Trygława Hill - un luogo di culto della fede degli slavi nella foresta di faggi

Il percorso verso la cima e una delle statue su Gora Trygława

Come un fulmine a ciel sereno

Si si Perché l'impressione è elettrizzante! Come una passeggiata come al solito. Passo dopo passo. Un po 'in salita, un po' in discesa. Vago lungo uno stretto sentiero tra ruscelli e alberi. Zone pittoresche La foresta primordiale di Bukowa sempre delizia. L'occhio è felice, gli uccelli cantano, il viso è felice. C'è un'altra collina davanti a me, più ripida del solito… non sono ancora stato qui! Mi avviai avidamente su per la collina, seguendo con noncuranza la fresca vegetazione primaverile. Uno, due, tre, sono di sopra e ... cazzo! Cos'è questo???
All'improvviso mi trovo in cima a una collina nel mezzo di un cerchio. Cos'è questo cerchio? Prendo fiato e mi guardo intorno più da vicino. Posso sentire gli occhi di qualcuno su di me. Qualche tipo, scolpito nel tronco di un albero, mi guarda da sotto gli occhi. Totem? Statua?
Continuo a guardarmi intorno. Ci sono altre di queste statue. Mi guardano da più parti. Questo non è un normale totem. Al centro del cerchio, sotto una statua di legno, c'è un'enorme pietra. Ha inciso un grande simbolo X. Proprio accanto ce n'è un altro, più piccolo. È coperto con un panno di lino. Altare.
Altri simboli attirano la mia attenzione. Sono tagliati o dipinti sui tronchi delle statue.
Molto di esso. Succede!

Statue di legno e un altare di pietra ... Sento che qualcuno mi sta guardando: la foresta di Bukowa, Stettino

Dopo la salita ho già avuto il tempo di riposarmi, ma prendo un respiro più profondo. Va bene! Diamo uno sguardo più da vicino a tutto. Prima un breve video (lo puoi vedere sotto) e poi una rapida analisi della situazione.

Luogo di culto

Dopo un po 'non ho più dubbi. Mi sono trovato nel mezzo di un luogo di culto. Che cosa?
Ho un telefono, ho internet e ho tempo. Mi siedo su un tronco d'albero sul perimetro del cerchio che circonda statue di legno e un altare di pietra, tiro fuori un panino con la carne del pranzo e mastico lentamente la mia colazione, arrivo alle informazioni successive. Dopo pochi minuti, viaggio indietro nel tempo fino all'Alto Medioevo. Fino ai tempi prima che il cristianesimo diventasse dominante in questa parte d'Europa, e la religione slava era comune.
La religione slava presupponeva l'esistenza di molti dei e non ne limitava in alcun modo il numero. Allo stesso tempo, il dio in questa religione non era identificato con la figura umana. Dio è stato identificato con tutto ciò che circonda l'uomo e, come assoluto, è penetrato attraverso tutto ciò che esiste. Naturalmente, nel tempo nella religione degli slavi sorse un gruppo di dei, che era noto e comune alla maggior parte dei credenti. C'era persino una gerarchia che considerava alcuni dei più importanti e altri meno importanti. Alcuni furono adorati con più entusiasmo e i loro templi furono eretti, mentre altri furono lentamente dimenticati. C'era anche una certa regionalizzazione, ad esempio a Stettino, che era già un centro significativo a quel tempo, e Trygław (noto anche come Trzygłów, Trygłów, Triglav) godeva di un culto speciale. A Rügen (Germania settentrionale) si adorava Świętowit e il centro del culto era ad Arkona. D'altra parte, a Radogoszcz (ora zona di Maklenburg), Swarożyce ha ricevuto un'attenzione speciale.
Gli slavi consideravano luoghi con caratteristiche speciali luoghi sacri. Molto spesso colline con un vecchio albero, vecchi massi, preferibilmente vicino a una fonte, un pozzo o un ruscello. Spesso trasformavano i luoghi di culto per formare un cerchio magico per il contatto con la divinità.

Un luogo di culto religioso degli slavi, in cima a una collina nella foresta di Bukowa.

Ma aspetta un attimo!

All'improvviso sono tornato ai giorni nostri. Mi sono guardato intorno. Non è un posto perfetto per un tempio slavo? Sono seduto sul perimetro del cerchio, in cima alla collina, vecchi alberi intorno a me, un vecchio masso davanti a me e il ruscello Leniwka che scorre lentamente in basso.
Tuttavia, c'è qualcos'altro!
Stettino, slavi ... il club musicale più famoso di Stettino "Słowianin"
Swarożyc ... Swarożyca Street a Stettino? Sì!
Il luogo di culto più famoso: Świętowit: Arkonia… ea Stettino? Via Arkońska, piscina Arkonka, foresta di Arkoński, club sportivo Arkonia ...
I tipi di statua mi stanno ancora fissando. Adesso sorridono anche un po '. Penso che mi stiano prendendo in giro. Chi sono?

Questo tipo - ho la sensazione - come se si stesse divertendo un po 'con me

Continuo a leggere

Panoramica della batteria del telefono: 78%. Freddo!
Uno sguardo al panino del pranzo: 0% uuuu! Detrimento.
Bene, sono tornato al Medioevo! Di tutti gli dei degli slavi, leggerò più tardi. Ora mi interessa cosa significano questi simboli? Cosa significano i simboli sui tronchi delle statue e sulla pietra?
Poche parole chiave rilasciate su Google, mezz'ora di navigazione sul web e il gioco è fatto!

Rune e scrittura runica

Segni runici sul tronco di una delle statue

Alcuni dei simboli trovati si sono rivelati caratteri dell'alfabeto runico. Certo, presumo che tutti conoscano molto bene l'alfabeto runico, ma se c'era qualcuno che (come me) non conosceva questo alfabeto, ho deciso di preparare un sussidio di studio appropriato. Di seguito troverai una grafica con tutti i caratteri dell'alfabeto runico (il cosiddetto fuþark). Fu utilizzato in questa zona più o meno fino al battesimo polacco, e anche un po 'più a lungo (più o meno fino al 1000).

Rune - alfabeto runico, il significato dei caratteri runici e le lettere equivalenti nel nostro alfabeto

Cosa significano i segni nella foto?
Ora la questione è chiara!

Il primo segno è Algiz (nel nostro alfabeto corrisponde alla lettera Z), e il suo significato è: cura. Mettere un segno di cura in un luogo di culto sembra avere un senso. Probabilmente simboleggia la cura o la protezione che i partecipanti al culto vorrebbero garantire a se stessi dagli spiriti.

Il secondo carattere è Jeran (l'equivalente della lettera J nel nostro alfabeto). Jeran simboleggia il raccolto. La collocazione di un segno del raccolto in un luogo di culto è chiara. Dopotutto, molti dei rituali erano nell'intenzione della fertilità e dell'abbondanza di frutti che la terra dava alle persone. Immagino che sia difficile trovare una serie di segni migliore in un luogo di culto slavo di Algiz-Jeran, che è cura e fertilità.

Mi è piaciuta così tanto la lettura delle rune che ho iniziato istintivamente a cercare di più per leggere qualcos'altro. Un'altra runa è stata facile da trovare. È stato scolpito nella pietra. La pietra più grande che giace lì, che può essere vista nella foto sotto. Decifrando questo segno, lo lascio a te 🙂

Una pietra con un segno runico scolpito su di essa. Decodifica tu stesso cosa significa!

Giocare con le rune

Giocare con le rune si è rivelato così divertente che non c'erano più rune da leggere. Quindi ho avuto un'idea semplice. E se interpretassi le tue iniziali con le rune? Proviamolo!
Le mie iniziali sono JG, che significa Jeran-Gebo. Il significato di questi segni è: raccolto e amore. Non male cosa? La moglie sarà contenta - ho pensato subito.
Com'è con le tue iniziali? Vai avanti puoi vantarti nel commento sotto il post! 🙂
Infine, ho scritto il mio nome tra le rune (sotto) e potremmo occuparci di altri simboli.

Il mio nome: Jacek in notazione runica

Simboli slavi

Oltre alle rune, ovviamente, erano comunemente usati altri segni: simboli. Avevano un significato molto più ampio delle rune, e poiché stavo decifrando così bene, mi sono preoccupato di trovare subito il loro significato.

Tornello
Tornello a tre bracci

Il primo simbolo sembra essere una versione semplificata del simbolo noto come Turnstile. Il tornello è una specie di svastica, uno dei simboli più positivi degli slavi e non solo degli slavi. Indù, buddisti e giainisti lo usano universalmente e lo trattano come un segno sacro (purtroppo nel XX secolo il segno è stato appropriato dai nazisti, i cui crimini hanno completamente cancellato il significato positivo originale).
La parola svastika significa "fonte". Era considerato un sinonimo di felicità e prosperità. Negli slavi il tornello era chiamato swarga, swarzyca o swarożyca e l'associazione con il dio del sole slavo (Swaróg / Swarożyc) è evidente.
Il tornello destro imita il movimento apparente del sole visto dall'emisfero settentrionale. Era comunemente dipinto sulle case per spaventare i demoni malvagi e fornire protezione dai disastri naturali.
In origine il tornello aveva quattro braccia rotte ad angolo retto, ma si è evoluto nel tempo. La versione a otto punte era la più popolare tra gli slavi. La versione a tre bracci sottolinea l'importanza del numero tre (tre punti di appoggio garantiscono stabilità).

Argano a otto bracci
triskelion

Un altro simbolo è facile da individuare sull'albero successivo. A mio parere, questa è una versione semplificata del triskelion.

Un triskelion sul tronco di una delle statue

Triskelion è, insomma, un segno composto da tre elementi simmetrici: spirali, meandri o gambe. Crea un motivo geometrico circolare. È spesso interpretato come un simbolo dei tre elementi: terra, fuoco e aria, o le triple dimensioni della vita umana, che includono le parti fisiche, mentali e spirituali. Nel caso degli slavi, invece, la più probabile è l'interpretazione che collega il tiskelion con il Triglav, cioè un dio con tre teste, formato dalla fusione di altri tre dei in uno solo.

Una versione un po 'più carina del triskelion
Veles

Ho trovato un altro simbolo su una delle statue. Puoi vederlo nella foto qui sotto.

Un altro simbolo sulla statua

Il significato di questo simbolo ci dice immediatamente di chi è il volto rappresentato dalla statua. È un simbolo che indica uno dei due dei più importanti degli slavi: Weles.
Weles (noto anche come Wołos) era il dio degli inferi (e dei morti). Aveva la capacità di trasformarsi in una Vipera, che era il guardiano dell'ingresso nella terra sotterranea dei morti, conosciuta come Navia.
Un toro di tre anni (di nuovo il numero 3) fu offerto a Weles come offerta. Viene spesso chiamato anche "il dio bovino" perché considerato il signore e supremo guardiano del bestiame. Tra gli slavi, il bestiame era una misura e un riflesso della ricchezza, quindi Weles, come dio, era anche un protettore della prosperità e dei mercanti.
Diamo uno sguardo di nuovo al segno che simboleggia Weles. Non sembra una testa di toro?

Il segno di Veles - non sembra una testa di toro?

Weles è stato anche riconosciuto come il dio della legge e dei giuramenti. Se c'era bisogno di prestare giuramento, era solo il nome di Weles.

Ora non è più sorprendente perché questa statua abbia le corna. Questo è Weles, un dio bovino

Come raggiungere il luogo di culto degli slavi nella foresta di Bukowa?

Raggiungere il tempio degli slavi nella foresta primordiale di Bukowa non è facile (perché fortunatamente è impossibile arrivarci in macchina), ma non sarà una grande sfida per gli amanti delle passeggiate. Sarà solo una piacevole passeggiata nel bosco.
La cosa migliore e più piacevole da fare è guidare la macchina fino al parcheggio di Jeziorka Szmaragdowy e iniziare la passeggiata verso la montagna slava. Dopo aver lasciato il parcheggio, bisogna seguire l'ampia strada accanto alla vicina Zajazd Szmaragd. La strada veloce si trasforma in sterrata e passa sotto un cancello di legno accogliendo i nuovi arrivati ​​nella faggeta. Dopo aver scalato una ripida salita dove la strada si snoda ad S, salirai in cima alla collina dove c'è un rifugio in legno e diversi sentieri si incrociano. Si va leggermente in diagonale a sinistra, superando il posto auto coperto sul lato sinistro (come l'ho segnalato nella foto sotto) .. Poi il sentiero vi condurrà da solo, fino a raggiungere un caratteristico passaggio, un canale sotterraneo sotto l'autostrada. Svoltare a sinistra a destra dopo il canale sotterraneo. Prima sarà un po 'in salita, poi un po' in discesa, e alla fine del sentiero arriverete ad un'altra strada forestale che dovete girare a destra. Questa strada ti porterà quasi alla destinazione del viaggio (è in linea retta, forse a 200 m dalla strada) .. Quando ti avvicini al luogo, dovresti attivare la navigazione sul tuo telefono (cliccando sulle coordinate I hanno dato di seguito). In questo modo sarà più facile trovare la collina e il luogo di culto slavo.
Dovrai camminare per circa 3 km solo andata, il che significa che raggiungere il luogo, a seconda del ritmo con cui ti muoverai, ti porterà da 0,5 h (passo a piedi) a 1 ora (passo a piedi).
Il percorso più breve per raggiungere il luogo è segnato sulla mappa sottostante. Nel campo il percorso di accesso non è segnalato in alcun modo. Quindi per favore non lasciarti influenzare dai segni dei sentieri degli alberi che incontri lungo il percorso. Troverai anche le coordinate GPS dei punti chiave sotto la mappa, se ti perdessi nella foresta durante la passeggiata (anche se non credo che si verifichi un problema del genere, perché la passeggiata si svolge sempre lungo comodi sentieri forestali).
Vale la pena indossare scarpe da fuoristrada, perché alcuni dei frammenti di strada coperti durante la marcia possono essere a volte fangosi.
Ovviamente includo anche la posizione GPS dettagliata del luogo di culto stesso.

Mappa del percorso per il luogo di culto della fede slava nella foresta di Bukowa
1 - luogo di culto
2 - sotto l'autostrada

P1 - Parcheggio presso il lago Szmaragdowe, Coordinate GPS:
53°22’24.0″N 14°37’28.4″E
53.373342, 14.624549 - fare clic e instradare

Punto 1 - il luogo del culto religioso degli slavi, Coordinate GPS:
53°21’18.1″N 14°38’13.1″E
53.355030, 14.636958 - fare clic e instradare

Punto 2 - passaggio (canale sotterraneo) sotto l'autostrada, Coordinate GPS:
53°21’57.7″N 14°38’03.1″E
53.366014, 14.634187 - fare clic e instradare

Ci sono rituali che si svolgono qui?

Quando la mia visita al tempio degli slavi stava per terminare, mi è venuta in mente un'altra domanda: ci sono davvero dei rituali che si svolgono qui? Possibile!
Se invece è così, a giudicare dalla mancanza di tracce al 100%, sono (fortunatamente) modernizzati e incruenti. Tuttavia, se lo facessero, mi piacerebbe vedere come appare e scattare alcune foto. Immagina, ad esempio, un tale Dziady in questo scenario? Pelle d'oca in muratura!
Al centro, ai piedi della statua lignea, c'era un piccolo altare in pietra ricoperto da un telo di lino. Ho guardato discretamente sotto ed ecco cosa ho visto: monete e grani (foto sotto). Sono rimasti da qualche rituale?
Se ci sono riti slavi tradizionali, è molto probabile che si svolgano durante le feste tradizionali slave. Per chi volesse verificarlo, venendo in questo posto dopo il tramonto o di notte, ho raccolto le date delle feste più importanti degli slavi. Di tutte le seguenti, quattro vacanze sono sicuramente le più importanti: Szczodre Mody, Jare Mody, Kupała Night e Harvest Festival, ma gli antenati della primavera e dell'autunno sono sicuramente i più adatti allo scenario.

Una delle statue in legno sulla collina Trygława
Ho trovato monete e grani sotto un panno di lino su un piccolo altare.

Calendario delle festività slave

Szczodre Mody - 21 dicembre

La festa cade nel solstizio d'inverno, che è la notte più lunga dell'anno. Ogni notte successiva che seguiva gli Dei Generosi si accorciava e ogni giorno la luce e Dadźbóg (o il Sole) guadagnavano un vantaggio sull'oscurità.
La festa spesso durava una dozzina di giorni e prendeva la forma di una festa chiassosa. Durante la festa non sono stati dimenticati i defunti, per i quali sono stati preparati cibo, bevande e un posto accanto al fuoco. Durante le vacanze si eseguivano rituali, predizioni della fortuna e si davano doni.
Dicembre, l'apertura al tavolo e la consegna dei regali vi ricordano qualcosa? Esattamente come pensi! Il Natale è una festa cristiana nata dalla trasformazione dell'accoppiamento generoso. Per molti anni il Natale è stato chiamato Natale.

Weles Week - dal 9 al 15 febbraio

In quei giorni, Weles, il sovrano degli inferi e del mondo dei morti (la cui statua si trova nel tempio nella foresta di faggi), ha viaggiato nel mondo dei vivi con il suo cibo. Risvegliando le forze della terra, visitò fattorie, eseguì rituali sul bestiame, specialmente (come dio del bestiame) sul bestiame. La gente cantava canzoni, pregava, si sacrificava e ... rigirava gli indumenti di pelle dentro e fuori, la pelliccia fuori, per assomigliare alla forma animale di Weles.
Camminare al seguito di casa in casa, cantare canzoni, pregare ed essere al seguito di un animale irsuto e con le corna ti ricorda qualcosa? E i cantanti di canti natalizi che vanno di casa in casa e Turoń (una bestia irsuta con le corna) tra loro?

Jare Gody - 21 marzo

La festa cade il giorno dell'equinozio di primavera, quando la durata delle notti di accorciamento è uguale alla lunghezza del giorno di allungamento. L'arrivo dell'equinozio ha segnato la fine definitiva dell'inverno e la fine della paura del freddo e della fame. La vita, la vitalità e la fertilità erano adorate. Non c'è da stupirsi che Jare Gody sia stato celebrato in modo grandioso e per molto tempo (a volte anche diversi giorni).
Dire addio all'inverno è stato abbastanza inequivocabile e intransigente in questa vacanza. La personificazione dell'inverno e della morte, cioè Marzanna, è stata semplicemente bruciata prima e poi sciolta… che è ciò che è stato fatto fino ad oggi.
Il patrono della festa era il dio Jaryło che era immaginato come un giovane a piedi nudi con una veste bianca, a cavallo di un cavallo bianco. Oggi la primavera è vista come una donna ariosa e scalza.
La celebrazione della Pasqua attinge al meglio dalla tradizione del matrimonio di Jarych.

Collina di Trygława - Foresta di Bukowa, Stettino
Gaik - 30 aprile

Quel giorno, una bambola (chiamata Dziewanna) fu realizzata con piante portate dalla foresta e la portò in tutto l'insediamento come simbolo del trionfo finale sull'inverno. Si praticava anche la tradizione di collocare un palo di maggio decorato con fiori e ghirlande, attorno al quale si svolgevano danze rituali.

Spring Forefathers - 2 maggio

Dziady non è altro che la festa dei morti. Nella tradizione slava, veniva celebrata sei volte all'anno, e le più importanti erano la primavera di Dziady e l'autunno di Dziady (celebrate nella notte dal 31 ottobre al 1 novembre).
L'essenza degli antenati era l'interazione dei vivi con i morti e stabilire relazioni con le anime dei loro antenati. Lo scopo del rito Dziady era conquistare il favore dei morti, che dovevano prendersi cura dei vivi, garantendone fertilità e raccolto.
Sembra che Dziady sia una festa che si presta perfettamente ad essere celebrata nella faggeta. Se dovessi controllare se qualcosa è davvero celebrato in questo posto, probabilmente sceglierei la data della primavera o dell'autunno antenati.

La mandria - 15 maggio

La mandria è oggi una festa poco conosciuta. Maggiori informazioni su di lui si possono trovare nei resoconti di Jan Długosz, Aleksander Brückner e del canonico Kosmas.
Secondo Długosz, il nome della festa "Mandria" deriva dalla folla che accorreva alle celebrazioni. Allo stesso tempo, Długosz ha sottolineato la natura dissoluta e spudorata della vacanza. Cosa significava in pratica? Difficile da dire.
Nel canone Cosma, troviamo informazioni su come fare sacrifici animali su fonti d'acqua ed evocare gli spiriti dei morti. Brückner, d'altra parte, menziona balli, canti e feste, e l'offerta di miele e grasso.
Al giorno d'oggi, questa festa ha un posto permanente nel calendario delle festività cristiane e si chiama: Pentecoste.

Kupała Night - 20 giugno

Un'altra festa legata al solstizio, e allo stesso tempo un momento per salutare la primavera e dare il benvenuto all'estate. Il patrono della festa è il dio dell'amore slavo - Kupala.
La notte di Kupała, altrimenti nota come Kupalnocka e Sobótka, è una celebrazione dell'amore e della fertilità. Si balla attorno al fuoco rituale, si predica la fortuna con le ghirlande messe sull'acqua, si cerca un fiore di felce e si raccolgono le erbe, e si consiglia persino un certo rilassamento della morale.
Un forte ricordo di questa celebrazione è ancora presente e ogni anno bruciano fuochi rituali. Naturalmente, la festa è penetrata nella tradizione cristiana e si chiama Midsummer Night.

Festival di Perun - 20 luglio

Perun è il dio più importante degli slavi. Come un fragoroso dio del tuono, aveva la capacità di far piovere. Era un naturale contrappeso a Weles, il dio degli inferi e dei morti. Perun e Weles sono la coppia di dei più importante e complementare nelle credenze degli slavi.
La vacanza, ovviamente, cade in un periodo di frequenti e intensi temporali estivi e le sue celebrazioni erano legate, tra l'altro, a con la competizione sportiva tra uomini. Perun era un simbolo di ciò che era maschile: lotta, forza, efficienza e vittoria. È significativo che nelle situazioni in cui era richiesto un giuramento, tutte le persone erano obbligate a prestare giuramento su Weles. Solo i guerrieri hanno giurato su Perun.

Harvest Festival - 22 settembre

La data di questa vacanza, come la maggior parte delle altre, è stata determinata dalla relazione tra la durata del giorno e la notte. Cade il giorno dell'equinozio d'autunno. Questo è il momento perfetto per ringraziare gli dei per i raccolti estivi e per chiedere il favore per il prossimo autunno e inverno difficile. La festa del raccolto celebrava, ovviamente, danze, baldorie, giocosità, rituali e preghiere.
Attualmente, Harvest Festival (l'equivalente del tradizionale Festival del raccolto slavo) e viene celebrato un po 'prima. Un sabato o una domenica alla fine di agosto o all'inizio di settembre dopo la fine della stagione del raccolto.

Autumn Forefathers - la notte dal 31 ottobre al 1 novembre

Il giorno dei morti ritualmente celebrato, a noi noto oggi, è associato al culto degli antenati. Durante la festa, come durante la primavera Dziady, gli spiriti dei morti venivano convocati per ottenere il loro favore.
Sembra che il luogo di culto nella foresta di faggi sia perfetto per questo. La tua curiosità è così grande che hai il coraggio di andarci stasera?

4.8/5 - (174 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Se ti piacciono le mie guide, troverai sicuramente utile quella che ho creato catalogo guide - [clicca]. Lì troverai idee già pronte per i tuoi prossimi viaggi, descrizioni di altre destinazioni turistiche e un elenco alfabetico di guide suddivise per paesi, città, isole e regioni geografiche.

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo è stato appena creato, quindi per ora sta morendo di famea causa della mancanza di follower. È felice di ricevere qualsiasi osservatore che lo nutre con il suo amore.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




11 commenti su "Trygława Hill - un luogo di culto della fede degli slavi nella foresta di faggi"

  • o
    Collegamento diretto

    Ottimo materiale. Bello, chiaro.
    Sono felice di lanciarlo al mio gruppo, ovviamente, con la fonte esatta

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    L'ho letto con attenzione, mi sono divertito. Le mie iniziali sono: Initiative-Love-Triumph, e il mio stemma di famiglia (Nałęcz), alcuni derivano dalla runa Safety. Quindi - non potrebbe essere migliore! Grazie…

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Ebbene, lasciatemi avere una curiosità su Trygława (Trygłów, Trzygłów, o - Trojan, perché era chiamato comunque), così ad vocem: era una divinità speciale, dio del cielo, della terra e dell'inferno, una triade così speciale. Nel suo santuario, gontin, o come si chiamava l'inferno, i rituali di divinazione avevano un posto speciale: il santo destriero e le nove lance (tre volte tre, cioè tre triadi, summa summarum - nove, un numero speciale nel simbolismo universale). Il destriero, condotto lungo la fila di lance, avrebbe predetto il futuro per chi fosse venuto per l'oracolo. Il triskelion, o tripla elica, era invece associato al simbolismo della Trigode (ragazza-madre-vecchia) e al ciclo nascita-morte-resurrezione. In un certo senso, corrisponde a Trygław ea lui, per così dire, alla funzione di cui i nostri antenati-slavi lo hanno dotato. Se ho aiutato, va bene, se ho sbagliato, mi dispiace

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      è già noto dov'è l'attuale dio dei cristiani in tre persone ... un'altra copia delle credenze dei nostri antenati

      rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Per favore consiglia alcune fonti affidabili dove posso leggere credenze e rituali slavi. Ero un po 'interessato, ma non conoscevo dettagli così interessanti come nell'articolo e in questo commento.

      rispondere
      • o
        Collegamento diretto

        Inserisci la frase: mitologia slava su Google
        Ricevi molti suggerimenti per libri e siti Web per lunghe serate :)

        rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Ma ottimo articolo. Sono arrivato qui per caso! Mi piace molto il modo di scrivere, in una forma così leggera e molto creativa. E ci sono anche informazioni interessanti: sono rimasto sorpreso dal fatto che nelle parti successive l'autore abbia sviluppato thread che mi avrebbero interessato anche durante una passeggiata del genere.

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    CIAO! Raccomando i libri della casa editrice Triglav, che trattano gli slavi, la loro vita e le loro credenze in generale e in dettaglio. Ma attenzione, crea dipendenza!
    PS Bellissimo blog, una miniera di conoscenze pratiche sulla Faggeta e non solo.

    rispondere

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *