Joan Miro, Maiorca e la storia iniziata nell'anno 2010 nei Paesi Bassi.

Il mio primo incontro con Jo Miro si è svolto nell'anno 2010 di Amsterdam. È successo nel Rijksmuseum ed è stato un evento accidentale. A volte accadono cose importanti per caso.

Stavamo tornando dalle vacanze e sulla nostra strada apparve Amsterdam, e in esso un fantastico museo d'arte: il Rijksmuseum. Non puoi mancarlo. Oh no! Soprattutto da quando abbiamo già acquistato i biglietti online e li avevamo in tasca!

Il museo e la sua fantastica collezione ci hanno dato molto divertimento, ma per caso è stato allora che è nata una piccola mostra temporanea dal titolo Miró: The Dutch Interiors. Consisteva di 5 dipinti. Due dipinti del XVII secolo di pittori olandesi (Hendrick Sorgh "Liutista" Jan Steen "I bambini insegnano a ballare al gatto") e le due immagini che erano un'interpretazione surreale delle prime due. Il quinto dipinto era una combinazione surreale delle prime due immagini in un dipinto (titoli: "Dutch Interior I", "Dutch Interior II" e "Dutch Interior III" rispettivamente). L'autore delle versioni surreali era Joan Miro.

Un piccolo scherzo e continueremmo, perché il surrealismo non era la nostra direzione preferita, ma appena fuori dalla porta qualcosa ci fece fermare. Torniamo al turn e ci siamo trovati faccia a faccia con questa combinazione: a sinistra l'originale del secolo 17, a destra un'interpretazione surreale. Prima apparve un sorriso. Asia e Asia si guardarono e si chiesero: riesci a vederlo? La distorsione sfacciatamente divertente con il surrealismo aveva un senso. Lo scherzo del pittore è diventato leggibile e abbiamo gracchiato rumorosamente scoprendo di più. Il dipinto era pieno di ironia e la distanza con cui il surrealista trattava il classico, scherzando leggermente di forma e contenuto, ci fece incatenare a questi dipinti per diverse decine di minuti. È stato difficile staccarsi. Abbiamo ancora notato qualcosa di nuovo. Abbiamo capito questo codice! È stato FANTASTICO!
Queste immagini 5 hanno fatto rimanere Joan Miro per sempre con noi. Ogni volta che c'è la possibilità di vedere il suo lavoro, noi siamo lì. Sfortunatamente, la mostra, grazie alla quale è iniziata la nostra avventura, è andata a New York poco dopo e non è più disponibile. Peccato.
Sebbene le piccole immagini sullo schermo non possano sostituire la visualizzazione degli originali, ho trovato le opere che la mostra consisteva e ho deciso di metterle qui (vale la pena fare clic e vedere la vista ingrandita). Forse qualcuno ne trarrà beneficio, forse troveranno il modo di sentirsi e giocare con il surrealismo.

1 set:
Hendrick Sorgh "Lutnista"
Joan Miro "Dutch Interior I"

Hendrick Sorgh "The Lute Player" e Joan Miro "The Dutch Interior I"

Suggerisco di iniziare a guardare dall'angolo in basso a sinistra dove si trova il cane. Vale la pena confrontare il volto del cane sull'originale e sull'interpretazione di J. Miro. 😀

2 set:
Jan Steen "I bambini insegnano a un gatto a ballare"
Joan Miro "The Dutch Interior II"

Jan Steen "I bambini insegnano a ballare a un gatto" e Joan Miro "Dutch Interior II"

Combinazione di 1 e 2:

Joan Miro interno olandese III

La mia avventura con il lavoro di Miro va avanti dal 2010 e in quel periodo ho potuto vedere molte (diverse centinaia) delle sue opere. Mi piacciono e posso guardarli all'infinito, ma sono rimasto molto colpito dal suo studio, dove ha lavorato negli ultimi decenni della sua vita. Lo studio e la casa in cui è morto si trovano a Maiorca. Se ci sei, assicurati di visitare questo posto. In un posto avrai l'opportunità di vedere una galleria di diverse dozzine delle sue opere, uno studio conservato al 100% e la casa in cui visse fino alla sua morte. Sembra che Joan Miro se ne sia andato per un momento e stia per tornare. Macchie di vernice sul pavimento, attrezzi e spazzole messi da parte per un po ', abiti da lavoro, appesi allo schienale di una sedia… Non credo che ti possa avvicinare.

Interno dello studio di Joan Miro, Palma di Maiorca
Interno dello studio di Joan Miro, Palma di Maiorca
L'officina di Joan Miro dall'esterno, Palma di Maiorca

La galleria delle opere di Joan Miro è ben progettata. Le forme moderne e geometriche di stanze con pareti inclinate, in cui l'architetto evitava chiaramente gli angoli retti, corrispondono perfettamente al contenuto surreale dei dipinti. Un film che dura diversi minuti, che può essere visto in studio, vale la pena guardarlo prima di approfondire. Quindi, dopo essere entrati nello studio, la pelle d'oca è garantita.

Museo Joan Miro, Palma di Maiorca
Museo Joan Miro, Palma di Maiorca
Museo Joan Miro, Palma di Maiorca

Quando si guarda la casa, è difficile non notare gli schizzi che Miro ha disegnato sulle pareti delle stanze, come in un taccuino. Anche sui muri della cucina si vedono i suoi "appunti".

Casa di abitazione di Joana Miro, Palma di Maiorca
L'interno di una delle stanze della casa di Joan Miro, Palma di Maiorca
Cucina nella casa di Joana Miro, Palma di Maiorca

Ci vorrebbe molto tempo per scrivere. Un posto insolito. Non trascurare! ... E quando torni, condividi le tue impressioni di seguito. Nei commenti.

link utili
Parcheggio al Museo del Miro:
- GPS (39.555241, 2.610271) o (39 ° 33'18.9 ″ N 2 ° 36'37.0 ″ E)
- link su google maps: CLICK

Sito del museo: Fundació Miró Mallorca

4.9/5 - (60 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Se ti piacciono le mie guide, troverai sicuramente utile quella che ho creato catalogo guide - [clicca]. Lì troverai idee già pronte per i tuoi prossimi viaggi, descrizioni di altre destinazioni turistiche e un elenco alfabetico di guide suddivise per paesi, città, isole e regioni geografiche.

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo è stato appena creato, quindi per ora sta morendo di famea causa della mancanza di follower. È felice di ricevere qualsiasi osservatore che lo nutre con il suo amore.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




Un commento su “Joan Miro, Maiorca e la storia iniziata nell'anno 2010 nei Paesi Bassi."

  • o
    Collegamento diretto

    Capisco perfettamente l'ammirazione per l'arte di Miró :), perché per me è stato amore a prima vista quando nel 2010 sono venuto per la prima volta alla Fundació Joan Miró di Barcellona. Da allora, visitare l'Istituto è un "must have" durante ogni soggiorno a Barcellona.
    Stiamo programmando di visitare la Fundació Miró Mallorca a maggio e non vedo l'ora! 🙂

    rispondere

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *