Venezia - piano turistico - mappa, attrazioni, monumenti, gondole, alloggi, curiosità

Vista serale del Canal Grande, Venezia

Un giorno a Venezia

Le statistiche sono assolute: il 90% dei turisti in visita a Venezia viene qui solo per poche ore e non pernotta. Inoltre, la maggior parte di coloro che vengono con i loro cibi e bevande non utilizzano la gastronomia locale.
Non credo che questo cambierà nei prossimi anni. Altro da dire, non credo che cambierà mai. I prezzi relativamente più alti in città (sia per l'alloggio che per la gastronomia), le restrizioni legate alla mancanza di traffico automobilistico e le ridotte dimensioni della città (infatti la maggior parte si può vedere in un giorno) rendono Venezia perfetta per una gita di un giorno.
Quasi tutto parla a favore di venire a Venezia solo per un giorno... tranne quello la sera Venezia diventa una città completamente diversa.
Durante il giorno nella stagione estiva, il centro storico di Venezia è molto affollato. Fiumi di persone scorrono per le strade. Passo dopo passo devi andare uno dopo l'altro, lentamente, facendo attenzione a non calpestare qualcuno che hai di fronte, e allo stesso tempo evitando di essere calpestati da dietro. Questa folla significa che non tutti si innamoreranno di Venezia, anche se è difficile credere che a qualcuno non piacerebbe. La città è così insolita che è impossibile rimanere indifferenti al suo fascino.

Durante l'alta stagione a Venezia di giorno può essere molto affollata

Nella seconda parte della giornata, invece, accade qualcosa di straordinario quando a Venezia si avvicina la sera. Le strade iniziano a svuotarsi rapidamente. Sta avvenendo qualcosa come un grande deflusso di persone... come se nelle strade apparisse più aria, si fa silenzio e si sentono solo voci singole. Il sole tramonta riempiendo la città di una luce magicamente calda e l'acqua del Canal Grande brilla del bagliore rosso-arancione del giorno finale. I lampioni nelle strade con una luce traballante illuminano delicatamente i vicoli, trasformando Venezia nel labirinto più romantico del mondo. Tutto rallenta con decisione e con calma per non turbare l'atmosfera degli innamorati che si aggirano lenti e senza meta per le strade.

Venezia di sera è una spietata ladra di cuori. Secondo le statistiche, meno del 10% dei visitatori lo sperimenterà. È certo, però, che questo 10% di turisti si innamorerà di Venezia senza memoria e ricorderà quei momenti per sempre.

"Golden Hour" e il crepuscolo estivo su Venezia

In visita a Venezia

Indipendentemente da quanto accattivante diventi Venezia la sera, ho preparato un piano per una visita di un giorno.
in primo luogo un piano di un giorno sarà utile per il 90% dei visitatori della città.
in secondo luogo nulla vieta che sia utile anche per il restante 10% di turisti... in fondo la sera puoi sempre fare una passeggiata lungo lo stesso sentiero o vedere cosa ti piace di più durante il giorno.
E terzo? Non ci sono controindicazioni per convertire il piano proposto alle proprie esigenze e poi seguire il proprio percorso attraverso Venezia.

C'è ancora la questione di discutere della storia di Venezia... questo è ciò che la maggior parte dei lettori tratta come una folla di testi e scorre velocemente la pagina 🙂
No no! Non questa volta! Non ci saranno storie lunghe o storie noiose qui!
Se qualcuno ha fame della storia di Venezia, a questo mi riferisco, ad esempio, a Wikipedia o altro mezzo. Ci sono così tante informazioni su Internet su questo argomento che duplicarle non ha alcun senso.
Troverai alcune curiosità solo nelle brevi descrizioni di ciascuna delle attrazioni, che - credo - saranno molto più interessanti e renderanno sicuramente più piacevole l'utilizzo di questa guida.

Innanzitutto, però, una questione estremamente importante che si pone sempre durante un soggiorno a Venezia... gondole!
Non li ho inclusi nell'itinerario perché è una questione molto individuale. Inoltre, l'attrazione è piuttosto costosa e ammettiamolo, la maggior parte dei visitatori si arrende solo a causa del prezzo.
Tuttavia, se desideri fare un giro in gondola, pianifica un po' di tempo in più, oltre al piano che ho descritto. Ti dirò solo cosa fare per portare a termine la questione senza pagare in eccesso e allo stesso tempo per renderlo soddisfacente.

Venezia - crociera in gondola, prezzi e regole

Giro in gondola attraverso i canali di Venezia

Gondole a Venezia navigano sulle rotte imposte dall'alto. Ormeggio gondoliere ad una fermata specifica ti guiderà solo nel suo distretto. Non puoi proporgli tu stesso un percorso. Da qui la semplice conclusione che i luoghi in cui navigherai dipendono dal punto in cui si trova la fermata di partenza della gondola.
Non vale la pena noleggiare una gondola nei luoghi più affollati. A causa della folla, spesso perdono molto tempo negli ingorghi, nei canali intasati dalle gondole e la crociera si svolge in orario.
Se vuoi fare un buon uso del tempo di crociera ed evitare di sostare negli ingorghi in gondola, cerca un porto turistico lontano dalla folla di turisti. I canali di tutta Venezia sono belli, e quelli fuori dai sentieri battuti sono probabilmente ancora più belli (soprattutto dopo il tramonto, con illuminazione artificiale).

Prezzi noleggio gondole a Venezia sono rigidi e imposti dalla città.
Mentre scrivo queste parole la crociera standard di 30 minuti costa 80 EUR e questo è prezzo per l'intera gondola (non per persona). A questo prezzo possono prendere la cabinovia un massimo di 6 persone. L'estensione del tempo di crociera su richiesta del cliente comporta un costo aggiuntivo.
Dopo il tramonto, i prezzi della crociera sono più alti: una corsa di 35 minuti costa 100 EUR.
Alcuni turisti (soprattutto se sono solo due) noleggiano insieme una gondola (es. un'altra coppia), grazie alla quale il noleggio è più conveniente. Al momento noleggiare una gondola è molto semplice, perché si può fare online siti di prenotazione crociere in gondola - [clicca].
In questo modo si acquistano i singoli posti in gondola e, all'arrivo, si salperà insieme ad altre persone che hanno acquistato la crociera allo stesso modo.

La gondola sta aspettando. Entra e nuota!

Biglietti d'ingresso alle attrazioni di Venezia

È facile intuire che acquistare i biglietti per le attrazioni di Venezia potrebbe essere un problema. Vale la pena pensarci in anticipo e assicurarsi l'ingresso acquistando i biglietti online. Ove possibile, fornirò collegamenti alle vendite online nelle descrizioni delle attrazioni più avanti nel testo. Qui attirerò solo la tua attenzione carte delle città – [clicca] e pacchetti di biglietti. A volte vale la pena acquistare più biglietti contemporaneamente in un pacchetto, ad esempio con un biglietto dei trasporti pubblici (vaporetto) o con un giro in gondola compreso nel prezzo.
Di seguito sono riportati alcuni pacchetti di esempio. Fornisco i prezzi per i pacchetti. Questi sono i prezzi che ho visto nel momento in cui scrivo e cambiano frequentemente. A volte ci sono promozioni, ecc. Aggiornare costantemente i prezzi non ha senso perché puoi controllarli in un secondo cliccando sui link. Consiglio di verificare perché magari c'è una promozione?

Se i collegamenti si aprono nella lingua o nella valuta sbagliata, puoi modificarli nella parte superiore della pagina.

Check it out: Palazzo Ducale + Basilica di Santa Maria Marchio – [clicca], (prezzo normale, senza promozioni e sconti: EUR 59) comprende:
– biglietto d'ingresso salta fila Santa Basilica Segno
– accesso al piano terra della basilica
– accesso alla terrazza della Basilica
– accesso al Museo di S. Segno
– audioguida digitale alla Basilica di S. Basilica Segno
– biglietto d'ingresso a Palazzo Ducale
– ingresso al Ponte dei Sospiri
– ingresso all'armeria
– ingresso al primo piano del Museo Correr
– ingresso al Museo Archeologico
– ingresso alla Biblioteca Nazionale di Marciana

Check it out: Palazzo Ducale e trasporti pubblici – [clicca], (prezzo normale, senza promozioni e sconti: EUR 47) comprende:
– biglietto d'ingresso a Palazzo Ducale
– ingresso al Ponte dei Sospiri
– ingresso all'armeria
– ingresso al primo piano del Museo Correr
– ingresso al Museo Archeologico
– ingresso alla Biblioteca Nazionale di Marciana
– uso illimitato dei trasporti pubblici (vaporetto e autobus ACTV) a Venezia
– utilizzo illimitato di vaporetti e autobus nell'isola del Lido, nelle isole della Laguna, nei quartieri di Mestre e Marghera

Check it out: Tessera cittadina Wenecja Pass – [clicca], (prezzo base senza promozioni e sconti: 104 euro) comprende:
- Palazzo Ducale (biglietto d'ingresso e tour)
- S. Segno (biglietto d'ingresso e tour)
- crociera in gondola (30 minuti)
– guida digitale di Venezia

Check it out: tutte le card delle città di Venezia – [clicca]

Itinerario Venezia

Tutte le strade portano a Roma, ma c'è praticamente solo una strada per Venezia (forse due). Prima di entrare nei dettagli, tuttavia, fornirò prima una mappa preparata appositamente per questa guida. Ti servirà per capire velocemente come muoverti a Venezia e per visitare la città. Vi ho segnato tutti i punti chiave del piano: le fermate, i parcheggi, il percorso del percorso terrestre, il percorso del percorso acquatico e, ovviamente, la posizione di tutte le attrazioni.
Nelle vicinanze di S. Marchio, la densità delle attrazioni significa che gli indicatori digitali delle attrazioni non si adattano l'uno all'altro. Questo frammento della mappa (contiene i numeri da 7 a 12) è stato quindi ulteriormente ingrandito da me e disegnato su una mappa separata.

Ho segnato due percorsi sulla mappa:
- punti blu: mostra il percorso che farai via acqua in vaporetto dalla stazione dei treni a S. Segno. Durante la crociera, puoi goderti le attrazioni che si vedono meglio dall'acqua. Questi sono i numeri: 3, 4 e 5. Non torneremo a queste attrazioni via terra.
- punti rossi: mostra il percorso da percorrere in piedi. Le attrazioni a terra partono dal numero 6 e si prosegue fino al numero 21.

La lunghezza totale del percorso che propongo (ovviamente questa è la parte da percorrere a piedi) è di 8 km. Qualcuno dirà che non è molto, ma ci sono così tante attrazioni lungo il percorso che ci vorrà una lunga giornata per visitarle.
Dopo aver cliccato sulla mappa, si aprirà la sua versione più grande, che potrai ingrandire ulteriormente.
I numeri sulla mappa, ovviamente, corrispondono alla numerazione accanto alle descrizioni più avanti nel testo. Per ciascuna delle attrazioni troverai una breve descrizione con una serie di informazioni pratiche (se necessarie).

Venezia - mappa turistica
mappa di sfondo fonte: openstreetmap.org
intorno a S. Piazza San Marco a Venezia - mappa turistica
mappa di sfondo fonte: openstreetmap.org

La maggior parte dei visitatori arriva a Venezia in treno e scende alla stazione ferroviaria Venezia Santa Lucia. Chi arriva in auto deve lasciarla nei parcheggi multipiano nei pressi della stazione di Venezia Santa Lucia. Il punto di partenza per esplorare Venezia è quindi lo stesso di chi arriva in treno.
Il secondo punto di partenza è Fondamente Nov, ovvero il lungomare di Venezia, che si raggiunge con i tram d'acqua (linea A e linea B), che trasportano i turisti via acqua direttamente dall'aeroporto (la fermata è segnata sulla mappa). Allo stesso tempo, non c'è nulla che ti impedisca di andare su ciascuna di queste linee e di salpare direttamente per St. Mark, perché anche loro ci vanno.
Da un punto di vista turistico, la linea A è più indicata per i turisti che arrivano via acqua dall'aeroporto perché è più corta e percorre l'intera lunghezza del Canal Grande (quindi si può combinare il viaggio dall'aeroporto con la visita del Canal Grande dall'acqua livello). La linea B, invece, percorre l'isola principale dal lato orientale e non interessa affatto l'area del Canal Grande.

Quindi ho preparato l'itinerario per visitare Venezia in modo che non importa come arrivi in ​​città, puoi usarlo. Il percorso del percorso turistico da me proposto ha la forma di un anello chiuso. Puoi iniziare il tuo tour in qualsiasi momento e attraversando il circuito nella sua interezza, vedrai tutti i luoghi che ho programmato. Semplice ed efficace.
Nel patrick, la maggior parte di voi inizierà il suo tour intorno alla stazione ferroviaria di Venezia Santa Lucia.

Mappa e itinerario per visitare Venezia PDF

So che a molte persone piace avere una mappa con sé. Pertanto, sulla base delle mappe di cui sopra, ho preparato una mappa speciale per visitare Venezia da scaricare sul tuo telefono in formato PDF. La mappa può essere ingrandita e ridimensionata e, se necessario, è possibile aprire descrizioni più ampie con un clic (ad esempio per utilizzare le coordinate GPS).
La mappa è adattata alla forma dello schermo del telefono 🙂
Una descrizione più dettagliata di come utilizzare la mappa può essere trovata qui: come utilizzare la mia mappa PDF – [clicca]

ATTENZIONE!
Gli indicatori rossi con i numeri delle attrazioni sulla mappa PDF sono attivi! Dopo aver cliccato sull'indicatore, si aprirà una breve descrizione dell'attrazione selezionata con i dati GPS e un link di navigazione attivo. Cliccando sul link di navigazione traccerai automaticamente il percorso verso l'attrazione da dove ti trovi.

scarica la versione .pdf in polacco: Venezia - mappa delle attrazioni, guida, piano turistico PDF - [clicca]

scarica la versione inglese in .pdf: Venezia – mappa turistica, guida, pianta turistica PDF – [clicca]

Descrizioni di itinerari turistici

1. Stazione di Venezia Santa Lucia

Venezia Santa Lucia è la principale stazione ferroviaria di Venezia. Una volta scesi dal treno, dirigersi fuori verso il molo con i terminal dei vaporetti veneziani: vaporetto.
Il Vaporetto è un trasporto cittadino veneziano interamente gestito via acqua. Non ci sono altri mezzi pubblici a Venezia in quanto la circolazione in città è vietata. Viaggerai ovunque con barche, o tram d'acqua, chiamati in italiano vaporetto.
Sul lungomare vicino alla stazione di Venezia Santa Lucia c'è una fermata del vaporetto chiamata ferrovia. La fermata Ferrovia è composta da più terminal con diverse linee di ormeggio. Sei interessato al terminale Ferrovia "b" dove si fermano le linee: 1 e 2.
Per raggiungere il terminal Ferrovia “b”, una volta usciti dalla stazione dei treni, svoltare a sinistra come mostrato nell'immagine sottostante.

Il viaggio dalla stazione ferroviaria alla fermata del vaporetto Ferrovia è breve e facile
sfondo della mappa: Google Maps

Entrambe le linee di interesse per noi partono da questo terminal (riga numero 1 e riga numero 2) che sfociano a S. Segno. La linea 1 ha più fermate (la maggior parte dall'altra parte del Canal Grande), ma la linea 2 ti porterà a St. Rendi un po' più veloce.
Il fatto che la linea 1 sia più lunga (il viaggio dura circa 40 minuti) non è affatto uno svantaggio. Hai solo più tempo per ammirare e fotografare i palazzi adiacenti al canale.

Quindi acquista un biglietto del vaporetto al distributore automatico o in biglietteria, sali a bordo e prova a prendere posto a prua oa poppa della barca (da queste si vedono meglio entrambe le sponde del canale). Inizia la tua avventura a Venezia con un ingresso di grande impatto, che è una crociera lungo l'intera lunghezza del Canal Grande (Canal Grande).

ATTENZIONE!
Puoi anche acquistare online il biglietto del Vaporetto senza fare la fila.
Check it out: biglietto elettronico per il Vaporetto – [clicca]

Pagando 1 euro aggiuntivo al biglietto normale, puoi acquistare la versione vaporetto del biglietto e il trasporto in autobus da/per l'Aeroporto Marco Polo! Inserisco il link qui sotto.
Check it out: Passaporto del Vaporetto – [clicca]

Terminal Vaporetto, fermata Ferrovia "b", Coordinate GPS:
45°26’28.0″N 12°19’19.4″E
45.441097, 12.322061 - fare clic e instradare

2. Canal Grande (Canal Grande)
Canal Grande, Venezia

Il Canal Grande non è altro che uno stretto che divide Venezia in due parti. È lungo 3,8 km e ha la forma di una S capovolta. Dal punto di vista delle comunicazioni, è la via di comunicazione più importante della città, e allo stesso tempo il viale principale e rappresentativo di Venezia. Non a caso si è guadagnata l'appellativo di "strada più bella del mondo".
I palazzi più belli e famosi di Venezia si affacciano sul Canal Grande. Le loro facciate si affacciano sul canale, quindi è meglio ammirarle dall'acqua, durante una crociera lungo il canale.
Nel punto più stretto il Canal Grande è largo 30 m, nel punto più largo è largo circa 70 m Il frammento più largo è alla foce, vicino a S. Segno. La profondità del canale non supera i 6 m.
Ci sono un totale di 170 edifici lungo il canale, di fronte al canale. Il canale stesso fu costruito nel XV secolo e gli edifici che possiamo ammirare oggi furono costruiti dal XIII al XVII secolo.
Durante la tua crociera sul Canal Grande vedrai molti edifici meravigliosi ed è impossibile elencarli tutti. Di seguito, ne citerò solo tre che dovresti provare a non perdere durante la tua crociera.
È possibile e molto probabile che ti piacciano altri palazzi rispetto a quelli che ho scelto io. Non mi sorprende affatto. Venezia è piena di straordinarie opere architettoniche, create per secoli su richiesta di mercanti favolosamente ricchi, borghesi e nobili residenti della città.

3. Palazzo Ca' d'Oro (Palazzo d'Oro)
Palazzo Ca d'Oro, Venezia
foto: Tommaso Wang

Uno degli edifici più famosi e riconoscibili di Venezia. Ampiamente presente su cartoline, materiale promozionale, gadget ricordo, è diventato quasi un'icona della città. Progettato non da una sola persona, ma da un intero gruppo dei migliori designer, come una combinazione delle sole migliori idee di ognuno di loro.
Caratteristica degli edifici in costruzione a quel tempo era la costruzione di una struttura muraria in laterizio e la copertura con malta di calce. Nel caso della Ca 'd'Oro, al posto della malta di calce è stato utilizzato uno strato di marmo bianco finemente intagliato. Non c'è da stupirsi che l'edificio abbia ancora un aspetto fantastico e stupisca tutti oggi.
Vale la pena rendersi conto, tuttavia, che la sua condizione attuale è solo un sostituto di come appariva nel suo periodo di massimo splendore. In origine, ampie sezioni della facciata in marmo erano ricoperte d'oro... da qui il suo nome Il Palazzo d'Oro.
Attualmente, il Golden Palace ospita un museo e laboratori di restauro artistico di proprietà dello Stato.
La facciata si vede meglio dall'acqua, quindi assicurati di guardarla durante la tua crociera in vaporetto.

L'aspetto della casa popolare nei suoi anni migliori è ben illustrato da un dipinto del 1897 di
Jose Moreno Carbonero, dal titolo "Ca d'Oro", attualmente nella collezione del Museo Carmen Thyssen di Malaga.

Un dipinto di Jose Moreno Carbonero che mostra l'aspetto di Ca d'Oro
fonte: Wikipedia

Palazzo Ca' d'Oro, Coordinate GPS:
45°26’26.7″N 12°20’01.8″E
45.440752, 12.333829 - fare clic e instradare

4. Palazzo Ca' Foscari
Palazzo Ca Foscari (quello a sinistra della cornice, nell'angolo), Venezia

Palazzo Ca' Foscari fu edificato sulle fondamenta di un ex palazzo bizantino noto come la "Casa con le Due Torri".
Il doge veneziano Francesco Foscari durante il suo regno (1423-1457) decise di commemorare le sue imprese mettendo il palazzo all'altezza dei suoi successi. Naturalmente, come molti altri personaggi che hanno così commemorato i loro successi, ha visto i propri successi così grandi che ha progettato un edificio che ha gravato in modo significativo sulle sue capacità finanziarie e non è stato privo di seri problemi nella sua attuazione. Alla fine, l'edificio è stato completato con successo. Ancora oggi rimane uno degli edifici più imponenti di Venezia e il suo cortile interno - considerando le case private - è quasi il più grande della città. È secondo solo al cortile del Palazzo Ducale.
Palazzo Ca' Foscari è un ottimo esempio di tipica residenza veneziana per nobiltà e ricchi mercanti. Le case a Venezia dovevano essere adibite non solo ad uso abitativo, ma anche (e forse anche principalmente) a fini commerciali. Sul suo esempio, vale la pena dare un'occhiata più da vicino all'organizzazione dell'edificio.
La facciata principale, rappresentativa, si affaccia sulla "via" centrale di Venezia, il Canal Grande. Al piano terra è presente un cancello per il carico merci e che conduce all'androne adibito alle trattative commerciali. C'erano magazzini e uffici a sinistra ea destra del cancello e una cucina sul retro. Gli alloggi partivano dal primo piano, la cui parte centrale era solitamente un'imponente sala da ballo.
Attualmente il palazzo è sede dell'Università degli Studi di Venezia, che mette a disposizione dei visitatori le sale più belle: "Aula Baratto" e "Aula Berengo".
A titolo di curiosità, vorrei aggiungere che nel 2013, dopo una serie di modifiche innovative che preservano il carattere dell'edificio, Ca' Foscari Palace ha ricevuto la certificazione LEED, assegnata agli edifici che soddisfano i più elevati requisiti energetici ed ecologici. Attualmente è l'edificio più antico al mondo che può fregiarsi di tale certificato e ha superato di oltre 350 anni l'edificio più antico fino ad oggi (Fay House presso l'Università di Harvard).
La facciata dell'edificio si vede meglio dall'acqua, quindi vale la pena vederla durante una crociera in vaporetto.

Palazzo Ca' Foscari, Coordinate GPS:
45°26’04.3″N 12°19’36.4″E
45.434536, 12.326782 - fare clic e instradare

5. Palazzo Ca' Rezzonico
Palazzo Rezzonico, Venezia
cliccando sulla foto si accede al panorama su Google Maps

La costruzione del palazzo fu iniziata da Filippe Bona, per conto del quale gli edifici che qui sorgevano furono rasi al suolo, lasciando solo le fondamenta.
Il progetto del nuovo palazzo fu affidato all'architetto Baldassare Longhena (autore della Basilica veneziana di Santa Maria della Salute). Purtroppo, durante la costruzione, la famiglia Bona cadde in seri problemi economici e all'altezza del primo piano la costruzione fu interrotta per quasi 70 (!!!) anni.
Nel 1750 l'edificio incompiuto fu acquistato da un ricco banchiere lombardo, Torre Rezzonico, che finalmente portò a termine la costruzione. Naturalmente, il progetto originale fu sviluppato con nuove idee (tra cui una sala da ballo situata lateralmente con scale spettacolari), e gli artisti più famosi dell'epoca furono invitati a sistemare e decorare gli interni.
Attualmente il palazzo ospita il Museo d'Arte Veneziana del XNUMX° secolo.

Sala da ballo in Palazzo Rezzonico, Venezia

Come curiosità, vale la pena aggiungere che ai giorni nostri capitava di tornare all'organizzazione dei balli a palazzo, simili a quelli dell'epoca delle feste sontuose, dal periodo di massimo splendore della Serenissima. Il più famoso fu probabilmente l'ente benefico Bal Fantastica (tenutosi nel 1969), cui presero parte, tra gli altri, Elizabeth Taylor e Aristotele Onasis. Poi, nel 2005, è stato ricreato l'ex ballo, questa volta per il film "Casanova".
La facciata dell'edificio si vede meglio dall'acqua, quindi vale la pena vederla durante una crociera in vaporetto.
Troverai una descrizione dettagliata di interni, opere d'arte, affreschi in un'ampia e ben progettata Articolo di Wikipedia - [clicca]

Palazzo Ca' Rezzonico, Coordinate GPS:
45°26’00.9″N 12°19’37.1″E
45.433570, 12.326967 - fare clic e instradare

6. Terminal Vaporetto - San Marco

Dopo qualche decina di minuti di crociera in vaporetto e ammirando Venezia dal Canal Grande, arriverai finalmente alla fermata San Marco. Qui devi scendere e iniziare a esplorare Venezia a piedi. Procedi lungo la costa con l'acqua alla tua destra. In questo modo, dopo circa 300 metri, raggiungerete la piazza principale di Venezia, S. Segno.

Terminal vaporetto, fermata San Marco, coordinate GPS:
45°25’57.1″N 12°20’16.5″E
45.432514, 12.337905 - fare clic e instradare

7. Il Palazzo Ducale (Palazzo Ducale)
Palazzo Ducale (a destra), sullo sfondo la Basilica di S. Segno

Il Palazzo Ducale è la sede dei sovrani (dogi) e del governo della Repubblica di Venezia. Il palazzo svolse questo ruolo dal momento della sua costruzione (nell'814) fino alla caduta della Repubblica di Venezia (nel 1797), che Napoleone Bonaparte cancellò dalla mappa del mondo. Naturalmente, non aveva la forma e la forma che vediamo oggi.
A proposito, quando nel 1789 scoppiò la Rivoluzione francese, la Repubblica di Venezia era ancora governata in maniera dispotica e autoritaria, rimanendo in questo senso quasi nel medioevo. Non c'è da stupirsi che gli ideali della rivoluzione (libertà, uguaglianza, fraternità), di cui presto giunsero notizie a Venezia, trovassero qui terreno fertile. Quando, durante la guerra con l'Austria, Napoleone invase il territorio della Repubblica di Venezia, fu accolto come un liberatore. Alla fine, Venezia e la maggior parte delle sue aree subordinate furono cedute da Bonaparte all'Austria, a costo di concludere con essa una pace tattica (il cosiddetto accordo di Campo Formio).
Il Palazzo Ducale è impressionante per dimensioni e aspetto. I bei portici che decorano il piano terra e il primo piano della facciata dell'edificio fanno un'impressione sorprendente. L'edificio si compone di tre ali che formano una lettera "quadrata" ad U. All'interno vi è un ampio cortile, chiuso sul quarto lato dal muro di S. Marco, che insieme a Palazzo Ducale forma un rettangolo pieno e chiuso.
Gli interni del palazzo sono incredibili, ma invece di descriverli, posterò una foto panoramica qui sotto che ti dà un'idea della natura degli interni migliore rispetto a qualsiasi mia descrizione. Cliccando sulla foto si accede a Google Maps, dove è possibile ruotare e ingrandire il panorama interno.

Interno del Palazzo Ducale.
Cliccando si aprirà il panorama su Google Maps

Si noti che sulla fascia decorativa superiore della Sala del Maggior Consiglio sono presenti immagini di 76 dogi veneziani, ma uno dei luoghi in cui dovrebbe essere collocato il ritratto è oscurato da una corazza. Come mai? Kir nasconde un ritratto del doge Marino Faliero, condannato e decapitato per tradimento contro la Repubblica di Venezia (cospirò con i plebei contro la nobiltà). A causa del tradimento che ha commesso, il suo volto rimane velato fino ad oggi.
Se vuoi ancora vedere che aspetto aveva Marino Faliero, puoi farlo cliccando sul link: ritratto di Marino Faliero dal Museo del Prado di Madrid - [clicca]

Il Palazzo Ducale è l'attrazione più affollata di Venezia e l'ingresso è a pagamento. È davvero difficile entrare in alta stagione. L'acquisto di un biglietto in loco di solito comporta un'attesa molto lunga in un'enorme coda alla cassa.
A mio avviso l'unica soluzione sensata è l'acquisto un biglietto per Palazzo Ducale online - [clicca].

I biglietti sono in vendita per un giorno specifico, ma non ci sono orari fissi per l'ingresso. Così puoi entrare in qualsiasi momento che ti è comodo.
Il Palazzo Ducale è aperto dalle 9:00 alle 18:00 ma gli ultimi visitatori sono ammessi alle 17:00.
Può capitare che se hai un biglietto acquistato online in anticipo, dovrai comunque aspettare un po' in coda. Potrebbe esserci una coda qui a causa dei controlli di sicurezza all'ingresso.

Palazzo Ducale, Coordinate GPS:
45°26’01.2″N 12°20’24.4″E
45.433675, 12.340110 - fare clic e instradare

8. Piazza Veneziana (Piazzetta San Marco)
Piazzetta San Marco o Piazza Veneziana. Notare le due colonne in piedi su di esso ... c'erano esecuzioni tra di loro

Dirigendosi verso Palazzo Ducale dalla fermata del vaporetto, passerai prima per Piazzetta San Marco, affettuosamente conosciuta come Piazza Veneziana. Come puoi intuire, non è il principale St. Mark, ma in un certo senso il suo vestibolo.
La disposizione di piazze ed edifici nella parte più rappresentativa di Venezia è chiaramente visibile nell'immagine di Wikipedia qui sotto. Dai un'occhiata a lei. In pochi istanti ti permetterà di vedere la disposizione di tutti gli edifici.

S. Piazza San Marco (Piazza San Marco) e Piazza Venezia (Piazzetta San Marco) - pianta delle piazze e degli edifici:
a. S. Segno
b. Il Palazzo Ducale
c. Campanile
d.Biblioteca Marciana
e. La zecca
f. Nowa Prokuracja
g. L'ala di Napoleone
h. Vecchia Procura
i. Torre dell'orologio

La Piazzetta ha svolto il ruolo di luogo di ritrovo non ufficiale per politici e... spettatori che assistevano alle esecuzioni. Entrando in Piazzetta, prestare attenzione alle due colonne poste in prossimità del viale costiero. Fu tra loro che avvennero le esecuzioni, che di solito erano seguite da numerosi veneziani.
Tuttavia, prima di entrare nella piazza, percorrendo il viale lungo la costa, sulla sinistra passerete davanti a un edificio molto interessante della zecca veneziana (e). Per secoli Venezia ha avuto un'influenza fondamentale sullo sviluppo del commercio e ha avuto una propria moneta, che è stata prodotta proprio qui. Il progetto dell'edificio è stato pensato per fornire protezione antincendio per i giacimenti di oro e argento depositati in esso. Oggi qui non c'è zecca e l'edificio è entrato a far parte della Biblioteca Marciana (d), il cui corpo principale è chiuso su uno dei lati della Piazzetta.

Piazza Veneziana (Piazzetta San Marco), Coordinate GPS:
45°26’01.5″N 12°20’22.7″E
45.433749, 12.339628 - fare clic e instradare

9. S. Marco (Piazza San Marco)
S. Marco a Venezia.
A destra, la Vecchia Procura, all'estrema sinistra di Napoleone

Quando Piazza San Marco vide Napoleone, c'era ancora uno degli edifici: le ali di Napoleone (g). Lo definì "il salone più bello d'Europa" e fece costruire un edificio che collegasse la Vecchia Procura della Repubblica (h) con la Nuova Procura (f). Si creò così l'ala napoleonica, che chiudeva gli edifici che circondavano S. Segno.
Quando stavo in piazza con le spalle a S. Marco, guardando verso l'ala napoleonica, iniziai a chiedermi se il "salotto più bello d'Europa" non avrebbe perso la sua bellezza dopo aver aggiunto ciò che Napoleone aveva ordinato? Ho attivato la mia immaginazione e sono giunto alla conclusione che senza l'edificio napoleonico, la piazza dava l'impressione di uno spazio illimitato e del libero flusso di aria fresca dalla laguna, calmando gli effetti del sole italiano e duro.
Oggi, quando il sole estivo riscalda la piazza, i turisti, in nome del capriccio di Bonaparte, devono soffrire per il caldo che la sovrasta.
Penso che gli architetti che hanno progettato la piazza senza questo edificio avessero ragione. Napoleone ne fu deliziato e poi decise di costruire, rovinando ciò che era perfetto. Nonostante questo, S. Il marchio rimane ancora un posto delizioso e bellissimo e può ancora competere audacemente per il titolo di salone più bello d'Europa.

S. Marco (Piazza San Marco), Coordinate GPS:
45°26’02.8″N 12°20’18.4″E
45.434114, 12.338441 - fare clic e instradare

10. S. Segno
S. Piazza San Marco a Venezia… in tanti aspettano di entrare

"Pax tibi Marce, Evangelista meus"... con queste parole parlò a S. marchio angelo. Gli apparve quando quest'ultimo, in viaggio per Roma, si rifugiò dalla tempesta su una vicina laguna.
Le parole pronunciate dall'angelo significavano: "La pace sia con te, Marco, mio ​​evangelista". A quanto pare, il resto del discorso è stato..."qui il tuo corpo riposerà". Questo è ciò che dice la leggenda, e potresti pensare che fosse solo una leggenda se non per le sue conseguenze.

Circa 400 anni dopo (nel 452), la città a noi nota come Venezia sorse sulla laguna dove San Marco si era rifugiato dalla tempesta. Passarono più di 200 anni e nel 697 fu istituita la Repubblica di Venezia. Dopo altri 200 anni, Venezia era già uno dei più importanti centri commerciali sulla mappa del mondo.
La città aveva quasi tutto per continuare ad acquisire importanza ed espandere la sua influenza. Tuttavia, non aveva un seggio adeguatamente alto di autorità ecclesiastiche. È giunto il momento di preparare la città a un ulteriore sviluppo e fare di Venezia la sede del vescovado.
L'allora Doge Giustiniano Partecipazio prese in mano la situazione, e la leggenda sopra citata venne in soccorso. Poiché l'angelo stesso disse che qui il corpo di S. Marek, avrebbe dovuto essere aiutato in questo.
Il Doge organizzò una spedizione guidata forse dal miglior navigatore dell'epoca: Bono da Malamocco come capitano.
Malamocco fece lavorare come primo ufficiale uno dei mercanti più esperti, Andrea da Torcello, detto "il Rustico". I due uomini a bordo della galea "San Nicola", accompagnati da altre otto navi, giunsero ad Alessandria prima del Natale dell'827. Sul posto, con l'appoggio di due aiutanti locali, hanno trafugato il corpo di S. Mark, li ha portati di nascosto in galleria e li ha portati a Venezia.
A Venezia sono stati accolti da una folla esultante guidata dal Doge Giustiniano Partecipazio.
La strada per stabilire un vescovado a Venezia era già semplice. Era addirittura opportuno che la città che possedeva la reliquia di S. Il marchio aveva questo status.
Si decise subito di costruire un'opportuna cattedrale, che sarebbe diventata il luogo di sepoltura del santo. Così nasce la costruzione di S. Marco, dove riposa ancora oggi il corpo dell'evangelista.

La quadriga equestre sopra l'ingresso della basilica

Nell'ammirare la basilica, vale la pena prestare attenzione ai quattro cavalli all'ingresso di S. Segno. Realizzati per il 96,67% in rame puro (alcuni dicono che siano in bronzo in modo errato), furono rubati dai Veneziani da Costantinopoli durante la Quarta Crociata. Sfortunatamente, le loro dimensioni, e quindi il peso, causavano molti problemi ai veneziani nei trasporti. Per ovviare al problema si è deciso di ridurre il peso dei cavalli e di dividerli in parti più piccole, tagliandogli la testa insieme a gran parte del collo (più o meno nel punto in cui il busto va al collo) . Quindi gli elementi sono stati rimontati insieme e il taglio è stato mascherato, aggiungendo gustosi perizomi attorno al collo dei cavalli.
Dopo una ristrutturazione completata nel 1980, che ha rivelato che l'inquinamento atmosferico ha gravemente danneggiato la scultura, si è deciso di installare una copia dei cavalli sopra l'ingresso e l'originale è stato spostato all'interno della basilica, dove può essere visto da vicino.

All'interno della basilica sono esposti i cavalli originali di Costantinopoli

Ci sono molte altre storie interessanti legate ai cavalli perché sono stati spostati più volte in nuovi luoghi e non erano solo nelle mani di Costantinopoli e dei Veneziani. Grazie a Napoleone furono portati a Parigi, per qualche tempo furono sotto la protezione dell'Austria, visitarono anche Roma... È interessante che ogni mossa portasse una spettacolare caduta di qualche potere:
- la caduta della dinastia bizantina dei Comneni e la fine dei giorni di gloria dell'Impero Bizantino (nel 1206 i cavalli vanno da Costantinopoli a Venezia),
- caduta della Repubblica di Venezia (1797 - Napoleone porta i cavalli a Parigi)
- la caduta di Napoleone (1815 - i cavalli tornano a Venezia)
- la caduta della dinastia e dell'impero asburgico (1917 - i cavalli vanno a Roma, e nel 1919 tornano a Venezia) ... quindi sembra che si dovessero fare due cavalcate agli Asburgo 🙂

S. Segno, Coordinate GPS:
45°26’04.1″N 12°20’21.9″E
45.434461, 12.339416 - fare clic e instradare

11. Il campanile di S. Marco (Campanile di San Marco)
S. Marco, Venezia

S. Marco è l'edificio più alto di Venezia (98,6 m) e... il più delle volte scelto dai fulmini. Per questo motivo fu più volte incendiata, fu ristrutturata, rimaneggiata e ricostruita. Durante il periodo della Serenissima, in cima alla torre veniva acceso un fuoco che fungeva anche da faro. Nel 1609 fu il luogo in cui Galileo presentò la sua nuova invenzione: il cannocchiale.
Dopo un fulmine nel 1745 fu gravemente danneggiato, e successivi anni di abbandono lo fecero crollare spontaneamente il 14 luglio 1902. È stato ricostruito con il 100% di fedeltà all'aspetto esterno, ma la struttura stessa sfrutta le possibilità tecnologiche disponibili nel XX secolo.
C'è un belvedere sulla torre che può essere raggiunto con l'ascensore.

S. Marco (Campanile di San Marco), Coordinate GPS:
45°26’02.5″N 12°20’20.7″E
45.434026, 12.339073 - fare clic e instradare

12. Il Ponte dei Sospiri (Ponte dei Sospiri)
Ponte dei Sospiri, Venezia

Il nome romantico del ponte in realtà non ha nulla a che fare con il romanticismo. Non si tratta dei sospiri degli innamorati, ma dei sospiri dei condannati e dei detenuti che hanno viaggiato dall'aula del tribunale alla cella attraverso un collegamento appositamente costruito tra l'edificio del Palazzo Ducale e la nuova prigione.
Inizialmente le stanze del carcere (cioè i Piombi) erano all'ultimo piano, direttamente sotto il tetto del Palazzo Ducale. Le coperture del tetto erano realizzate con lastre di piombo per impedire possibili fughe di prigionieri. In estate, il sole riscaldava intensamente le lastre di piombo, alzando notevolmente la temperatura nelle celle, causando ripetutamente la morte dei detenuti.
Alcune delle celle carcerarie si trovavano anche nelle cantine del palazzo (i cosiddetti pozzi, cioè Pozzi). Qui, a sua volta, veniva spesso raccolta l'acqua, il cui alto livello (soprattutto durante l'alta marea) era causa di molti annegamenti tra i prigionieri non salvati.
Dopo la costruzione di un nuovo carcere (Prigiono Nuove) sull'altro lato del canale, gli edifici furono collegati da un ponte, costituito da due corridoi separati da un muro. Il ponte ha consentito il trasporto rapido e sicuro dei detenuti dall'aula del tribunale alla nuova prigione. Condannati attraverso le finestre del ponte, diedero un'ultima occhiata a Venezia, che spesso terminava con un patetico sospiro.

Certo, oggi ci sono molte superstizioni sul fatto che nuotare in gondola e baciarsi sotto il ponte garantiscano successo, felicità e amore, e se qualcuno in aggiunta si alza con le mani in gondola e fa una "rondine" sulla gamba sinistra, è certo che sarà il più felice e il più ricco del mondo... ma ti do queste superstizioni. È piuttosto un elemento del folklore turistico a buon mercato e di marketing.

Ponte dei Sospiri (Ponte dei Sospiri), Coordinate GPS:
45°26’02.6″N 12°20’27.1″E
45.434064, 12.340871 - fare clic e instradare

13. Campo San Giovanni e Paolo
Campo Santi Giovanni e Paolo, Venezia
Cliccando sull'immagine si accede ai panorami su Google Maps

Nella piazza dei Santi Giovanni e Paolo ci sono due chiese incollate insieme ai loro angoli. Uno di essi (Scuola Grande di San Marco) ha una facciata di una bellezza folle rifinita con marmi colorati e contrasta meravigliosamente con l'altro (Santi Giovanni e Paolo), con una facciata molto più austera. C'è anche una statua di Bartolomeo Colleoni sulla piazza, uno dei canali veneziani scorre lungo uno dei lati, e tutta la bellezza della piazza è completata da un ponte che attraversa il canale e case colorate. Il posto è davvero molto gradevole e perfetto per una breve pausa, in uno dei tanti caffè della piazza.

Campo San Giovanni e Paolo, Coordinate GPS:
45°26’21.8″N 12°20’29.0″E
45.439400, 12.341382 - fare clic e instradare

14. Ghetto Veneziano

Il ricordo del ghetto veneziano è un buon momento per presentare una mappa dei sestieri di Venezia. Date un'occhiata alla foto qui sotto:

Venezia - mappa dei quartieri

Durante il funzionamento della Repubblica di Venezia, le autorità costrinsero gli ebrei a stabilirsi e ad abitare solo nell'area designata di Venezia. La parola 'ghetto' in questo senso non esisteva ancora. Il suo significato nel dialetto veneto cinquecentesco significava "fonderia" o "acciaieria". Questo significato, ovviamente, non era casuale.
L'area che poteva essere abitata dagli ebrei era designata su una delle isole che costituivano Venezia (il sestiere cannaregio). A quel tempo esistevano un'acciaieria e una fonderia. L'insediamento iniziò con la Fonderia Nuova, o Ghetto Nuovo (ghetto nuovo), per poi ampliarsi nell'area della Fonderia Vecchia, o Ghetto Vecchio (ghetto vecchio). I nomi che ne derivano sono un po' fuorvianti, perché il nuovo ghetto è in realtà più vecchio del vecchio ghetto.
Vale la pena notare che esisteva un ghetto veneziano il primo nella storia del mondo una zona di isolamento etnico.
Quando si cammina attraverso il ghetto veneziano, prestare attenzione all'altezza degli edifici. Alcuni di loro sono alti anche 7-8 piani e sono ancora praticamente gli edifici residenziali più alti della città. Al suo apice, circa 5 ebrei dovettero inserirsi nella ristretta area del ghetto, e l'impossibilità di ampliare l'area costrinse gli abitanti a costruire case così alte.
Attualmente nella sola Venezia risiedono circa 500 ebrei, di cui solo pochi rimasti nell'area dell'ex ghetto.

Piazza del Ghetto Nuovo con la sinagoga, Coordinate GPS:
45°26’43.1″N 12°19’35.6″E
45.445309, 12.326541 - fare clic e instradare

15. Ponte delle Tette (Ponte delle Tette)
The Tit Bridge, o il ponte del seno, anche se suona meglio in italiano: Ponte delle Tette
fonte foto: Wikipedia

Mi chiedevo a lungo se usare una versione un po' più garbata del nome, ovvero Breast Bridge, ma ho deciso che non avrei spolverato la realtà. Se questa è la traduzione letterale, così sia. Inoltre, "cincia" non è una parola scandalosa comune, quindi rimane così com'è.
Il ponte stesso non è un luogo eccezionalmente bello, ma ha una storia interessante che attrae molti visitatori.
Venezia come città commerciale, dove da secoli convergono le vie commerciali di tutta la rete, e c'erano sempre tanti nuovi arrivati ​​e persone di passaggio. Ricchezza e soldi erano la nostra routine quotidiana e la libertà mi incoraggiava ad agire in modo meno rigido. Tale Venezia ha creato le condizioni perfette per lo sviluppo di vari servizi, tra cui, ovviamente, un enorme spazio per lo sviluppo del servizio più antico del mondo: la prostituzione. Basti pensare che, secondo le cronache storiche scritte da Marina Samolo, nel periodo del suo massimo splendore, a Venezia lavoravano nella prostituzione più di 11,5 donne (!!!). In termini di numero di abitanti, a Venezia in quel momento erano circa 150. si scopre che ogni dodicesimo residente della città era impegnato nella prostituzione a Venezia. Se si riferisse solo alla popolazione femminile, e non all'intera popolazione della città, tale quota sarebbe almeno doppia. La portata del fenomeno era impressionante.
Non c'è da stupirsi che, alla fine, Venezia abbia deciso di limitare radicalmente questa pratica introducendo norme e divieti adeguati, nella forma di un decreto annunciato nel 1412. Circa cento anni dopo, però, accadde qualcosa di sorprendente.
Nel XVI secolo, vista la tendenza in rapida crescita tra gli uomini a Venezia per i contatti omosessuali, la città fu costretta a ricorrere all'aiuto delle prostitute. Per allontanare i giovani dall'amore tra persone dello stesso sesso, la città ha permesso alle donne di scoprire il seno in pubblico. Naturalmente, non poteva essere fatto ovunque, e non tutti potevano. Solo le prostitute veneziane potevano farlo e solo in un posto: sul ponte di Cycków (Ponte delle Tette) e nelle finestre le case popolari circostanti. Dopo il tramonto, le donne avevano anche il diritto di dirigere la luce sul seno, consentendo una migliore esposizione.
Le statistiche tacciono sul successo del piano attuato dalla città e dalle donne che vi hanno collaborato. I turisti, tuttavia, lo ricordano molto bene e visitano in gran numero il ponte fino ad oggi. Forse contano su qualcosa che accada?

Ponte delle Tit (Ponte delle Tette), Coordinate GPS:
45°26’19.8″N 12°19’51.4″E
45.438840, 12.330944 - fare clic e instradare

16. Ponte di Rialto
Ponte di Rialto, Venezia

Il Ponte di Rialto è il più antico e, da 500 anni, l'unico ponte permanente che collega le due sponde del Canal Grande. È una vera icona di Venezia e forse l'oggetto più fotografato della città. Dapprima funzionava come una struttura improvvisata, posta sulle spalle, poi veniva sostituita da una struttura in legno. Purtroppo il ponte di legno è stato danneggiato per vari motivi o è crollato più volte. Una delle catastrofi più spettacolari avvenne nel 1444, quando una folla di curiosi si radunò sul ponte per osservare il seguito della marchesa di Ferrara, figlia di Alfonso V d'Aragona, durante la cerimonia nuziale. Il ponte crollò sotto il peso delle persone lì raccolte.
Fu rapidamente ricostruito, ma dopo 80 anni di attività crollò di nuovo.Quando, dopo un'altra ricostruzione nel 1578, crollò di nuovo (probabilmente per la quarta volta), questa volta sopravvivendo solo 10 anni, la città decise finalmente di spendere soldi per una struttura in pietra. 6000 (sì, seimila) pali di quercia sono stati piantati sotto ciascuno dei supporti del ponte su entrambe le sponde del canale, e la struttura del ponte in pietra lungo 48 metri e largo 22 metri, che possiamo ammirare in buone condizioni , è stato supportato su di loro.
Il ponte è bellissimo e si sposa perfettamente con l'architettura di Venezia. Si presenta come una naturale prosecuzione delle facciate ad arcate dei palazzi adiacenti al Canal Grande. Ha tre file di scale, tra le quali ci sono due file di piccole gioiellerie e negozi di souvenir.
È sempre affollato in questo posto, ma vale la pena salire sul ponte, perché è un ottimo punto di osservazione sul Canal Grande. Da questo luogo vengono spesso create bellissime foto ricordo.

Ponte di Rialto, Coordinate GPS:
45°26’16.7″N 12°20’09.5″E
45.437981, 12.335969 - fare clic e instradare

17. Palazzo Contarini del Bovolo
Frammento della scalinata di Palazzo Contarini del Bovolo. Ci sono sei piani.

Le scale più belle di Venezia - come viene spesso chiamata la scala a chiocciola di Palazzo Contarini del Bovolo - non furono subito parte integrante dell'edificio. La loro costruzione fu commissionata da Pietro Contarini, che acquistò il palazzo nel 1489 e cercava un modo per migliorarne l'aspetto, che nella sua forma originaria non gli soddisfaceva.
La scala a chiocciola (il significato della parola Bovolo in dialetto veneziano significa lumaca) è alta sei piani e termina con un ponte di osservazione, che è uno dei punti panoramici più belli su Venezia e sui suoi tetti.
Salendo le scale, si noti che con i piani successivi (simile al guscio di chiocciola) l'altezza degli archi ad arcate diminuisce. La modifica dell'altezza degli archi osservando la gabbia da terra crea un'illusione ottica, dando l'impressione che la gabbia a spirale sia molto più alta di quanto non sia in realtà.

Palazzo Contarini del Bovolo, Coordinate GPS:
45°26’05.5″N 12°20’04.4″E
45.434854, 12.334542 - fare clic e instradare

18. Ponte dell'Accademia (Ponte dell'Accademia)
Ponte dell'Accademia, Venezia

Il Ponte dell'Accademia a prima vista sembra essere in legno (il che non fa ben sperare, soprattutto quando si conosce la storia del Ponte di Rialto sopra descritta), ma fortunatamente non lo è. Il primo ponte in questo luogo fu costruito durante l'ultima occupazione austriaca di Venezia (1848-1866). Aveva la forma di un'unica trave metallica. Dopo circa 80 anni di utilizzo, si è scoperto che il metallo non poteva resistere all'umidità veneziana. La struttura rischiava di crollare e l'idea era quella di costruire un ponte in pietra. Nel frattempo, l'abile ingegnere Eugenio Miozzi ha costruito un nuovo ponte in legno in soli 37 giorni. Come si è scoperto, la costruzione che ha inventato e realizzato era così buona che è rimasta per sempre. Nel frattempo, dal 1933, il ponte ha subito diversi lavori di manutenzione e le arcate portanti principali sono state sostituite con quelle metalliche, ma il ponte stesso è rimasto lo stesso.
È possibile che se ci fossero già le "cravatte" negli anni '30, Eugenio Miozzi avrebbe inventato una costruzione su "cravatte" che sopravviverebbe senza manutenzione fino ad oggi.
Tuttavia, vale la pena attraversare il ponte dell'Akademia non per il brivido di crollare o meno, ma per il fatto che offre una delle viste più spettacolari sul Canal Grande. È una tappa obbligata per gli amanti delle belle foto ricordo.

Vista dal Ponte dell'Accademia, Venezia

Ponte dell'Accademia (Ponte dell'Accademia), Coordinate GPS:
45°25’54.2″N 12°19’44.2″E
45.431711, 12.328951 - fare clic e instradare

19. Galleria dell'Accademia (Gallerie dell'Accademia)

Un must per gli amanti dell'arte. Le Gallerie dell'Accademia sono la più grande collezione al mondo di arte veneziana, che presenta principalmente dipinti dal XIV al XVIII secolo.
La collezione della galleria comprende, tra gli altri opere quali: L'uomo vitruviano (Leonardo da Vinci), Presentazione di Maria al tempio (Tiziano), Pietà (Tiziano), S. Giovanni Battista (Tiziano) o Perspektywy con portico (Canaletto).

Ingresso principale Galleria dell'Accademia (Gallerie dell'Accademia), coordinate GPS:
45°25’53.2″N 12°19’41.1″E
45.431450, 12.328095 - fare clic e instradare

20. Basilica di Santa Maria della Salute
Vista dal Ponte dell'Accademia alla Basilica di Santa Maria della Salute, Venezia

Durante l'epidemia di peste morì oltre il 30% della popolazione di Venezia. Salvati dalla morte, in segno di gratitudine per aver salvato se stessi e la città, decisero di costruire un'enorme chiesa. Nasce così la Basilica di Santa Maria della Salute. Fino ad oggi, ogni anno il 21 novembre da S. Marco inizia una processione che attraversa il Canal Grande fino alla basilica attraverso un ponte di barche appositamente costruito. Si svolge la processione per la salute della città.

Basilica di Santa Maria della Salute, coordinate GPS:
45°25’51.0″N 12°20’04.8″E
45.430831, 12.334679 - fare clic e instradare

21. Giardini Reali (Giardini Reali)

Camminando secondo il piano che ho proposto, sarà l'ultimo punto dell'escursione, che dovrebbe darvi una tregua. Ogrody Królewskie è un piccolo quadrato verde di terra abbondantemente ricoperto di piante e fiori ornamentali. In una città come Venezia, piena di pietra su quasi ogni centimetro quadrato di terraferma, questo pezzo di verde è come un mondo separato dalla città. Entrando nel giardino, hai l'impressione di esserti teletrasportato in un'altra realtà. L'ombra creata dal verde offre condizioni perfette per riposare dopo una giornata lunga e ricca di eventi.
I giardini sono stati aperti solo di recente ai turisti. L'ingresso ad essi è aperto a tutti e gratuito.

Giardini Reali (Giardini Reali), coordinate GPS:
45°25’57.7″N 12°20’16.7″E
45.432694, 12.337975 - fare clic e instradare

Burano - l'isola dei colori

Burano

Dopo aver visitato Venezia, è improbabile che tu abbia abbastanza tempo, per non parlare delle energie, per visitare una delle isole vicine: Burano. Tuttavia, presumo che in base ai miei consigli, puoi creare il tuo piano che terrà conto del tempo necessario per visitare Burano. Burano è un favolosamente colorato, fantastico pezzo di terra dove il tempo e la vita si svolgono in modo completamente diverso rispetto a Venezia, nonostante funzionino da secoli sulla stessa laguna e così vicini l'uno all'altro.
Chi viene a Venezia per due giorni, spesso trascorre un giorno esplorando la città e l'altro visitando le isole: Murano i Burano.

Ci sono due linee a Burano, una è fissa e l'altra stagionale. Differiscono anche per la durata della crociera e, ovviamente, per la rotta.
Ho segnato la posizione di entrambi i terminal sulla mappa turistica nella prima parte del post. Come puoi vedere, il terminal della linea 12 è nel sestiere di Cannaregio, mentre il terminal 14 è vicino a Piazza San Marco. Segno.

Linea Vaporetto n.12
Fermata di partenza: Fondamente Nove terminale "A" (abbreviato in F.te Nove "A")
Tempo di crociera: circa 1 ora
Orario del corso: tavolo corsi vaporetto - [clicca]

F.te Nove Terminal “A” - linea 12 vaporetto, Coordinate GPS:
45°26’38.0″N 12°20’20.8″E
45.443886, 12.339111 - fare clic e instradare

Vaporetto linea 14 (linea stagionale)
Fermata di partenza: San Marco - San Zaccaria terminal "F"
Tempo di crociera: circa 1,5 ora
Orario del corso: tavolo corsi vaporetto - [clicca]

Terminal San Marco - San Zaccaria "F" - vaporetto linea 14, Coordinate GPS:
45°26’00.8″N 12°20’31.4″E
45.433551, 12.342065 - fare clic e instradare

Murano - il bacino di vetro veneziano

Murano

Un'altra isola molto visitata dai turisti, situata su una laguna nelle vicinanze di Venezia, è la capitale del vetro veneziano, ovvero Murano. Completamente diversa da Burano, ha una sua specifica atmosfera e fascino. Se hai la giusta quantità di tempo, vale senza dubbio la pena ancorare qui anche solo per un momento.
Murano è decisamente più vicina a Venezia che a Burano (ci si arriva anche in mezz'ora) e ha decisamente più collegamenti.

Dalla fermata del vaporetto Fondamente Nove righe: 4.1, 4.2, 12, 13 fluttuano qui
Dalla fermata del vaporetto San Marco - San Zaccaria flussi di linea: 7

Venezia - alloggio

L'alloggio a Venezia non è economico ed è praticamente impossibile trovare un alloggio a meno di 100 euro a notte per una camera doppia. Tuttavia, ad un prezzo di poco superiore ai 100 euro, la scelta è piuttosto ampia. Tutto dipende, ovviamente, da quale punto della stagione si cerca, ma se si inizia abbastanza presto (anche qualche mese prima), la probabilità di successo è alta. Se invece la guardi diversamente, scoprirai che, ad esempio, a Venezia è molto più caro che a Venezia Barcellona.
Ad ogni modo, se hai la possibilità e puoi permetterti di pagare circa 150 euro a notte a Venezia, vale sicuramente la pena farlo.
Di seguito sono riportati alcuni esempi di offerte di alloggio che ho trovato in pochi minuti mentre scrivevo questo post. Come puoi vedere i prezzi non ti mettono in ginocchio, ma la qualità dell'alloggio è davvero alta. Penso che questi suggerimenti siano un ottimo punto di partenza per la tua ricerca. Cliccando sull'immagine o sul collegamento si accede alla pagina con l'offerta e un elenco di offerte simili in una fascia di prezzo simile. Fai clic, cerca e forse troverai qualcosa per te? La probabilità è alta.

B&B San Firmino - [clicca]

La Capannaccia Venezia - [clicca]

Camere veneziane di lusso - [clicca]

4.9/5 - (625 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Se ti piacciono le mie guide, troverai sicuramente utile quella che ho creato catalogo guide - [clicca]. Lì troverai idee già pronte per i tuoi prossimi viaggi, descrizioni di altre destinazioni turistiche e un elenco alfabetico di guide suddivise per paesi, città, isole e regioni geografiche.

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo accetterà volentieri qualsiasi follower a cui piace.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




33 commenti su "Venezia - piano turistico - mappa, attrazioni, monumenti, gondole, alloggi, curiosità"

  • o
    Collegamento diretto

    Ottima descrizione, per me le migliori informazioni che ho trovato su Internet. Volevo che qualcuno mi dicesse passo dopo passo da che parte devo andare, incluso da che parte ho l'acqua quando vado a destinazione. Davvero la migliore guida. Nessuna domanda, so tutto, grazie, non ho più paura, tra una settimana vado a Venezia.

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Ad ottobre, le condizioni per visitare la città sono generalmente perfette! Buona fortuna e buon divertimento!!!

      rispondere
      • o
        Collegamento diretto

        Descrizioni davvero fantastiche. Tutto quello che stavo cercando, più una penna leggera. Un grande aiuto nella pianificazione di Venezia. L'ho visitato 50 anni fa, ma grazie alle tue descrizioni mi sono tornati molti ricordi. Voglio vedere anche murano e burano. Grazie per l'aiuto

        rispondere
        • o
          Collegamento diretto

          Ottima descrizione, è stato più utile durante le visite turistiche e la mappa con i punti attivi è la migliore, grazie mille, l'abbiamo usata 🙂
          Pozdrawiam
          Magda

          rispondere
      • o
        Collegamento diretto

        Giovedì parto per Venezia per due giorni. Utilizzerò questa descrizione e pianificherò il mio tempo... fantastico :)
        L'unica cosa che mi tiene sveglio la notte è che il mio volo di ritorno è sabato alle 7 e non so come uscire da Venezia così presto... UPS...🤔

        rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Forse il Signore mi aiuterà - proprio non capisco come acquistare una card per un bambino fino a 29 anni Rolling Venice online?

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Ammetto di non averlo praticato e proprio non lo so. Non cercherò di consigliarti perché semplicemente non voglio fuorviarti.

      rispondere
      • o
        Collegamento diretto

        Ok vi ringrazio molto. Le tue informazioni sono davvero ottime, ho già consigliato alcune persone che hanno intenzione di visitare Venezia
        pozdrawiam

        rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Ciao,
    Grazie per la bellissima e meravigliosa descrizione, io e mia moglie andremo a Venezia per 3 giorni e questa è la migliore descrizione che ho trovato sul web, esattamente come piace a me 🙂
    Utilizzeremo sicuramente il tuo percorso.
    Distinti saluti

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Mi è piaciuto leggerlo. Molte informazioni pertinenti presentate in una forma eccellente. Molto utile se hai intenzione di rimanere a Venezia per un giorno o più.

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Grazie... è una descrizione fantastica... mi accompagnerà sicuramente durante il mio soggiorno di 3 giorni. Ben fatto! Complimenti e saluti da turista 😉

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Questa è una descrizione perfetta per me 😊 informazioni dettagliate, molti fatti interessanti e tutto presentato in modo accessibile 😊 Userò e tornerò 😊

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Questa guida meravigliosamente semplice mi ha permesso di domare Venezia nella mia mente. Chicor prima della partenza, ed è tra pochi giorni. Grazie per esserti appoggiato a turisti green come me.

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Jack, bel messaggio! Vado a Venezia solo per il weekend lungo di maggio, ma dalle descrizioni so già cosa voglio vedere e come arrivarci! Grazie mille per buoni consigli e curiosità e soprattutto per informazioni dettagliate. Commenterò il resto quando torno!

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Buongiorno signor Jack! Grazie mille per la guida di Venezia! È vero che ci trascorrerò solo due giorni, ma con il vostro aiuto sarà un momento meraviglioso per me! Da parte mia ricevi cinque forti STELLE!

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Itinerario super dettagliato! La mia domanda è quanto tempo ci vuole per percorrere tutto il percorso? 😀
    Saluti!

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Descrizione fantastica! Senza versare acqua, dettagli e un percorso passo-passo. Grazie per aver reso più facile pianificare un viaggio 🙂

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Grazie alla guida, ho visitato Venezia in un giorno 🙂 informazioni molto utili, è bello da leggere, grazie mille che ho potuto usare la guida trasparente gratuitamente, la consiglio a tutti 🙂

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Qualcosa di bello, una guida "fatta per me" descritta con delle foto, qualcosa che mi serviva per il mio primo viaggio indipendente con scarsa conoscenza dell'inglese

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Un'ottima e concreta guida a Venezia che mostra l'essenza di questa città. Grazie a te, ho un piano per la prossima visita in questo posto e per conoscere gli angoli e le fessure che non ho ancora raggiunto. Buon lavoro! Grazie 🙂

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Ottima guida + mappa attiva = Wow!
    Non ho mai visto istruzioni preparate in questo modo prima.
    Bravo per la tua professionalità e utilità.
    Andremo a ottobre per due giorni, anche se inizialmente doveva essere uno.
    Buona fortuna con le tue attività attuali!

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Ottime descrizioni. Brevemente conciso e al punto. Sto usando ancora una volta le tue guide quando pianifico varie scappatelle brevi e le userò sicuramente in futuro :)
    Pozdrawiam

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    descrizione sensazionale, foto bellissime, viaggio preparato semplicemente EXTRA, informazioni super descritte, bravo per la professionalità, sarò felice di usarlo, perché ho una scelta, i migliori saluti e GRAZIE GRANDI

    rispondere

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *