompidou di Malaga

Le statistiche sono chiare e sorprendenti! Il Centro Pompidou è la seconda attrazione più visitata di Malaga! Qualcuno indovinerebbe? Sorpresa totale! Ero convinto che la galleria fosse popolare, ma sicuramente non così popolare! D’altronde si tratta della prima sede del Centro Pompidou fuori dalla Francia, e Malaga ha pagato 1 milione di euro all’anno per avere la possibilità di esporre le opere condivise e utilizzare il nome ufficiale (così fino al 2020, perché dopo quel momento è entrato in vigore un nuovo contratto e una nuova tariffa (cosa? non lo so). Tali spese non vengono intraprese quando non c'è speranza di un ritorno solido.
Si può tranquillamente presumere che presto la popolarità del Centro Pompidou a Malaga aumenterà di nuovo in modo drammatico, perché il principale museo Pompidou di Parigi sarà completamente chiuso per lavori di ristrutturazione nel 2025 e riaprirà solo nel 2030. Malaga ne trarrà sicuramente beneficio. Allora cosa puoi vedere alla Galleria Pompidou di Malaga? Bastano i nomi degli autori delle opere: Pablo ruiz picasso, Rineke Dijkstra, Tony Oursler, Frida Kahlo, Francis Bacon, Max Ernst, René Magritte, De Chirico, Alberto, Sophie Calle Guacometti, oltre alle mostre temporanee, che nei prossimi anni (durante la ristrutturazione della sede parigina) batteranno probabilmente ulteriori record di popolarità.

L'ingresso al museo è a pagamento. Il prezzo del biglietto è di 9 euro (2024) e può essere acquistato online prenotando un giorno e un orario specifico di ingresso. In caso di problemi di disponibilità, ecco due fonti per l'acquisto dei biglietti.

check out: biglietti per il Centro Pompidou – [clicca]

in caso di problemi con la disponibilità dei biglietti controlla anche qui – [clicca]

Centro Pompidou di Malaga, Coordinate GPS:
36°43’08.1″N 4°24’45.4″W
36.718922, -4.412618 - fare clic e instradare

16. Museo del Patrimonio Municipale (Museo del Patrimonio Municipal – MUPAM)

Un altro museo di Malaga, disponibile gratuitamente, presenta opere d'arte e cimeli storici direttamente legati alla storia di Malaga. La mostra è divisa in tre parti:
– periodo dal XV al XVIII secolo
– XIX secolo (principalmente Picasso e Carlos Haes)
– Il XX secolo e le tendenze contemporanee

Museo del patrimonio urbano, Coordinate GPS:
36°43’16.2″N 4°24’45.4″W
36.721172, -4.412618 - fare clic e instradare

17. Arena (Plaza de toros de La Malagueta)
Arena di Malaga

L'intrattenimento in cui un uomo combatte un toro e lo uccide è sempre stato controverso (per usare un eufemismo), e ora è sempre meno accolto e accettato anche in Spagna. Non si può però far finta che non esista, perché è una parte importante della storia di queste zone. Quindi vi incoraggio a vedere almeno come si presenta la struttura e a visitarla. L'arena ha la forma di un esagono regolare, con un diametro di 52 metri e può ospitare fino a 9 spettatori. C'è un museo all'interno dell'edificio dell'arena. Antonio Ordoñez (uno dei leggendari toreri), presentando costumi, teli, sculture, manifesti pubblicitari storici e foto.
Il museo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 14:00 e dalle 17:00 alle 20:00. Rimane chiuso il sabato, la domenica e i festivi. Il biglietto d'ingresso costa 1,8 euro.

Se mi chiedete se qui si svolgono ancora le corride, vi risponderò: sì. Stanno avendo luogo. Tuttavia non fornirò ulteriori informazioni su questo argomento e non pubblicherò alcun link ai biglietti perché non voglio sostenere lo sviluppo di questa forma di spettacolo.

Arena di Malaga, Coordinate GPS:
36°43’14.5″N 4°24’37.2″W
36.720680, -4.410326 - fare clic e instradare

18. Spiaggia della Malagueta (Playa de la Malagueta)
Spiaggia della Malagueta

La Malagueta a Malaga non è solo una spiaggia, ma anche un luogo iconico con un'iscrizione caratteristica, dove è obbligatorio avere una foto. Ce l'hanno tutti, ce l'ho anch'io! Tuttavia, a parte la moda popolare e le tendenze di Internet, la spiaggia di Malaga è grande, comoda e piacevole. C'è sempre qualcosa da mangiare e da bere nelle vicinanze, e spesso quasi sulla spiaggia ci sono delle grigliate temporanee dove vengono preparati deliziosi frutti di mare appena fuori dall'acqua. Vale la pena visitare la spiaggia di Malaga in modo che chi è stanco di visitare la città possa rilassarsi un po' e provare il piacere semplice e dolce del relax.

Iscrizione Malagueta sulla spiaggia di Malaga, Coordinate GPS:
36°43’02.8″N 4°24’34.9″W
36.717454, -4.409681 - fare clic e instradare

19. Faro di Malaga (La Farola de Malaga)
Faro di Málaga

Il faro di Malaga è un oggetto importante e conosciuto, alcuni dicono che sia addirittura un simbolo di Malaga, ma... la sua vista da lontano dovrebbe bastarci. Avvicinarci da vicino non porterà nulla di nuovo alle nostre impressioni, quindi come potete vedere sulla mappa, non ho nemmeno segnato il percorso di accesso. Osservare il faro dalla spiaggia è l'ultimo punto del nostro viaggio, che spero vi lascerà tante impressioni e ricordi meravigliosi.

Malaga – hotel e alloggi

Pernottare a Malaga è un vero piacere. La città si anima la sera e ti invita in innumerevoli bar e ristoranti che servono ottimo cibo e ottimi drink, compreso dell'ottimo vino.
Di seguito troverete alcuni suggerimenti. Si prega di non utilizzarli come indicazione specifica degli hotel che consiglio. Trattateli come un buon inizio per ulteriori esplorazioni. I link che ho postato utilizzano il meccanismo del motore di ricerca che, accanto ad un determinato hotel, propone sempre altre offerte simili, spesso con prezzi più interessanti. Inoltre, i collegamenti contengono filtri che ho preparato. Impediscono la visualizzazione di offerte che potrebbero ingombrare inutilmente i risultati della ricerca e restringono opportunamente l'area di ricerca all'area che ci interessa. Quindi non devi farlo manualmente ogni volta. Consiglio di utilizzare questi collegamenti perché semplificano la ricerca e fanno risparmiare tempo.

Agua Viva Mar – [clicca]

Urbe10 Terrace Constitucion Appartamento con 1 camera da letto – ​​[clicca]

Appartamenti Feelathome Mártires – [clicca]

Attrazioni vicino a Malaga

Quando pianifichi il tuo soggiorno a Malaga, vale la pena ricordare che nelle immediate vicinanze della città ci sono diverse attrazioni estremamente interessanti e uniche. Se hai troppo tempo libero e non pianifichi visite turistiche più intense, qualche gita fuori città potrebbe essere un'opzione interessante per te. Alcune di queste proposte sono interessanti perché non è nemmeno necessario noleggiare un'auto, perché puoi approfittare delle offerte delle agenzie locali che organizzano gite di gruppo alle attrazioni, fornendo guida, trasporto e biglietti d'ingresso. Questo è importante e interessante perché nel caso di attrazioni selezionate, i biglietti d'ingresso vengono acquistati con molte settimane di anticipo e se non sei riuscito a procurarti i biglietti in anticipo, semplicemente non potrai acquistarli da solo. Tuttavia, quando si sceglie un viaggio di gruppo, ti viene garantito un biglietto d'ingresso e in molti casi, unirsi a un gruppo organizzato è l'unica opzione (anche se di solito un po' più costosa) per visitare un'attrazione popolare.
Di seguito inserirò un breve elenco dei luoghi più interessanti vicino a Malaga e, ove possibile, includerò i link alle offerte delle agenzie di viaggio locali che organizzano viaggi di gruppo.
Descriverò ogni luogo con una o due brevi frasi che ti aiuteranno a capire qual è l'attrazione proposta. Dove sarà utile inserirò anche le coordinate GPS dei parcheggi, nel caso qualcuno volesse andarci con la propria macchina.

1.1 Sentiero del Caminito del Rey
Il sentiero del Caminito del Rey sospeso su un abisso

Un percorso spettacolare, estremamente spettacolare, che si snoda lungo passerelle sospese sui pendii rocciosi verticali dei burroni, lascerà un'impressione indimenticabile. Difficile trovare qualcosa di più emozionante e bello. Una descrizione dettagliata del percorso e molti dettagli sull'organizzazione del proprio tour si trovano nella voce separata su Caminito del Rey – [clicca]

Caminito del Rey è, ovviamente, molto popolare, persino affollato, e il numero di biglietti è limitato. I biglietti vengono venduti per orari di ingresso specifici.

check out: disponibilità dei biglietti per Caminito del Rey – [clicca]

check out: viaggi organizzati a Caminito del Rey – [clicca]

1.2 Monti di Malaga
Da qualche parte nei Montes de Málaga
fonte Wikipedia sui principi CC BY-SA 3.0

Gli appassionati di passeggiate in montagna e gite in bicicletta possono visitare il Parco Paesaggistico dei Monti di Malaga (Parque Natural Montes de Málaga), la cui altitudine varia da 100 a 1000 m sul livello del mare.
L'area del parco è percorsa da una fitta rete di strade sterrate asfaltate. Ci sono circa 50 km di percorsi pedonali e circa 250 km di percorsi ciclabili di varia difficoltà su strade e sentieri.

Parcheggio Montes de Malaga e punto di partenza per passeggiate, Coordinate GPS:
36°49’26.9″N 4°22’59.8″W
36.824140, -4.383290 - fare clic e instradare

1.3 Sito UNESCO dei dolmen di Antequera
Formazioni rocciose tipiche della zona di El Torcal de Antequera

L'area dei dolmen di Antequera, inclusa nella lista dell'UNESCO, è composta da diversi oggetti, quindi vale la pena dedicare un'intera giornata alla sua visita. Ci sono tre dolmen e due parchi paesaggistici montani da vedere qui. Nessuno di questi luoghi richiede passeggiate lunghe o impegnative. Tuttavia, sono disponibili sentieri di varia lunghezza (soprattutto a El Torcal) e se qualcuno vuole fare una passeggiata più lunga, sarà disponibile questa opzione.
Per promemoria aggiungo solo che i dolmen sono tombe megalitiche preistoriche costituite (per dirla in parole povere) da due enormi massi scavati verticalmente nel terreno e ricoperti da un terzo, enorme, masso piatto.

ATTENZIONE!
I dolmen e El Trocal sono facilmente raggiungibili da Malaga, anche senza auto. Gli uffici locali organizzano gite turistiche. L'offerta dei viaggi organizzati e i prezzi potete trovarli nel link sottostante.

check out: viaggi al sito dei dolmen di Antequera – [clicca]

Fatto interessante:
I dolmen di Antequera sono molto particolari e quindi estremamente interessanti. Sono caratterizzati da un insolito orientamento verso le direzioni del mondo. Solo uno di essi (Dolmen Viera) è situato in modo tipico (come quasi tutti i dolmen del Mar Mediterraneo), in modo che all'alba del solstizio d'estate, la luce del sole entra direttamente e illumina l'interno della camera del dolmen. Gli altri due dolmen sono rivolti in direzioni completamente diverse.
Il Dolmen Menga indica un picco vicino chiamato Pena de los Enamorados, la cui forma ricorda un volto umano. All'interno della montagna è stata scoperta una grotta (Abrigo de Matacabras) ricoperta di pitture preistoriche.
Il Dolmen Tholos a El Romeral è orientato in modo che in orientamento terrestre punti verso le montagne di El Torcal e la Grotta del Toro situata al loro interno, e in orientamento astronomico punti verso il sole di mezzogiorno al momento del solstizio d'inverno.

Dolmen Menga (Dolmen di Menga)
Menga Dolmen ad Antequera
L'interno del dolmen Menga ad Antequera
foto: Pedro J Pacheco sulle regole CC BY-SA 4.0

È una delle più grandi strutture megalitiche antiche conosciute in Europa. La sua creazione è stimata nel 3700 aC Era composto da 32 megaliti, il più grande dei quali pesa circa 200 tonnellate. È lungo 27,5 m, largo 6 me alto 3,5 m.
Dopo che il dolmen fu scoperto e scavato nel XIX secolo, al suo interno furono ritrovati gli scheletri di diverse centinaia di corpi.
Ricordando l'insolito orientamento del dolmen, nel visitarlo fermatevi nel corridoio che conduce all'interno e guardate verso il suo sbocco. Di fronte a te (quando il tempo è favorevole) dovresti vedere il monte Pena de los Enamorados, a cui punta il dolmen.

Parcheggio al dolmen Menga e al dolmen Viera, Coordinate GPS:
37°01’25.3″N 4°32’49.0″W
37.023695, -4.546940 - fare clic e instradare

Dolmen Viera (Dolmen de Viera)
Ingresso al dolmen di Viera, Antequera
foto: Grez sulle regole CC BY-SA 3.0

Si trova a soli 70 metri dal dolmen Menga e il suo nome deriva dagli scopritori (fratelli Antonio e Jose Viera). Si presume che sia più recente del dolmen di Menga e sia stato costruito tra il 3510 e il 3020 aC Ha la forma di un lungo corridoio terminante con una stanza rettangolare, leggermente più grande del corridoio.
Ha una posizione tipica (come praticamente tutti i luoghi situati vicino al Mar Mediterraneo) rispetto alle direzioni cardinali. All'alba del solstizio d'estate, la luce del sole entra e illumina direttamente l'interno della camera del dolmen.

Parcheggio al dolmen Menga e al dolmen Viera, Coordinate GPS:
37°01’25.3″N 4°32’49.0″W
37.023695, -4.546940 - fare clic e instradare

Dolmen Tholos de El Romeral
Interno del dolmen Tholos de El Romeral, Antequera

Si trova a circa 2,5 km dai due dolmen sopra descritti ed è allo stesso tempo il più giovane di essi. La sua costruzione è stimata intorno al 1800 aC A prima vista sembra diverso dai dolmen di Menga e Viera. Le sue pareti laterali erano fatte di piccole pietre e grandi lastre megalitiche furono usate per costruire il soffitto. Il lungo corridoio che conduce all'interno termina in due camere rotonde simili ad alveari. Solo la prima camera, più grande (circa 4,2 metri di diametro), è a disposizione dei visitatori. La camera più piccola ha un diametro di circa 2 metri e il suo pavimento è rivestito di lastre di pietra.

Parcheggio presso il dolmen Tholos de El Romeral, Coordinate GPS:
37°02’01.8″N 4°32’06.1″W
37.033827, -4.535017 - fare clic e instradare

Montagna della Peña de los Enamorados
Montagna della Peña de los Enamorados, Antequera
foto: Julia K sui principi CC BY-SA 3.0

Una montagna molto caratteristica che, vista dalla città di Antequera, forma la forma di un volto umano. Per questo motivo viene spesso chiamato Montana del Indio (montagna indiana), per il fatto che la forma del viso presenta distinti tratti indiani.
Ci sono molte leggende tipiche legate alla montagna, di cui non parlerò, perché nessuna di esse contiene nulla che non abbiamo già sentito prima. Molto più interessante è la grotta Abrigo de Matacabras, situata all'interno della montagna (non aperta al pubblico), decorata sulle sue pareti con dipinti preistorici. Un gruppo di scienziati dell'Università di Siviglia ha recentemente pubblicato un'analisi basata su foto ad alta risoluzione dei dipinti che ricoprono l'interno della grotta, confermando il collegamento della montagna e della grotta con il dolmen Menga che li indica.

Punto di riferimento, che devi seguire arrivando da Antequera, coordinate GPS:
37°03’11.5″N 4°30’00.1″W
37.053187, -4.500022 - fare clic e instradare

Il Torcal de Antequera
La zona di El Torcal de Antequera con caratteristiche formazioni rocciose
La zona di El Torcal de Antequera con caratteristiche formazioni rocciose

La Riserva Naturale El Torcal de Antequera, situata nella catena montuosa della Sierra del Torcal, si trova a circa 30 minuti di auto (18 km) a sud di Antequera. Quando si guida verso Antequera da Malaga, è proprio sulla strada, quindi è più conveniente vederla prima e poi andare a visitare i dolmen.
Il punto più importante della riserva è... il parcheggio turistico, da dove iniziano due sentieri panoramici. I percorsi sono lunghi 1,5 km e 2,7 km, parzialmente sovrapposti e codificati a colori. A seconda delle tue preferenze, del tempo e della volontà, puoi recarti in uno di essi. Se qualcuno non ha voglia di fare passeggiate più lunghe, è sufficiente percorrere un breve tratto iniziale del sentiero, dove siamo accompagnati fin dall'inizio da bellissimi panorami.
Il sentiero si snoda lungo un sentiero sterrato e roccioso sconnesso. Qui le condizioni più sfavorevoli per camminare si verificano... d'estate!!! Ciò è dovuto alle temperature estremamente elevate che spesso si verificano qui e alla tendenza ad accumulare ulteriore calore tra le rocce, proprio dove corre il sentiero.

Il parcheggio dove iniziano i sentieri che attraversano El Torcal, Coordinate GPS:
36°57’10.3″N 4°32’40.3″W
36.952860, -4.544517 - fare clic e instradare

Mappa del sentiero giallo (più lungo) proveniente dal sito web Junta de Andalucia
scaricamento: mappa del sentiero di El Torcal de Antequera – [clicca]

1.4 round
Ronda, Spagna

Una città piccola e incredibilmente situata. Situato sul sentiero Ruta de los Pueblos Blancos, cioè il Sentiero dei Villaggi Bianchi, che collega un totale di una dozzina di piccole città:
– Arcos de la Frontera (regione di Cadice),
– Espera (regione di Cadice),
– Bornos (regione di Cadice),
– Villamartín (regione di Cadice),
– Prado del Rey (regione di Cadice),
– El Bosque (regione di Cadice),
– Ubrique (regione di Cadice),
– Grazalema (regione di Cadice),
– Zahara de la Sierra (regione di Cadice),
– Aldodonales (regione di Cadice),
– El Gastor (regione di Cadice),
– Olvera (regione di Cadice),
– Setenil de las Bodegas (regione di Cadice),
- Ronda (regione di Malaga),
– Benaoján (regione di Malaga),
– Algatocín (Málaga),
– Gaucín (regione di Malaga),
– Casares (regione di Malaga),
– Jimena de la Frontera (regione di Cadice),
– Castellar de la Frontera (regione di Cadice).

Scopri di più su Ronda in una voce separata e dettagliata piano turistico – [clicca]

4.9/5 - (91 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Se ti piacciono le mie guide, troverai sicuramente utile quella che ho creato catalogo guide - [clicca]. Lì troverai idee già pronte per i tuoi prossimi viaggi, descrizioni di altre destinazioni turistiche e un elenco alfabetico di guide suddivise per paesi, città, isole e regioni geografiche.

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo accetterà volentieri qualsiasi follower a cui piace.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




4 commenti su "Malaga – mappa, programma turistico, attrazioni, alloggi, fatti interessanti"

  • o
    Collegamento diretto

    Come al solito, ha funzionato perfettamente. Attualmente stiamo volando per un totale di due settimane a Malaga, Cadice e infine a Siviglia per la Feria de Abril - il Benvenuto della Primavera.
    Saluti. Andrzej

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Ben fatto . Non posso credere che qualcuno condivida le proprie esperienze di viaggio in modo così altruista, fornendo tali dettagli in modo che tu possa ripetere il viaggio tu stesso. Bravo, bravo, bravo, Ewa

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Ottima descrizione. Non hai bisogno di nient'altro che un telefono carico e puoi andare a visitare la città :) Purtroppo, l'ingresso al Museo - Casa natale di Picasso costa circa 3-4 euro (04.2024/XNUMX).

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Fantastico: io e mio marito andremo a settembre e stavo programmando un viaggio quando ho trovato questo blog: non devo cercare oltre perché utilizzerò le informazioni fornite qui. GRAZIE.

    rispondere

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *