Leuca - attrazioni, visite turistiche, mappa, hotel, alloggi. Guida.

Leuca - vista sul Mar Ionio

Perché andare così lontano?

Santa Maria di Leuca, in breve Leuca qui è dove finisce la terra. È la parte più meridionale del tacco italiano, i.e. la penisola salentina. C'è solo acqua oltre.

Leuca - posizione sulla mappa d'Italia

Leuca è piena di attrazioni turistiche insolite? Piuttosto no, anche se in realtà tutto dipende dalle preferenze personali del viaggiatore, perché la mancanza di monumenti spettacolari non significa che sarà noioso o poco interessante.
Stavamo andando a Leuca principalmente per fermarci in fondo al paese. Mi piace questa sensazione quando arrivo da qualche parte dove è impossibile andare oltre, dov'è la fine, o forse l'inizio di qualcosa ... ore. Eravamo semplicemente seduti sulla roccia, proprio all'estremità della roccia, l'aria calda ci soffiava, riscaldava il sole (era febbraio, quindi 22 gradi Celsius, il sole e il vento caldo hanno agito su di noi come una medicina per l'oscurità invernale polacca). Abbiamo mangiato le piacevoli circostanze con la colazione acquistata in un negozio vicino. Focacce fresche e croccanti alle olive, con diversi tipi di formaggio, tagliate a fettine sottili, arrotolate nella carta ... Il proprietario di un piccolo droghiere locale si è offerto di tagliarci una sottile sfoglia di formaggio da pochi grandi cerchi, in modo che potessimo provare quelli che apprezza di più .
E così ci siamo seduti a mangiare. Lunghi minuti senza una sola parola. I sapori si sciolsero in bocca e le nostre teste non erano occupate da nessun pensiero ... Pigro, il tempo italiano probabilmente si è fermato anche per un momento ...
Ecco perché siamo andati alla fine del paese ... per fermarci. Ma per non essere che a Leuca non ci sia altro che un negozio di alimentari e un pezzo di roccia! Non solo qualcosa finisce qui, è anche dove qualcosa inizia!

Sul bordo della roccia - Promontorio di Punta Ristola, Leuca
1. L'inizio del cammino di S. Peter

Non vi è certezza sulla data esatta, ma come fanno le fonti storiche di S. Pietro (allora l'apostolo Pietro) venne dalla Palestina a Roma nella prima metà del I secolo d.C. (si presume fosse il 33 d.C.).
È arrivato dalla Palestina alla terraferma dal mare e, dopo lo sbarco, ha fatto i primi passi a Leuca. Qui ha fatto la sua prima preghiera e poi si è avviato verso Roma.
Come annunciato da Gesù Cristo, fondò una Chiesa cattolica a Roma e divenne il primo Vescovo di Roma, cioè il Papa.
Nella piazza antistante la Basilica di Leuca si trova una colonna corinzia che ricorda l'arrivo di S. Pietro e il luogo della prima preghiera. Inizia così il processo di cristianizzazione dell'Italia.

2. Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae

La basilica fu costruita nel 1755. I templi preesistenti qui furono rasi al suolo più volte per vari motivi (intorno al 340 d.C., per costruire un nuovo tempio cristiano, poi a causa delle ripetute invasioni di Saraceni e Turchi). È stato ricostruito ogni volta. Nello stesso luogo sorgeva in origine un tempio pagano dedicato al culto di Minerva. Ciò è confermato dall'iscrizione in latino conservata in modo inequivocabile sull'altare:
"Ubi olim Minervae Sacrificia offerebantur hodie oblationes Deiparae recipiuntur"

che in una traduzione un po 'goffa significa:
"Qui, dove un tempo si facevano offerte e doni a Minerva, oggi le offerte vengono ricevute da Maria"

Sotto: foto panoramica scattata nella piazza antistante la Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae. Al centro della piazza si trova un obelisco che commemora la prima preghiera dell'apostolo Pietro, sulla destra un faro. Puoi ingrandire la foto e ruotarla attorno al suo asse.

3. Il confine di due mari

All'altezza di Leuca si incontrano le acque di due mari: l'Adriatico e lo Ionio. Con un po 'di fortuna, in condizioni favorevoli, stando nel punto più meridionale del territorio, potrete osservare il confine dove si fondono le acque di due mari. Differiscono leggermente nel colore e quando riesci a notare il bordo, diventerà chiaramente visibile per te. L'attuale differenza di colore è il risultato dell'incontro di due correnti marine: il Golfo di Taranto e il Canale d'Otranto.
Si prega di notare la foto sotto. Mostra chiaramente che le onde sul lato sinistro della foto scorrono verso destra e le onde sul lato destro scorrono verso sinistra. Si incontrano e si mescolano al centro, dove il sole splende attraverso la foto. Qui era il confine della separazione delle acque di due mari. Qui ci siamo seduti a guardare e mangiare la nostra colazione dall'inizio dell'ingresso.
Le coordinate GPS per aiutarti a raggiungere questo luogo sono posizionate in fondo al post.

Il confine di due mari. Le acque del Mar Adriatico e del Mar Ionio si mescolano qui.
4. Il faro

Ho letto di lei ovunque: bellissima. Hmmm ... cosa posso dire? Bello è decisamente una parola troppo grande. Una bella lanterna semplice. Preparare, beh, qualcosa di bello e le tue ginocchia si ammorbidiranno finiranno per deludere.
Dai dati statistici aggiungo solo che è in funzione dal 1866, emette tre fasci di luce visibili da 40 km, e fino al 1937, prima che fosse commutata all'energia elettrica, era alimentata a olio.

Vista della collina con il faro, la basilica e la fine dell'acquedotto pugliese
5. La fine dell'acquedotto più lungo

La Puglia è sempre stata considerata una terra estremamente arida. La scarsità d'acqua (praticamente nessun serbatoio d'acqua dolce naturale), le alte temperature e un'enorme quantità di sole tutto l'anno creano condizioni in cui è difficile immaginare il funzionamento di qualsiasi vegetazione. Da questo punto di vista, gli ulivi (alcuni hanno più di 2000 anni) che crescono qui sono davvero sorprendenti. Ma l'uomo non è un ulivo e ha bisogno di un accesso costante all'acqua.
Il cambiamento radicale è avvenuto all'inizio del XX secolo. Si si! È stato solo il 2000 ° secolo a portare sollievo a questa terra arsa dal sole. Già nel I secolo aC, Orazio, originario dell'Italia meridionale, scrisse su questa terra che il bisogno di acqua aveva all'incirca le dimensioni di "una sete che raggiunge le stelle". Non sapeva che l'acqua in Puglia avrebbe dovuto aspettare quasi XNUMX anni.
Nel 1906 iniziò uno dei più grandi progetti di costruzione al mondo di inizio Novecento: l'Acquedotto Pugliese.
Il piano era quello di ottenere l'acqua dal fiume Sele e trasportarla e distribuirla attraverso acquedotti in tutta la Puglia. Il fiume Sele si trova sul versante occidentale dell'Appennino, quindi la sezione iniziale dell'acquedotto doveva passare attraverso un tunnel di 15 km, consentendo il trasporto dell'acqua dall'altra parte della catena montuosa, e quindi attraverso un sistema di condotte (per un totale di 1600 km di condotte) verso paesi e città in tutta la Puglia.
Il tutto doveva essere pronto nel 1916, cosa molto probabile perché lo stesso Mussolini era molto coinvolto nel progetto. Sfortunatamente, il coinvolgimento dell'Italia nella prima guerra mondiale causò un notevole ritardo nella costruzione e il progetto fu finalmente completato nel 1939 (sebbene l'acqua dolce fosse già arrivata a Bari nel 1915).
Mussolini era orgoglioso della sua corporatura. Così ha ordinato ai costruttori di progettare e realizzare una conclusione efficace dell'acquedotto, in modo che diventasse anche un edificio spettacolare che commemora questo progetto. L'acquedotto termina a Lecce, accanto alla Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae e alla piazza che ricorda l'arrivo di S. Peter. L'estremità dell'acquedotto ha la forma di un'enorme cascata che scorre nel mare. In fondo alla cascata è stata posta una colonna commemorativa in pietra, che Mussolini aveva portato direttamente da Roma. L'acqua non scorre continuamente attraverso la cascata. Si accende solo quando c'è una tale esigenza tecnica o in occasione di qualche evento speciale.
L'Acquedotto Pugliese è lungo attualmente 2189 km (rami compresi), attraversa 99 gallerie e 91 ponti, fornisce acqua a oltre 4 milioni di persone in 285 città, paesi e paesi di tutta la Puglia.

L'attuale rete dell'Acquedotto Pugliese, situata nell'acqua di un paese della Puglia. È iniziato in rosso.
fonte: Wikipedia

Leuca - mappa della città e delle attrazioni

Visitare Leuca è banale e non faticoso. Praticamente tutte le attrazioni sopra menzionate si trovano in un unico luogo. Basta fare un po 'di sforzo per raggiungere il promontorio di Punta Ristola, che è il pezzo più meridionale del tacco italiano, e allo stesso tempo il punto migliore per osservare il fenomeno della fusione delle acque di due mari.
La posizione di tutte le attrazioni sopra descritte può essere trovata sulla mappa sottostante.

Posizione delle attrazioni sopra descritte sulla mappa di Leuca.
base della mappa:
OpenStreetMap

Alloggi e hotel a Leuca

Innanzitutto, un collegamento generale. Questo è il link a tutte le offerte della città di Leuca.
- Leuca - alloggi e hotel su booking.com - [clic]

Di seguito vi presento alcune offerte selezionate che potrebbero interessarvi. Qui troverai un esempio di offerta economica tipica, economica, ma anche più comoda, ad un prezzo interessante offerta di casa vacanza. Vale la pena dare un'occhiata.

Casavacanze Antonio - [click]
casa vacanze con una superficie di 70m2 per un massimo di 4 persone
Casa Tipica - [clic]
casa vacanze per un massimo di 6 persone, 110 m2

Coordinate GPS utili

Parcheggio sulla strada accanto alla Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae, Coordinate GPS:
39°47’48.5″N 18°22’05.0″E
39.796808, 18.368065 - fare clic e instradare
Devi cercare un posto per strada mentre viaggi verso la posizione che ti ho dato. Ci sono parcheggi lungo la strada.

Parcheggio in strada sul promontorio di Punta Ristola, Coordinate GPS:
39°47’28.8″N 18°20’41.6″E
39.791328, 18.344897 - fare clic e instradare

Ampio parcheggio al porto degli yacht, Coordinate GPS:
39°47’48.7″N 18°21’33.2″E
39.796871, 18.359227 - fare clic e instradare

4.8/5 - (91 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Se ti piacciono le mie guide, troverai sicuramente utile quella che ho creato catalogo guide - [clicca]. Lì troverai idee già pronte per i tuoi prossimi viaggi, descrizioni di altre destinazioni turistiche e un elenco alfabetico di guide suddivise per paesi, città, isole e regioni geografiche.

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo è stato appena creato, quindi per ora sta morendo di famea causa della mancanza di follower. È felice di ricevere qualsiasi osservatore che lo nutre con il suo amore.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *