Matera - attrazioni, visite turistiche, mappa, hotel, ristoranti, alloggi, parcheggi. Guida

Matera - veduta del Sasso Barisano e Civita subito dopo il tramonto

Matera è senza dubbio uno dei posti più commoventi che vedrai mai. Questo è uno dei due il più antico della terra (!!!), insediamenti umani continuamente abitati, ma ... Matera è stata dimenticata dall'uomo e da Dio.
Quando (a metà del 90 ° secolo) le università di tutto il mondo stavano eliminando gradualmente le prime generazioni di computer, sostituendole con modelli migliori e più veloci; quando i lavori per la conquista dello spazio erano in pieno svolgimento, a Matera, si viveva ancora nelle ... grotte. Non avevano elettricità e acqua. Un bambino su due moriva di parto e il XNUMX% della popolazione era analfabeta.
Era l'unico posto sulla terra in cui gli abitanti potevano dire di vivere ancora nelle stesse case in cui vivevano i loro antenati 9 anni fa.
Matera irradia ancora un'energia primordiale e infetta i turisti che visitano la città. Anche senza conoscere la storia, sai solo che ti trovi in ​​un luogo unico e straordinario. Tuttavia, vale la pena leggere ulteriormente. Ti garantisco che quando i fatti qui sotto entrano in contatto con la realtà, la pelle d'oca è certa quando visiti Matera.

Come è nata Matera?

L'uomo vive qui dal 7000 aC (Paleolitico). Solo Petra in Giordania ha una storia più lunga.
L'insediamento è stato stabilito in rocce morbide poste sopra la gola del torrente Gravino. Forse queste due circostanze sono state determinanti: la vicinanza all'acqua e la morbidezza delle rocce. Gli strumenti primitivi erano sufficienti per forgiare una grotta nella roccia tenera, in cui era sicuro vivere.

Sasso Caveoso

Le prime grotte si formarono nella parte superiore della collina, e le successive furono scavate sempre più in basso. In questo modo le case successive crebbero nelle precedenti, fuse con esse. Le scale che conducono alle case successive e inferiori spesso conducono sui tetti e sulle facciate di altri edifici. Quando guardi la città da lontano, pensi subito che assomigli a un termitaio. Nasce così la prima parte più antica della città: Sasso Caveoso.

Sasso Barisano

Con il tempo non c'era abbastanza spazio per altre case, perché a una certa altezza le rocce diventano dure. Gli strumenti primitivi non consentivano di scavare ulteriori case sempre più in basso lungo il pendio. Pertanto, sull'altro lato della collina, si iniziarono a scavare altre grotte nella valle vicina. E ancora, dalla cima della collina al fondo, furono costruite altre case. È così che è stata creata una parte leggermente più nuova della città di pietra Sasso Barisano.

Particolare del Sasso Barisano

A causa del fatto che le due parti in pietra della città sono state costruite in tempi diversi, si possono notare differenze nell'aspetto delle case. Alcune delle case della parte più antica (Sasso Caveoso) hanno solo prospetti, aggiunti all'imbocco di una cavità scavata nella roccia. Alcuni di loro non hanno nemmeno una facciata, ma solo aperture a forma di ingresso della grotta.
Nella parte più nuova (Sasso Barisano) sono presenti numerose case, dove all'imbocco della fossa è costruito un regolare edificio in pietra.
Ho segnato l'ubicazione di entrambi i quartieri sulla mappa di Matera sottostante.

Matera - mappa dei principali quartieri cittadini. La consapevolezza di questo layout rende più facile orientarsi durante il tour.
Civita

Il terzo distretto - chiamato Civita - nasce sulla sommità di un colle che separa le due valli in cui si trovano: Sasso Caveoso e Sasso Barisano. Gli edifici di Civita sono molto più recenti e molto suggestivi. Civita insieme a Sasso Caveoso e Sasso Barisano make up Sassi, che è il centro storico di Matera. L'area del centro storico merita di essere esplorata per intero.

Pianoforte

Più a ovest dei Sassi c'è un altopiano e su di esso c'è una contrada Pianoforte. Il nome di questa contrada è ovviamente legato alla conformazione pianeggiante dell'area su cui si trova. In questa parte della città ci sono per lo più edifici poco interessanti, tipici italiani, non molto nuovi.

Certo, la calamita che attira i turisti a Matera è Sassima prima che Sassi diventasse un orgoglio, è stato per molti anni un simbolo di disgrazia ...

Disgrazia nazionale

La vita nel sud Italia ha sempre avuto un ritmo diverso. Lontano dal mainstream, la cui fonte era nel nord Italia. Il sud è sempre stato lì, è stato più povero e da secoli è al di là dell'interesse di nessuno. Lo stereotipo del sud Italia povero è perdurato nei secoli e si è riflesso nella realtà. La povertà del sud divenne lo standard e non offese nessuno. Ebbene, nessuno era nemmeno interessato! In particolare, non interessava il governo italiano.
Alla fine, l'emarginazione del sud ha assunto una dimensione tale che con il tempo il sud è diventato anche un luogo di esilio ...
Durante il governo di Mussolini, il sud dell'Italia era la destinazione dove venivano mandati con la forza gli attivisti antifascisti che erano scomodi per lui. Uno degli esiliati era Carlo Levi, pittore e scrittore italiano, medico qualificato. Durante il suo esilio forzato, ebbe l'opportunità di conoscere il vero quadro della povertà del sud, che descrisse 10 anni dopo nel libro "Christ Stays in Ebola", pubblicato nel 1945.
In una delle scene iniziali del libro, Luis (sorella di Carlo Levi e anche medico) si reca a Matera, dove deve timbrare un permesso che le permetterà di incontrare suo fratello. Luisa cammina per le strade di Matera descrivendo ciò che vede. L'immagine raffigurata della città è scioccante e terrificante. L'entità della povertà di Mateara è difficile da immaginare ed è impossibile esprimerla a parole meglio di Carlo Levi:

“La porta è stata aperta a causa del caldo. Mentre camminavo, osservavo gli interni che non avevano finestre, ma solo porte che fornivano aria e luce. A volte non c'era nemmeno una porta. Sei salito le scale e hai chiuso l'apertura. In quelle buie buie con muri di terra, ho visto letti, legname logoro e stracci. Sul pavimento c'erano cani, montoni, capre e maiali. Ogni famiglia ha a disposizione una fossa simile e qui dormono tutti insieme: uomini, donne, bambini e animali. Ventimila persone vivono così. Innumerevoli bambini. Nel caldo, negli sciami di mosche, nella polvere, sono dappertutto, completamente nudi o coperti da una specie di straccio. Non ho mai visto un simile quadro della povertà, eppure sono abituato a trattare ogni giorno con dozzine di bambini poveri, malati e mal mantenuti a causa della mia professione. Tuttavia, non avevo idea di uno spettacolo così disperato. Guardavo i bambini seduti vicino alla porta nel letame, al sole, con gli occhi semichiusi, le palpebre rosse e gonfie. Le mosche premettero negli occhi malati, ei bambini non si accorsero che le mosche stavano strisciando nelle loro orbite. Era il tracoma. Sapevo che qui regnava, ma la vista della malattia in una terra così terribile e infelice era commovente. Ho incontrato anche altri bambini con i volti rugosi come quelli degli anziani e seccati dalla fame, i capelli pieni di pidocchi e sporcizia. La maggior parte di loro aveva lo stomaco gonfio, facce enormi e gialle e affette da malaria. Le donne, vedendomi sbirciare dalla porta, mi hanno invitato ad entrare. Così ho visto, in queste caverne, buie e sporche, bambini sdraiati a terra, coperti di stracci, e battevano i denti per la febbre. Altri furono devastati dalla dissenteria fino all'ultima spiaggia. Alcune facce di cera ti hanno fatto pensare che qui ci fosse qualcosa di peggio della malaria, forse febbre tropicale, forse Kala Azar, febbre nera. Le madri emaciate, tenendo i loro bambini mal nutriti contro i loro seni avvizziti, mi salutarono gentilmente ma cupamente. In quel sole cocente, a volte avevo l'impressione di trovarmi in mezzo a una città colpita da una pestilenza. Andai sempre più in profondità verso la chiesa, ea pochi passi di distanza ero accompagnato da una folla di bambini. Hanno gridato qualcosa nel loro gergo che non riuscivo a capire, e ho continuato a camminare mentre continuavano le loro grida. Pensavo volessero un volantino, così mi sono fermato e solo allora ho distinto alcune parole che i bambini chiamavano in coro: Signora, dacci il chinino, Signora dacci il chinino! Ho distribuito degli spiccioli tra di loro, in modo che potessero comprare caramelle, ma non era quello che chiedevano, chiedendo chinino. Siamo finalmente giunti in fondo a quel burrone e alla bellissima chiesa barocca di Nostra Signora di Idris; ed è stato solo quando ho guardato in alto quando ho finalmente visto tutta Matera. Era una vera città. Le facciate di tutte le grotte, che quindi sembrano case, sono bianche e uniformi, e le aperture delle porte sembrano occhi neri in lontananza. Una città bella e pittoresca. "

Matera - Sassi (2020)

Modificare

Il libro di Carlo Levi ha cambiato la storia di Matera. Giorno dopo giorno ha influenzato altre persone. Finalmente, a tre anni dalla sua pubblicazione, è arrivato dove nessuno è arrivato da decenni: la coscienza dei governanti. Il politico italiano Palmiro Togliatti, quando vide Matera nel 1948, le diede un nome che è passato alla storia: "disgrazia nazionale".
Sono dovuti passare altri due anni al presidente del Consiglio Alcide De Gasperi per vedere Matera con i propri occhi. Era chiaro che il contatto diretto con il disastro della città in quel momento avrebbe avuto un impatto significativo su di esso.
Due anni dopo, nel 1952, iniziò il trasferimento forzato di tutti i 15 abitanti dei Sassi negli insediamenti di nuova costruzione in contrada Piano.

Città morta

Il trasferimento di tutti i residenti nelle loro nuove case rese i Sassi improvvisamente vuoti e morti. Molti degli sfollati, nonostante le condizioni di vita incomparabilmente migliori (accesso all'acqua corrente, all'elettricità, ecc.), non sapevano come abituarsi al nuovo modo di vivere. Abituati a vivere in grandi gruppi (spesso tutti in una stanza), non si ritrovavano in appartamenti separati, separati gli uni dagli altri. Alcuni degli abitanti lasciarono le loro nuove case e, nonostante i divieti, tornarono ad abitare nei Sassi, nelle loro cave di roccia. Tuttavia, era illegale. I Sassi estinti sono stati regolarmente pattugliati dalle forze dell'ordine e i residenti di ritorno sono stati rimandati nelle loro nuove case. Per rendere difficili i resi, gli ingressi e le finestre delle case sono stati sbarrati e sprangati. Sassi stava morendo, deteriorandosi gradualmente per quasi quattro decenni.
A quel tempo, i principali utenti degli edifici vuoti erano hippy, artisti e spacciatori.

Matera - si sta facendo buio lentamente

Lista dell'UNESCO

Il cambiamento è avvenuto nel 1993, quando Matera è stata inserita dall'UNESCO nella World Heritage List. I Sassi e il Parco della Chiesa Rupestre sono stati riconosciuti come il più eccezionale e intatto esempio di insediamento rupestre (troglodita). Questo fatto ha segnato una svolta significativa, anche se non immediatamente. Lentamente e faticosamente, iniziò il ritorno del popolo ai Sassi. Questa volta, però, il ritorno non è vivere nelle grotte, ma ristrutturare queste grotte, creando hotel, ristoranti e gallerie d'arte unici.
Il processo per riportare in vita i Sassi è durato davvero molto. Quando ho visitato Matera per la prima volta nel 2010, Sasso Caveoso sembrava ancora un paese fantasma. Il traffico turistico (anche se era piena estate) era minimo. Visitando Matera 10 anni dopo, nel 2020, potresti vedere la differenza ad occhio nudo. Anche se nel 2020 ho visitato Matera non in estate ma in pieno inverno, questa città era piena di gente. Gli edifici vuoti e abbandonati si contano sulle dita di una mano. C'era molta gente per le strade. I turisti passeggiavano in ogni parte della città ei caffè ei ristoranti funzionavano a pieno regime.
Era una città diversa e vivace.

Matera, Sasso Caveoso - 2011, piena estate. Era ancora completamente vuoto. Abbiamo camminato da soli. Molte case erano ancora vuote.

Capitale Europea della Cultura 2019

Oggi Matera sta vivendo buone giornate. Attira turisti da tutto il mondo. È diventato famoso e popolare, anche se non sembra essere sempre troppo affollato. C'è un'ottima base di hotel in città, con alloggi estremamente suggestivi (ne scriverò di più un po 'di seguito, descrivendo il nostro alloggio, dove potremmo goderci l'atmosfera folle della città). In tutti i Sassi si possono trovare moltissimi bar e ristoranti per turisti di tutte le tasche. Abbiamo usato quelli economici, ma anche quelli leggermente più costosi. Dai distributori automatici di panini, ai bar veloci da asporto, serviti da una teca di vetro, ai ristoranti con un menù ricercato.
Matera si è sviluppata in modo tale che nel 2019 potrebbe assumere con coraggio le responsabilità di Capitale Europea della Cultura. Probabilmente ha influenzato l'ulteriore sviluppo della città e ... un aumento dei prezzi. Va sempre di pari passo. Quindi programmiamo un viaggio a Matera. La sua popolarità continuerà a crescere. È sicuro, quindi prima è, meglio è (... e meno costoso)

Matera d'inverno. Febbraio 2020.

Una bellezza straordinariamente triste

Passeggiando per le strade di Matera, ho sempre in mente le immagini che si sono create leggendo la descrizione di Carlo Levi. Sassi è bello, straordinariamente bello. Non può essere paragonato a niente. Li assorbo sempre con tutti i miei sensi. Li amo. È un posto che è sempre in cima alla lista delle destinazioni in cui vorrei tornare. Conoscere la sua storia fa sì che la sua bellezza mi raggiunga ancora di più, più profondamente, più in profondità ... È commovente ea volte triste, ma ... non dovresti esagerare con la tristezza.
È bello che viviamo in un'epoca in cui Matera risplende di piena radiosità e ha potere, potere enorme!

Matera è verde anche d'inverno

Mappa di Matera e visite turistiche

Ho avuto un grosso problema durante la creazione di una mappa delle attrazioni in Matthew. Ci sono così tanti posti che meritano una raccomandazione e così tanti punti di vista unici che non aveva senso metterli tutti sulla mappa. Quindi ho incluso solo quelli chiave. Alcuni sono importanti per il loro valore storico e altri per panorami e paesaggi folli. Allo stesso tempo, la giusta selezione dei punti principali mi ha permesso di tracciare il percorso in modo tale da attraversare le parti più interessanti della città. Quindi lungo la strada ti imbatterai in molti oggetti interessanti che non sono sulla mappa. Che sorpresa! Tieni gli occhi aperti e ... spesso guardati indietro (!!!), soprattutto quando sali le scale della città. Le viste alle tue spalle saranno travolgenti e cambieranno quasi ogni pochi passi. Consiglio soste frequenti. Non vale la pena correre.

ATTENZIONE! I colori dei sentieri sono dati da me. Sul campo i percorsi da me segnati non sono in alcun modo contrassegnati da colori.

Matera - mappa delle attrazioni, tre percorsi turistici evidenziati a colori

Ho diviso il percorso turistico in tre parti e ho dato loro colori diversi:
- colore rosso - passeggiata di base per la città, i monumenti più belli, i quartieri più belli e le parti della città e punti panoramici. Il percorso sembra essere breve, solo circa 3 km. Tuttavia, è così pieno di attrazioni e oggetti che non puoi semplicemente passarci accanto, ma devi passare un po 'di tempo ad esplorare, che puoi andare avanti e trascorrere l'intera giornata lì. Ci sarà davvero qualcosa da fare.
Se ti alzi presto la mattina e ti trovi a Matera in estate, quando la giornata è molto lunga, e hai abbastanza energia (ricorda che d'estate fa un caldo terribile e camminare non è così facile), puoi provare a combinare questa passeggiata con a piedi si prende l'altra sponda del torrente Gravina (verde o blu). Tuttavia, non consiglio di farlo. Secondo me una soluzione del genere non ha senso (è troppo faticosa), ma il piano che ho preparato lo rende possibile.
Notare che il percorso è contrassegnato in rosso ha la forma di un ciclo. Grazie a questo, non importa da dove lo inizi. Tornerai sempre al punto di partenza e vedrai tutte le attrazioni 🙂 Questa soluzione ti dà la libertà di scegliere il tuo alloggio. Quindi puoi scegliere di soggiornare ovunque nei Sassi e non ti sarà difficile esplorare l'intera città in alcun modo.

- colore verde - una gita sull'altra sponda del torrente Gravina, tra chiese rupestri e grotte. Il completamento di questo percorso richiederà di salire due volte sul pendio della gola con un ruscello che scorre sul fondo. Una volta sulla strada per grotte e chiese, e la seconda volta sulla via del ritorno. La lunghezza totale del percorso dal punto di partenza ad entrambi i lati è di circa 3 km. Anche in questo caso, camminare in salita a 40 gradi di calore non è davvero facile, quindi non pianificare di fare un salto fulmineo in un'ora per questi 3 km.

- colore blu - un secondo suggerimento per una gita alle chiese in pietra, lungo un sentiero meno evidente e meno affollato. La lunghezza del sentiero è simile al precedente (circa 3 km) ma c'è una differenza importante: non c'è un ponte sospeso sul torrente Gravina. Devi attraversarlo in un modo (a seconda del livello dell'acqua corrente).

Secondo me il piano ottimale per visitare Matera è un minimo di due giorni. Un giorno per una passeggiata in città (percorso rosso), e il secondo giorno per una passeggiata su uno dei percorsi per l'altra sponda del torrente Gravina e (in auto) sotterranei, case rotonde sull'altopiano della Murgia Timone (descritte più avanti al punto 17).

Veduta di Matera dall'altopiano al di là della gola con il torrente Gravina che scorre al suo fondo
Matera vista dall'altra parte della gravina
Una grotta che domina Matera

Le attrazioni di Matera

1. Belvedere di Sasso Barisano accanto al Monastero di Sant'Agostino

Il belvedere è sulla strada principale di ingresso al Sasso Barisano. È qui che vengono create le foto note da cartoline popolari. La cornice è più o meno come nella foto sotto. I panorami sono bellissimi.
Il vicino monastero e la chiesa furono costruiti a metà del XVI secolo, furono distrutti nel 1734 durante un forte terremoto e poi restaurati e possiamo ammirarli oggi.

Belvedere di Sasso Barisano, Coordinate GPS:
40°40’11.3″N 16°36’35.4″E
40.669817, 16.609838 - fare clic e instradare

Vista dal belvedere accanto al Monastero di Sant'Agostino
2. Belvedere di Sasso Barisano accanto alla Chiesa di San Pietro Barisano

Un punto di vista vicino al punto precedente. Tuttavia, non vale la pena evitarlo, perché nonostante la vicinanza del punto precedente, la vista di Matera da questo luogo è completamente diversa ed estremamente interessante. Questo è un altro posto per riprendere una cornice molto famosa da Matera, con la torre della Chiesa di San Pietro Barisano in primo piano (la cornice classica di questo luogo è mostrata nella foto sotto).
La chiesa di San Pietro Barisano accanto al belvedere è la più grande chiesa rupestre di Matera. Le prime forme rocciose scoperte sotto il suo pavimento risalgono al XII - XIII secolo. I locali delle parti inferiori della chiesa, con apposite nicchie, erano utilizzati per l'essiccazione delle salme. Questo privilegio postumo era riservato principalmente ai sacerdoti.
Dopo lo sfollamento della popolazione dai Sassi, negli anni '60 e '70 la maggior parte delle opere d'arte presenti nella chiesa furono rubate o distrutte.

Belvedere di Sasso Barisano, Coordinate GPS:
40°40’07.8″N 16°36’33.1″E
40.668834, 16.609205 - fare clic e instradare

Matera - veduta dal punto panoramico accanto alla Chiesa di San Pietro Barisano
3. Palombarolungo

Palombaro Lungo è un serbatoio d'acqua artificiale sotterraneo. Ci sono molte cisterne simili a Matera e creano un'incredibile città sotterranea. Tutti i serbatoi costituiscono un sistema di raccolta e stoccaggio dell'acqua unico per gli abitanti della città. Senza di loro, in un clima così caldo e secco, la città non avrebbe alcuna possibilità di svilupparsi, soprattutto quando la popolazione iniziò a superare le diverse migliaia o diverse migliaia di abitanti.
Palombaro Lungo è il più grande degli invasi esistenti a Matera ed è aperto al pubblico. Vale davvero la pena vederlo con i tuoi occhi.
Il serbatoio si trova sotto sotto la piazza di Vittorio Veneto e nasce dalla fusione di più grotte preesistenti (i lavori relativi al collegamento delle grotte iniziarono nel XVI secolo e si protrassero quasi fino alla fine del XIX secolo).
Ha cessato di essere necessario solo nel 1920, quando è stato costruito Acquedotto Pugliese (uno dei più grandi progetti di costruzione del mondo all'inizio del XX secolo). Ho scritto di più al riguardo in Post di Leuca.

Vale la pena prestare attenzione al fatto che i serbatoi d'acqua sono scolpiti in una roccia di tufo morbida e permeabile all'acqua. Allora come facevano i serbatoi a trattenere l'acqua? Le pareti delle vasche sono state rivestite con una malta impermeabile (cocciopesto), realizzata secondo un'antica ricetta, a base di mattoni (o tegole) molto finemente frantumati e grassello di calce.
Gli abitanti di Matera attingevano l'acqua dal bacino facendo entrare piccoli secchi attraverso due aperture esterne.

Ingresso al bacino idrico di Palombaro Lungo in piazza Vittorio Veneto, coordinate GPS:
40°40’00.9″N 16°36’23.4″E
40.666919, 16.606502 - fare clic e instradare

Piazza Vittorio Veneto. Le ringhiere metalliche sul lato destro recintano la discesa al bacino del Palombaro Lungo
L'interno del bacino di Palombaro Lungo
A piedi dal Sasso Barisano verso l'ingresso al bacino del Palombaro Lungo
4. Chiesa di San Francesco d'Assisi

Non a caso la bella chiesa barocca porta il nome di San Francesco d'Assisi. Questo nome fu dato alla chiesa in ricordo della visita del santo a Matteo nel 1218.
Il corpo principale della chiesa fu costruito nel XIII secolo, poi fu più volte ricostruito, fino al XVIII secolo, quando fu realizzata una bella facciata barocca. Da allora, la chiesa è rimasta invariata.
Durante la nostra visita (nel 2020), la scultura "Surreal Piano" di Salvador Dalì si trovava nella piazza davanti alla chiesa. È stato uno degli elementi della mostra delle opere dell'artista, esposta in occasione della manifestazione, che nel 2019 è stata insignita del titolo di Capitale Europea della Cultura. Passeggiando per Matthew, si potrebbero incontrare tre grandi e circa 200 opere più piccole dell'artista. Grande cosa!

St. Francesco d'Assisi, Coordinate GPS:
40°39’55.3″N 16°36’33.4″E
40.665350, 16.609268 - fare clic e instradare

St. Francesco d'Assisi, e in primo piano "Surreal Piano" di Salvador Dalì
5.Palazzo Lanfranchi

Uno degli edifici più belli della città. Edificata nella seconda metà del XVII secolo su commissione dell'Arcivescovo Vincenzo Lanfranchi per un seminario. Attualmente ospita il Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna della Basilicata.
La sua costruzione ha causato molti problemi, perché c'erano molti spazi inter-rock vuoti sotto l'edificio e le fondamenta dell'edificio erano instabili.

Palazzo Lanfranchi, Coordinate GPS:
40°39’47.3″N 16°36’36.7″E
40.663131, 16.610206 - fare clic e instradare

Sullo sfondo è visibile la facciata di Palazzo Lanfranchi
6. Belvedere sul Sasso Caveoso (Belvedere di Piazza Giovanni Pascoli)

Il punto di vista principale sulla parte più antica della questione: Sasso Caveoso. La vista è bellissima e toccante, e puoi scattare qualche foto lungo il percorso.

Belvedere di Piazza Giovanni Pascoli, Coordinate GPS:
40°39’47.6″N 16°36’36.6″E
40.663231, 16.610174 - fare clic e instradare

Vista dal Belvedere di Piazza Giovanni Pascoli
7. Chiesa di Santa Lucia alle Malve

La chiesa rupestre di Santa Lucia alle Malve risale all'VIII secolo d.C. ed è spesso considerata la più importante delle chiese materane. In origine era costituita da tre navate, ma solo una di esse è rimasta la chiesa fino ad oggi. Gli altri due sono stati nel tempo trasformati in appartamenti e magazzini.
Nella chiesa si possono vedere bellissimi affreschi che risalgono al XII secolo. Vale la pena notare che alcuni Ferski hanno forme identiche e differiscono solo per i colori che li riempiono. Sono stati dipinti ... da un modello. La sagoma posta contro il muro è stata pulita con un panno imbevuto di polvere di carbone ed è così che sono stati creati i contorni del disegno. Il resto del processo è facile da immaginare.
L'interno della chiesa fa una grande impressione, come puoi vedere nel breve video qui sotto.

Chiesa di Santa Lucia alle Malve, coordinate GPS:
40°39’47.7″N 16°36’44.5″E
40.663242, 16.612350 - fare clic e instradare

8. Casa Grotta nei Sassi casa residenziale

Come suggerisce il nome si tratta di una grotta residenziale, ovvero una casa tipica materana, con arredi caratteristici, che presenta le condizioni in cui si viveva qui negli anni Cinquanta. La casa è stata allestita appositamente per i visitatori e permette di vivere al meglio l'atmosfera degli ultimi anni, prima dello sfollamento dei residenti dai Sassi Caveoso.

Casa Grotta - una dimora tradizionale degli abitanti di Matera, Coordinate GPS:
40°39’49.6″N 16°36’44.1″E
40.663774, 16.612261 - fare clic e instradare

9. Chiesa di Santa Maria di Idris

Probabilmente la chiesa rupestre più bella di Matthew. Si trova all'interno della roccia, la cui forma è molto caratteristica e balza subito all'occhio. La stessa roccia ospita anche la cripta di San Giovanni in Monterrone, pregevole per i suoi affreschi del XII secolo.
La facciata della chiesa risale al XV secolo, quando fu ricostruita dopo il crollo della precedente. L'interno della chiesa è decorato con alcuni bei affreschi, che furono notevolmente danneggiati durante il periodo in cui Matera si spopolò a causa dello sfollamento dei suoi abitanti.
Un breve filmato qui sotto mostra alcune foto dall'interno della chiesa.

Chiesa di Santa Maria di Idris, coordinate GPS:
40°39’51.0″N 16°36’43.5″E
40.664163, 16.612086 - fare clic e instradare

Matera - Chiesa di Santa Maria di Idris

10. Chiesa di San Pietro Caveoso

La chiesa è anche conosciuta come Chiesa di S. Pietro e Paolo. Risale al XIII secolo, ma nel frattempo è stata più volte ricostruita. Nel XVII secolo furono aggiunti una facciata barocca e un campanile.
Il piazzale antistante la chiesa è anche un ottimo punto panoramico sulla valle del torrente Gravina.

Chiesa di San Pietro Caveoso, Coordinate GPS:
40°39’52.1″N 16°36’44.7″E
40.664462, 16.612414 - fare clic e instradare

11. Cattedrale di Matera (Cattedrale della Madonna della Bruna e Sant'Eustachio)

La Cattedrale di Matera è stata edificata sul punto più alto del colle che separa i due quartieri più antichi di Matera: Sasso Caveoso e Sasso Barisano. Fu costruito nel XIII secolo sul sito di un castello della Normandia che esisteva in precedenza. Affinché un edificio così grande e massiccio fosse costruito in cima alla collina, la base rocciosa doveva essere rinforzata e costruita di circa 6 metri. La cattedrale e la torre adiacente dominano la città.
La forma e l'aspetto esterno dell'edificio sono rimasti pressoché invariati dalla sua costruzione.
L'interno è impressionante e riccamente decorato. In una delle navate si trova una famosissima e interessantissima "tettoia in pietra". Si tratta di un presepe realizzato in pietra dura, alcuni dei quali ricordano frammenti di Matera.

Cattedrale di Matera, Coordinate GPS:
40°40’00.0″N 16°36’39.7″E
40.666679, 16.611015 - fare clic e instradare

Cattedrale di Matera
L'interno della Cattedrale di Matera
12. Ponte Tibetano della Gravina

Insomma, è un ponte sospeso sul torrente Gravina. Collega i due lembi della valle, facilitando l'accesso all'altro versante della gola durante le escursioni da Matera verso le grotte e le chiese preistoriche più antiche. Questa zona è inserita nella lista UNESCO come Parco delle Chiese Rupestri di Matera (in traduzione libera si può dire Parco delle Chiese Rupestri di Matera).

Ponte sospeso sul torrente Gravina, Coordinate GPS:
40°39’56.5″N 16°36’52.9″E
40.665688, 16.614690 - fare clic e instradare

Foto panoramica del ponte sul torrente Gravina (ruotabile e ingrandibile):

13. Chiesa in pietra della Madonna delle Tre Porte

Una delle chiese in pietra sull'altro lato del torrente Gravina. In origine l'interno aveva una forma rettangolare, sorretta da quattro massicci pilastri. Sfortunatamente, parte della superficie della chiesa è crollata.
Sulle pareti sono presenti affreschi realizzati tra il XII e il XVII secolo.

Chiesa in pietra della Madonna delle Tre Porte, Coordinate GPS:
40°39’47.6″N 16°37’01.5″E
40.663229, 16.617092 - fare clic e instradare

14. Chiesa in pietra di San Falcione

La sua origine risale al IX secolo. Sulle pareti sono presenti frammenti di affreschi bizantini, attualmente in pessime condizioni.
Questa chiesa non rientrava nella mappa che avevo preparato. Se ci si sposta in auto dall'altra parte del torrente Gravina, la chiesa si trova proprio accanto alla strada di accesso che vi porterà lungo l'altopiano. Non consiglio di raggiungere a piedi questa chiesa perché è troppo lontana.

Chiesa in pietra di San Falcione, Coordinate GPS:
40°40’01.6″N 16°37’15.3″E
40.667118, 16.620909 - fare clic e instradare

15. Asceterio di Sant'Agnese (Santa Maria dell'Arco)

Per i fan della ricerca, presento le coordinate di una piccola stanza rettangolare della chiesa, a cui conduce un piccolo ingresso nascosto nella roccia.

Chiesa di Sant'Agnese, Coordinate GPS:
40°39’51.7″N 16°36’57.4″E
40.664346, 16.615939 - fare clic e instradare

16. Chiesa della Madonna degli Angeli

Una proposta per gli amanti delle passeggiate fuori dagli itinerari più frequentati. Un sentiero conduce alla chiesa, che ho segnato in blu sulla mappa.
La chiesa ha un unico ambiente diviso in tre parti. La vista dell'interno della chiesa è visibile nella foto panoramica sottostante. La foto può essere ruotata attorno al proprio asse e ingrandita. Gli affreschi visibili nella foto sono stati realizzati in tempi diversi, tra il XII e il XVII secolo.

Chiesa della Madonna degli Angeli, Coordinate GPS:
40°40’11.3″N 16°36’48.0″E
40.669818, 16.613323 - fare clic e instradare

17. Case rotonde sotterranee sull'altopiano della Murgia Timone

Il Villaggio Trincerato di Murgia Timone è un complesso di capanne neolitiche scavate nella roccia. Le capanne sono state scavate come "buchi nel terreno". Ad essi si accedeva l'ingresso principale, da cui si estendono ulteriori ambienti sotterranei.
L'aspetto tipico della grotta a terra si può vedere nella foto panoramica che ho postato sotto.
In prossimità della grotta visibile nella foto è presente un parcheggio per i turisti, dal quale un sentiero campestre conduce alla grotta.
Un altro ingresso si trova nelle immediate vicinanze, in un raggio di circa 600 metri.
La ricerca attuale dice che c'erano solo due ingressi al villaggio sotterraneo.

Ingresso al villaggio sotterraneo, Coordinate GPS:
40°40’23.4″N 16°37’54.9″E
40.673178, 16.631915 - fare clic e instradare

Matera - case rotonde in terra
fonte: www.google.pl/maps
autore della foto: Sergio Palomba
18. Punto di osservazione e punto di partenza dei sentieri

Questo punto è sulla mappa perché è un ottimo punto panoramico, accanto al quale c'è un parcheggio (di solito è difficile trovare un posto ed è necessario verificare la possibilità di parcheggio a causa delle restrizioni della Zona di parcheggio) e, a proposito, è il luogo dove percorsi pedonali che conducono all'altro versante della valle del torrente Gravina. Se avete voglia di camminare, vi basterà recarvi in ​​questo punto e da lì iniziare il vostro trekking verso il ponte sospeso (punto 12) dall'altra parte del torrente o verso la chiesa della Madonna degli Angeli (punto 16).

Parcheggio, punto panoramico e punto di partenza per escursioni, Coordinate GPS:
40°39’59.0″N 16°36’49.3″E
40.666385, 16.613687 - fare clic e instradare

19. Complesso sacro di San Nicola dei Greci e Madonna delle Virtù

Se non avete la forza di andare dall'altra parte del torrente Gravina, ma volete comunque vedere qualcosa di veramente speciale, questa proposta soddisferà il vostro appetito.
Il complesso sacro rupestre è costituito dalla chiesa della Madonna delle Virt kościół, dal monastero della Madonna delle Virtù, dalla chiesa di San Nicola dei Greci e dalla cantina. Tutti gli oggetti sono scolpiti interamente nella roccia e collegati tra loro da stretti cunicoli e ripide scale che alla fine vi condurranno al belvedere. Tutte le parti del complesso furono costruite nello stesso periodo, nel IX secolo d.C. Alcuni lo considerano l'esempio più eccezionale del cosiddetto "Architettura negativa", consistente nel fatto che gli edifici vengono creati asportando il materiale di costruzione, non sovrapponendolo (come quando si erigono muri).
Attualmente la struttura è utilizzata per prestigiose mostre d'arte contemporanea.
Ci sono due parcheggi a poca distanza dal complesso sacro, dove la sosta è consentita secondo le regole del traffico limitato (zona ZTL) in vigore nei Sassi, ma il numero dei posti è talmente esiguo che non vale nemmeno la pena di prendere in considerazione questa soluzione.

Complesso sacro di San Nicola dei Greci e Madonna delle Virtù, Coordinate GPS:
40°40’02.7″N 16°36’45.1″E
40.667424, 16.612518 - fare clic e instradare

Parcheggi e parcheggi a Materze

I parcheggi sono il punto più debole del programma a Mateara. Nella zona del Sasso Caveoso e del Sasso Barisano NON è possibile parcheggiare sia in alta che in bassa stagione. Anche se hai un pernottamento nel centro storico di Matera, non hai diritto a parcheggiare in questa zona.
Quindi, se soggiorni in uno degli hotel di Sasso Caveoso o Sasso Barisano, puoi ovviamente guidare fino alle vicinanze dell'hotel per disfare i bagagli, ma poi devi immediatamente riconsegnare la macchina da qualche parte fuori dal centro storico. Sconsiglio di provare a infrangere questa regola. È garantita una multa elevata.
Il modo più semplice per parcheggiare a Materze è nel quartiere Piano, sulla strada. Prestare attenzione al colore delle linee che delimitano i parcheggi. Le linee bianche rappresentano posti liberi, quelle blu sono posti a pagamento e le linee gialle sono riservate a persone diverse dai turisti.
Di seguito fornisco le coordinate GPS approssimative, vicino alle quali dovrebbe essere più facile trovare parcheggio in strada.

Parcheggio in strada nei pressi del Sasso Barisano (contrassegnato sulla mappa come P1), coordinate GPS:
40°40’13.3″N 16°36’29.8″E
40.670353, 16.608276 - fare clic e instradare

Parcheggio in strada nei pressi del Sasso Caveoso (contrassegnato sulla mappa come P2), coordinate GPS:
40°39’40.8″N 16°36’32.4″E
40.661327, 16.608989 - fare clic e instradare

Matera di Sasso Barisano

Come arrivare a Matera?

Preferisco viaggiare in macchina da solo. Di solito noleggio un'auto da una società di autonoleggio e la ritiro all'arrivo. Matera è stato uno dei miei punti Piano turistico della Puglia (anche se Matera in Puglia non mente, perché si trova all'interno dei confini della Basilicata). Ho ritirato l'auto e l'ho riconsegnata all'aeroporto di Bari.
Se hai intenzione di noleggiare un'auto in Italia, la migliore guida su questo argomento la trovi alla voce Bari e Brindisi: noleggio auto senza carta di credito e cauzione?. Questo post è il risultato di tante esperienze che ho maturato portando a termine varie disavventure ... ma non questa volta! Non fare gli stessi errori. Continuare a leggere!

Tuttavia, se intendi viaggiare in treno, è disponibile un sito web in polacco, grazie al quale è molto semplice troverai collegamenti ferroviari in Italia e potrai acquistare un biglietto online - [clicca] allo stesso prezzo della biglietteria della stazione ferroviaria.

Alloggi a Matera, albergo

La sistemazione a Materze non è delle più economiche, soprattutto nei Sassi. D'altronde, all'imbrunire, quando uno dopo l'altro si accendono uno ad uno e il cielo diventa sempre più cupo, di un azzurro intenso, lo scenario è indescrivibile. Questo stato di transizione tra il giorno e la notte è affascinante. In primo luogo, il sole basso illumina le case di pietra con la sua luce rosso-arancio, dando loro un colore caldo, quasi infuocato. Subito dopo, casa dopo casa, minuto dopo minuto, l'ombra proiettata dalla collina circostante appare sulle parti successive della città, e le traballanti lampade domestiche, illuminando piccoli cortili, iniziano ad accendersi come microscopiche lucciole. Osservare questo processo quando compaiono i primi punti di luce, e poi il loro numero continua ad aumentare, addensarsi e sembrare quasi un riflesso del cielo stellato a terra è estremamente piacevole. Ed è per questo che vale la pena pagare un po 'di più per la stanza. Se non altro per poter osservare questa trasformazione del giorno in notte dal livello dei Sassi, dall'interno di Matera.

Il sole si nasconde lentamente dietro la collina e ti proietta verso la parte bassa della città. La parte alta della città: Civita, è ancora illuminata.
Si accendono le prime luci sulle case. Tra un attimo ce ne saranno uno sciame
... ed è buio
Residenza Fra I Sassi - [click]

Noi facemmo. Abbiamo scelto e prenotato un hotel nel cuore dei Sassi su Booking: Fra I Sassi - [click] (che letteralmente significa Tra i Sassi). Le camere dell'hotel sono grotte e abitazioni tradizionali e originali, rinnovate e ristrutturate in modo piuttosto avant-garde. La disposizione originale è stata conservata e l'intera stanza è una grande e lunga stanza grotta. La vasca fa quindi parte della stanza e non è separata dal resto della stanza. Qualcuno è sdraiato sul letto e qualcuno è sdraiato accanto, facendo il bagno nella vasca. Parliamo liberamente 🙂

Hotel "Fra I Sassi" - vista dall'ingresso in camera. Alla fine, una vasca da bagno ben visibile 🙂
Una vasca da bagno, una doccia a sinistra e una porta del bagno (fortunatamente).
La stessa stanza lato vasca verso l'ingresso della stanza
Ingresso in camera

Potevamo sentire in prima persona com'era vivere e fare tutto in una grande stanza. Un'esperienza molto bella che ci introduce ulteriormente nell'atmosfera della città. L'unica eccezione è la toilette, per la quale è stata creata una piccola stanza separata.
Dopotutto, preferirei non scegliere una vacanza in famiglia con bambini 🙂
... Ma rilassati! Sono disponibili anche camere familiari, allestite secondo le vostre esigenze.
La posizione dell'hotel Fra I Sassi è perfetto e le camere hanno accesso diretto alla terrazza dove è possibile uscire a qualsiasi ora e godersi le bellezze della città. È stato perfetto! Abbiamo passato un po 'di tempo sulla terrazza la sera a bere vino e un po' la mattina, dove abbiamo fatto colazione, per poi crogiolarci al sole (era febbraio), dove la temperatura era sopra i 20 gradi Celsius. Meraviglioso

Vista serale dalla terrazza accanto alla camera d'albergo
Mattina sdraiati in attesa della colazione

Consiglio sinceramente di alzare un po 'il prezzo della camera e di assaggiare Matera dall'interno! I ricordi e le foto saranno unici.

Ovviamente in Matteo tranne Fra I Sassi ci sono molti altri hotel fantastici e perfettamente situati. Di seguito sono riportati alcuni link che renderanno più facile la tua ricerca perché limitano i risultati della tua ricerca ai luoghi situati nei o nelle immediate vicinanze di Sassi. È meglio iniziare la ricerca facendo clic su uno di questi collegamenti e quindi, se necessario, restringere l'ambito della ricerca.
Sotto il link generale, troverai inoltre alcune proposte specifiche che ho selezionato che potrebbero ispirarti.

- dai un'occhiata: Hotel e alloggi a Matera su Booking - [click]

La Dimora di Cesare Casa Vacanze - [click]

Ristoranti Matera, dove mangiare?

Ho lottato a lungo con i miei pensieri se puntare a luoghi specifici. Alla fine, ho optato per una soluzione diversa. A Matera (come ho detto prima) abbiamo mangiato in diversi posti con differenti fasce di prezzo. Dai distributori automatici di monete con panini in scatola di alluminio, ai fast food di strada con pizzette e altre prelibatezze da asporto, ai ristoranti di alta qualità. Ovunque abbiamo trovato era gustoso, ben fatto e ne valeva la pena. Il ristorante con il conto più alto (ristorante "Dedalo - Sensi sommersi") Ha servito cibo preparato secondo gli standard del ristorante da uno scaffale diverso. Anche il piatto il cui nome suonava normale sembrava un'opera d'arte sul piatto e aveva un sapore buono come sembrava. Come si è scoperto più avanti su TripAdvisor, è molto apprezzato dai clienti ed è classificato al 12 ° posto su 300 posti a Mateara: dai un'occhiata Recensioni su "Dedalo" su TripAdvisor - [clic].
Inoltre, era interamente sotterraneo, in grotte ristrutturate con grande gusto e attenzione ai dettagli. Di seguito potete vedere alcune foto dall'interno del ristorante.

Interno del ristorante Dedalo
Interno del ristorante Dedalo
Interno del ristorante Dedalo

Per riassumere: non ti indirizzerò a luoghi specifici. È praticamente certo che non importa dove entri o ti siedi, molto probabilmente mangerai bene. Cerca un posto adatto alle tue tasche e goditi i benefici della cucina italiana!
Per comodità, fornisco un collegamento a ranking del ristorante a Materze - {click]. La classifica tiene conto di diverse tipologie di ristoranti a seconda delle tue preferenze, e ti permette di trovare i migliori ristoranti della zona in base ai tuoi criteri (livello di prezzo, tipo di cibo, consegna, ecc.).
Puoi anche verificarlo velocemente su TripAdvisor quando passi davanti al ristorante che ti interessa prima di entrare (scoprirai le opinioni degli altri, il livello dei prezzi, vedrai foto degli interni e foto dei piatti).

4.9/5 - (347 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Se ti piacciono le mie guide, troverai sicuramente utile quella che ho creato catalogo guide - [clicca]. Lì troverai idee già pronte per i tuoi prossimi viaggi, descrizioni di altre destinazioni turistiche e un elenco alfabetico di guide suddivise per paesi, città, isole e regioni geografiche.

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo è stato appena creato, quindi per ora sta morendo di famea causa della mancanza di follower. È felice di ricevere qualsiasi osservatore che lo nutre con il suo amore.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




23 commenti su "Matera - attrazioni, visite turistiche, mappa, hotel, ristoranti, alloggi, parcheggi. Guida"

  • o
    Collegamento diretto

    Molto interessante e utile per esplorare Matera. altrimenti stimolante. Spero che il viaggio in Puglia non completato nel 2020 avvenga quest'anno e visiteremo Matera e non per un giorno. Cordiali saluti e grazie per l'articolo che ci aiuterà a esplorare questa meravigliosa città. Grażyna.

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Incrocio le dita per la buona riuscita del viaggio! Ti auguro tante belle esperienze!

      rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Viviamo solo in una delle "grotte". Grazie per l'ottima guida! Vedo un piano per 3, non una visita, ma questa città è fantastica e sto già programmando di tornarci

      rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Siamo appena tornati con la mia famiglia da un viaggio a Matera. Un viaggio meraviglioso grazie alla tua guida in questa meravigliosa città. Abbiamo seguito tutti i tuoi consigli, dal parcheggio all'ordine delle visite turistiche, passo dopo passo. I collegamenti a Google Maps sono fantastici, ottima idea. Grazie al Signore, siamo stati benissimo. Grazie mille. Vado in osservazione su insta.

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Articolo molto interessante, perfetto per visitare Matera, versatile ed estremamente utile - consiglio vivamente e grazie P. Jacek!!!
    Eccellente!!!

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Descrizione molto interessante! Torneremo a Matera al tramonto! Saluti Ela e Piotrek sulla via del ritorno a Bari

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Un articolo molto utile per esplorare Matera. I collegamenti a Google Maps per ciascuna delle attrazioni fanno il lavoro.

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Quando sono venuta a Matera e ho visto i Sassi attraverso il belvedere dei Tre Archi, sono rimasta letteralmente a bocca aperta. Ora consiglio a tutti di andarci :).

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Sig. Jacek, grande rispetto per una guida così fantastica. Siamo dopo aver visitato Bari, Ostuni, Lecce, Polignano, Aberobello e Monopoli in auto. Molte grazie per aver indicato i parcheggi e per gli ottimi consigli! Tutto è tornato utile e mi ha fatto risparmiare tempo.
    Domani tocca a Matere (guida letta!) e qui ho una domanda. Ci rivelerà da quale luogo è stata scattata la foto sotto la parte dell'articolo "Disgrazia nazionale" firmato "Matera - Sassi (anno 2020)"?

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Ho dovuto pensare per un momento. Ho scattato la foto da qualche parte tra i punti 10 e 11 sulla mappa.

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Perfetto! Wir waren 3 Tage in Matera heuer im Oktober. Relativ ohne viel Planung nach der Methode "Matera musst du dir durch viele zu Fuß Kilometer erarbeiten". Mit der Zeit setzt sich diese wunderbare City zu einem sehr komplexen Gesamten zusammen.
    Wieder zu Hause – riflesso ich unsere Sizilien u. Wir werden wiederkommen und dann Matera und Umgebung viel bewusster erleben können und ganz bewusst viel Fehlendes vertiefen können!
    Ausserdem denke ich, dass ihr Blog uns bei anderen Reisen sicher sehr hilfreich sein wird, weil sie viele Details veröffentlichen, die in keinem Reiseführer stehen.
    Ein Tipp in eigener Sache und für den Austausch: Staunend Reisen auf https://findpenguins.com/ – il Reiseblog meiner Frau

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Guide davvero fantastiche. Grazie mille. Adoro le tue mappe con i punti salienti contrassegnati su di esse. Questi sono ottimi punti di partenza per il nostro viaggio.
    Sono molto riconoscente.
    Robert
    IG robert_416 il mio viaggio inizia il 16 maggio 3023 e posterò delle foto.

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Hola, estupenda guía de Matera, gracias mil. Estaré por alli a fines de octubre. No me queda claro donde estacionar el auto, pensando en el hotel. Tu paraste en el Frai Sassi. Donde dejabas el auto?
    Grazie! Saluti, Davide

    rispondere

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *