Castello di Krzyżtopór - Ujazd: visite turistiche, curiosità, fatti

Castello di Krzyżtopór, Ujazd, Polonia

Un anno di gioia

Un anno, solo un anno, il castello fu goduto dal suo fondatore: Krzysztof Ossoliński. Ha costruito l'edificio più grande e indubbiamente più bello d'Europa a quel tempo (!!!), simile a un palazzo fortificato. Voleva mettere in ombra tutti i castelli in Polonia e allo stesso tempo mettere in ombra tutto ciò che è stato costruito finora in Europa.
Krzyżtopór ha perso la palma prioritaria solo a Versailles, che è stata ampliata un po 'più tardi.
Ossoliński morì nel 1645, un anno dopo il completamento della costruzione. Quindi si è goduto il lavoro della sua vita solo per un anno.

Mistero e simbolismo

Sfortunatamente, poco si può dire sulla storia del castello, poiché quasi nessun documento è sopravvissuto. Naturalmente, questo favorisce la creazione di varie teorie relative al castello stesso, il che nel caso di Krzyżtopor non mi disturba affatto. Questo edificio eccezionalmente bello, persino elettrizzante, conservato oggi sotto forma di una romantica rovina, merita ogni storia incredibile che riscalderà ulteriormente le teste dei turisti.
Credo in alcuni di loro volentieri e sconsideratamente (e cosa! Mi è permesso!), E in altri no.
A cosa crederai? Vedremo.
Una cosa è certa: continua a leggere, sarà interessante!

Ecco come appare il castello Krzyżtopór dalla strada di accesso…. va bene subito!

Soldi per Krzyżtopór

Cominciamo con i soldi. Non è difficile immaginare che la costruzione di un palazzo-fortezza di tali dimensioni (per non parlare dello splendore degli arredi) dovesse costare importi inimmaginabili. Diverse fonti danno quantità diverse. Una volta sono 30 milioni, e talvolta 50 milioni di zloty, il che comunque non dice nulla. È piuttosto difficile immaginare il valore reale di una tale somma nel XVII secolo. Un'altra valutazione è più illustrativa. Basti pensare che il costo della costruzione di Krzyżtopor era all'incirca pari al reddito di 10 anni di un magnate appartenente al gruppo dei magnati polacchi più ricchi. Dove aveva così tanti soldi Krzysztof Ossoliński?
Parte del patrimonio è un'eredità di suo padre (Zbigniew Ossoliński), ma un contributo molto significativo al patrimonio di Krzysztof Ossoliński è stato dato dalle sue tre mogli sotto forma di dote. I matrimoni favorevoli gli hanno portato una notevole fortuna.
Tuttavia, si crede comunemente che l'interesse per la vita su cui Ossoliński guadagnava più soldi fosse il contratto che concluse per la fornitura di cibo all'esercito polacco durante le guerre di Svezia.
Come si scopre tra un momento, la storia tornerà presto al punto di partenza e torneremo di nuovo al tema svedese.

La posizione di Krzyżtopor

Un palazzo e una fortezza in uno devono essere presidiati in abbondanza. Da un lato, erano residenti della parte confortevole del palazzo e, dall'altro, il cast militare della parte della fortezza. Per questo bestiame. L'ubicazione dell'edificio dipendeva quindi da ... ovviamente dall'acqua!
La chiusa doveva essere posizionata in modo da avere accesso costante a una rete idrica ad alta capacità. La primavera doveva funzionare sempre, indipendentemente dalla stagione e dal tempo.
La scelta è caduta sulla collina situata nella valle paludosa del fiume Koprzywianka. In questo modo, all'interno delle mura del castello era presente un'efficiente sorgente d'acqua, ed era questa che determinava l'ubicazione dell'edificio. Li troverete nel seminterrato della torre ottagonale, che ho segnato sulla pianta del castello nella parte più lontana dell'ingresso (n. 5).

Ingresso alla torre ottagonale. Una sorgente sgorga sotto, nel seminterrato.

Miracoli, miracoli Signore!

Krzysztof Ossoliński era ben istruito. Ha studiato a Lublino, Cracovia, Würzburg, Graz, Firenze, Bologna, Padova e Parigi. Era interessato a arte, letteratura, simbolismo e astrologia. In anni di viaggi e studi nelle università di tutta Europa, è stato naturalmente permeato della cultura europea. Non c'è da stupirsi che, nel progettare la costruzione dell'opera della sua vita, abbia utilizzato gli edifici più belli d'Europa come punto di riferimento e abbia voluto creare qualcosa di altrettanto importante.
Sfortunatamente, nessuna informazione sull'autore del progetto del castello è sopravvissuta. Sappiamo solo che l'architetto Wawrzyniec Senes era incaricato della costruzione del castello.
Molte fonti indicano che l'autore principale del progetto potrebbe essere stato lo stesso Krzysztof Ossoliński, supportato dalla conoscenza pratica di Senes. Ossoliński aveva un'istruzione adeguata e il simbolismo contenuto nell'edificio corrisponde bene alle ambizioni di Ossoliński. Wawrzyniec Senes, d'altra parte, ha altri edifici al suo attivo, ma il loro carattere è completamente diverso nello stile da quello che si può vedere a Krzyżtopor. Da qui la conclusione che, in quanto costruttore e architetto con notevole esperienza, poteva fornire a Ossoliński un supporto pratico e significativo.

Uno dei cantieri di servizio a Krzyżtopor

Pentagono e pentagramma

Osservando la pianta dell'edificio si nota subito la sua forma regolare. È chiaramente visibile che Krzyżtopór è stato costruito sulla pianta di un pentagono (pentagono regolare). Molti sostengono (non senza ragione) che la forma iniziale fosse un pentagramma.
Nel XVII secolo, il pentagramma era un simbolo inequivocabilmente positivo. Conosciuta dall'età neolitica, simboleggiava la perfezione per molti secoli, era associata alla vita e alla salute. Non è stato fino al XIX secolo (cioè abbastanza di recente) che è stato dato un colore negativo associato a Satana (ma solo nella forma invertita di 180 gradi, con due vertici in alto, dove è stata trovata la somiglianza con la testa di una capra).
Nell'animazione qui sotto, sulla foto satellitare di Krzyżtopor, ho inserito entrambe le forme: un pentagono e un pentagramma. Decidi tu stesso quale di loro otticamente si adatta meglio a lui.

Le forme del pentagono e del pentagramma sono sovrapposte all'immagine satellitare di Krzyżtopor

Ai tempi di Krzysztof Ossoliński, il pentagramma non aveva tinte negative. Era considerato un simbolo perfetto. Le sue cinque braccia riflettevano i cinque sensi umani (gusto, udito, tatto, olfatto e vista), i cinque elementi (terra, acqua, vento, fuoco e luce) ei cinque mondi (fisico, eterico, astrale, mentale e spirituale).
Guardando la questione dalla posizione del XVII secolo, diventa abbastanza probabile che Ossoliński, che conosceva e capiva perfettamente il simbolismo, usasse la forma del pentagramma come posizione ideale per costruire un castello perfetto.
Per capire meglio l'armonia delle forme, ho fatto un piccolo esperimento. Ho combinato il pentagramma, la silhouette di un uomo con le proporzioni del corpo e il contorno della forma del castello Krzyżtopór in un'unica immagine. È vero che si adatta bene?

Un tale gioco con un pentagramma, una figura umana e la forma del castello di Krzyżtopór

Doveva durare per sempre

Il simbolismo di Krzyżtopor non si limita alla sua forma esterna di base. Inoltre, ciò che riempiva questa forma, ovvero gli edifici del palazzo, erano progettati per riflettere il passare del tempo, a simboleggiare la sopravvivenza della famiglia Ossoliński. Quindi abbiamo quattro torri angolari sugli edifici del palazzo, che simboleggiano le quattro stagioni. E inoltre? Inoltre - come dice la voce, e dicono le guide durante il tour - il palazzo avrebbe dovuto avere 12 stanze, 52 stanze e 365 finestre ... nell'immagine di 12 mesi, 52 settimane e 365 giorni all'anno.

La vista dal cortile principale sulla facciata del palazzo verso il cortile ellittico

Qui, purtroppo, mi dispiace aggiungere che la ricerca moderna tende a confermare questa versione. Un problema serio è contare i corridoi, le stanze e le finestre in modo da ottenere il numero previsto.
D'altra parte, l'attuale condizione del castello e la mancanza di qualsiasi progetto architettonico dal momento della sua costruzione non escludono che una tale divisione fosse possibile. Così?
Guardando con gioia il castello, ho pensato che mi sarebbe dispiaciuto se dopo la conversione fossi rimasto senza, ad esempio, una finestra. Come misura precauzionale, ho deciso di non contare e sono lieto di credere che fossero 365.

Per chi lo desidera, presento un breve video qui sotto, dove ognuno può contare velocemente tutte le finestre da solo e controllare se tutto va bene 🙂

Per i curiosi:
Quando si entra nel castello, vale la pena prestare attenzione all'enorme geroglifico con la lettera "W". Lo trovate sulla torre con il cancello d'ingresso (n. 1 sulla mappa), a sinistra del cancello, sotto la croce. Nell'ornamento aramaico, questo simbolo significa durata eterna. È vero che si sposa perfettamente con l'idea del castello?

Torre dell'orologio con cancello d'ingresso al castello. Puoi vedere due grandi rilievi: una croce e un'ascia. A sinistra, sotto la croce, la lettera "W", a destra, sotto l'ascia, la data "1631".

Avrebbe dovuto impressionare

Non c'è dubbio che la parola "delizia" fosse inscritta nel concetto che guidò Ossoliński durante la costruzione di Krzyżtopor. Il palazzo avrebbe dovuto suscitare ammirazione e forse anche invidia.
Entrando nel castello attraverso la torre del cancello, entrerai nel cortile principale (n. 2). Di fronte a te vedrai un palazzo (n. 4) con cortile ellittico (n. 3) e fabbricati agricoli (n. 6) a sinistra ea destra. Ai piani inferiori dei fabbricati rurali c'erano famose scuderie, che nel loro periodo di massimo splendore dovevano essere dotate di mangiatoie in marmo e grandi specchi per illuminare l'interno.

Frammento della fattoria (n. 6), Krzyżtopór
Il livello inferiore della fattoria, cioè la stalla, che presumibilmente aveva specchi che illuminavano le stanze
Il cortile principale, Krzyżtopór

Un tunnel conduce dal cortile ellittico della parte del palazzo all'interno, conducendo direttamente sotto l'enorme sala da ballo a due piani. Più avanti nell'asse dell'edificio c'è una torre ottagonale (n. 5). Dal suo seminterrato sgorga una sorgente d'acqua, che ha determinato l'ubicazione del palazzo. Nella torre (a quanto pare) c'era anche una sala da pranzo con soffitto in vetro, attraverso la quale si poteva vedere l'interno dell'acquario con pesci esotici ...
Ho dei dubbi qui. Chiunque abbia avuto un acquario sa cosa si accumula sul fondo di un tale acquario. I pesci - come ogni creatura vivente - dopo aver digerito ciò che hanno mangiato, si liberano del contenuto non necessario dal corpo. Questo contenuto affonda immediatamente in fondo. È difficile per me immaginare che qualcuno possa avere l'idea di osservare il pesce da un lato così poco attraente ... soprattutto nella sala da pranzo rappresentativa. Tuttavia, non approfondirò la questione.

Un frammento di un cortile ellittico., Krzyżtopór
Un cortile ellittico dal retro, dietro il muro, Krzyżtopór
Rotonda del cortile ellittico. Sotto c'è una torre dell'orologio con un cancello d'ingresso, Krzyżtopór

Krzyżtopór o Krzysztofopór?

All'inizio della costruzione, il castello si chiamava Krzysztofopór. Il nome era una combinazione del nome del fondatore con il nome dello stemma della sua famiglia (Krzysztof Ossoliński era dello stemma Topór). Con il tempo, durante la costruzione, il nome fu cambiato in Krzyżtopór. Il cambio di nome è legato alla costruzione di una torre con il cancello d'ingresso principale nel 1631, sulla quale furono posti due enormi bassorilievi: una croce e un'ascia. A quel tempo, c'era anche un'iscrizione sul cancello, di cui oggi non c'è traccia: Cross defence / Krzyż podpora / Dziatki our Topor.
Krzysztof Ossoliński era un cattolico zelante e così espresse il suo atteggiamento personale verso i principi della fede.

Edifici del castello Krzyżtopór

Undici anni di grandezza

Il castello avrebbe dovuto durare per sempre ed è durato solo 11 anni. Sfortunatamente. A causa delle circostanze storiche, questo edificio, unico sotto ogni aspetto, è sopravvissuto ai nostri tempi solo sotto forma di una rovina permanente. Mi dispiace molto.
A proposito, una grande sfortuna significava che il castello non era fortunato con i suoi proprietari, o semplicemente i prossimi proprietari non erano fortunati, perché:

il primo proprietario - Krzysztof Ossoliński - morì (nel 1645) un anno dopo la costruzione del castello a causa di un improvviso attacco di febbre

il secondo proprietario - Krzysztof Baldwin Ossoliński - il figlio di Krzysztof Ossoliński, morì nella battaglia di Zborów tre anni dopo (nel 1648)

il terzo proprietario - Jerzy Ossoliński - Il fratello di Krzysztof Ossoliński ricevette il castello sulla base dell'eredità e ... morì due anni dopo (nel 1650)

il quarto proprietario - il castello fu ereditato dalla figlia di Jerzy Ossoliński Urszula, insieme al marito Samuel Jerzy Kalinowski, che ... dopo due anni (nel 1652) morì nella battaglia di Batah

... finché la paura non fu quella di ereditare questo castello ...

Tre anni dopo (nel 1655, durante il diluvio svedese), gli svedesi entrarono nel castello senza sparare un solo colpo. Lì si organizzarono alloggi eccezionalmente confortevoli. Il quartiermastro svedese Eryk Dahlberg, impressionato dal castello, ne realizzò un disegno, di cui fornì una descrizione significativa: La fortezza più bella e ben fortificata.

Schizzo del castello di Krzyżtopór realizzato dal quartiermastro svedese Eryk Dahlberg

Due anni dopo (nel 1657), gli svedesi lasciarono il castello, dopo averlo accuratamente derubato di tutte le decorazioni, le attrezzature e le collezioni della biblioteca. Probabilmente poi è scomparso, e quindi tutti i piani per costruire il castello sono persi. Le mura del castello sono rimaste intatte.
La storia è tornata al punto di partenza. Il castello, che (come ricordiamo) fu in gran parte costruito grazie ai soldi guadagnati da Ossoliński durante le guerre svedesi, fu depredato dalle sue nude mura ... dagli svedesi.
Da quel momento inizia la caduta sistematica di Krzyżtopor.

Edificio di servizio, Krzyżtopór
Vista lungo le mura esterne della torre ottagonale e del bastione "High Rondel"
Il piano superiore della fattoria, il castello Krzyżtopór

Proprietari successivi

Per quasi 50 anni consecutivi il castello non fu abitato. La famiglia Morsztyn è venuta dopo la famiglia Kalinowski. Tuttavia, il castello non fu rinnovato e lentamente cadde in rovina. Il proprietario successivo, Michał Jan Pac, ristrutturò l'ala meridionale, ma come partecipante alla Confederazione degli avvocati diretta contro l'Impero russo, fuggì in Francia dopo che le truppe russe entrarono in Polonia. Il castello fu invaso e bruciato dai russi nel 1770.
Successivamente è passato di mano più volte, ma nessuno ha mai intrapreso lavori di ristrutturazione. Per oltre 200 anni, il castello è servito principalmente come un comodo punto di resistenza durante varie scaramucce e combattimenti: nella rivolta di gennaio, durante la prima guerra mondiale e, naturalmente, durante la seconda guerra mondiale.
Dovrebbe essere considerato un miracolo che, nonostante una storia così colorata e una totale mancanza di cure, circa il 90% delle mura del castello sia sopravvissuto fino ad oggi.

L'interno della torre ottagonale. Doveva esserci un acquario in un soffitto di vetro, Krzyżtopór
Piano inferiore della parte del palazzo, Krzyżtopór

Mappa del castello

Di seguito una mappa del castello con i luoghi più interessanti contrassegnati, che ho menzionato nell'intera descrizione sopra. Ti aiuterà a pianificare la tua visita al castello.

Mappa del castello di Krzyżtopór

Sulla mappa del castello:
1. Torre dell'orologio con cancello d'ingresso. Su entrambi i lati del cancello ci sono grandi rilievi di una croce e un'ascia, un simbolico geroglifico con la lettera "W" e la data di costruzione "1631".
2. Il cortile principale
3. Cortile ellittico del palazzo
4. L'edificio principale del palazzo con un'enorme sala da ballo a due piani
5. Torre ottagonale, che doveva essere una sala da pranzo con soffitto in vetro (acquario). Nel seminterrato della torre è presente una sorgente d'acqua ed è presente una cisterna-cisterna per lo stoccaggio delle scorte d'acqua.
6. Ali con annessi.
7. Bastione "Monaco grigio"
8. Bastione "Korona"
9. Bastione "Pentola alta"
10. Bastion "Qui è per te"
11. Bastione "Drago"
12. Cantieri utili

Visita al castello di Krzyżtopór

Il castello può essere visitato con guida o in autonomia. Le visite guidate sono possibili solo in alta stagione, che dura nel castello da aprile a ottobre. In questo periodo è possibile la visita anche notturna (solo con guida), che si svolge il secondo e ultimo sabato del mese.
Le visite guidate richiedono la prenotazione anticipata, che deve essere effettuata nella pagina del castello - [clic]

Il castello è visitabile tutto l'anno e non è richiesta la prenotazione.
La visita indipendente è facilitata da quattro percorsi turistici contrassegnati con colori e targhe:

- percorso verde - percorso panoramico del bastione. Fa il giro del castello, attraverso tutti e cinque i bastioni difensivi con nomi storici: "Grey Monk", "Crown", "Tall Pot", "Here for You" e "The Dragon".

- percorso blu - è sostanzialmente contrassegnato da tre tonalità di blu: blu navy e blu conducono attraverso la dependance e il palazzo, e il colore blu brillante conduce alla fonte d'acqua e ai giardini

- percorso giallo - il giro delle cantine conduce anche alla sorgente d'acqua e alla cisterna utilizzata per la raccolta dell'acqua sorgiva. Puoi vedere l'interno della cisterna attraverso l'apertura di ingresso sbarrata

- percorso rosso - visita delle cantine per i più coraggiosi. Conduce attraverso stanze seminterrate non illuminate e in luoghi soffitti molto bassi, sotto i quali dovrai infilare. Saranno utili una torcia e una colonna vertebrale efficiente 🙂

È possibile visualizzare e scaricare una descrizione dettagliata dei percorsi turistici con mappe facendo clic su questo collegamento - [clic]

Prezzi dei biglietti:

Visite giornaliere: 12 PLN / persona (normale), 9 PLN / persona (scontato)
Noleggio di una guida: 40 PLN per un gruppo di 10 persone
Tour notturno: 25 PLN / persona

Orari di apertura:

Aprile - agosto: 8:00 - 20:00
Settembre - ottobre: ​​8:00 - 18:00
Novembre - febbraio: 8:00 - 16:00
Marzo: 8:00 - 18:00

Coordinate GPS utili

Parcheggio P1 (gratuito), Coordinate GPS:
50°42’48.6″N 21°18’34.3″E
50.713493, 21.309533 - fare clic e instradare

Parcheggio P2, Coordinate GPS:
50°42’51.2″N 21°18’42.7″E
50.714219, 21.311847 - fare clic e instradare

4.7/5 - (281 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Se ti piacciono le mie guide, troverai sicuramente utile quella che ho creato catalogo guide - [clicca]. Lì troverai idee già pronte per i tuoi prossimi viaggi, descrizioni di altre destinazioni turistiche e un elenco alfabetico di guide suddivise per paesi, città, isole e regioni geografiche.

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo è stato appena creato, quindi per ora sta morendo di famea causa della mancanza di follower. È felice di ricevere qualsiasi osservatore che lo nutre con il suo amore.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




13 commenti su "Castello di Krzyżtopór - Ujazd: visite turistiche, curiosità, fatti"

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *