Tomar – indicazioni stradali, mappa, parcheggio, visite turistiche, fatti interessanti, alloggio

Monastero dell'Ordine di Cristo (Convento de Cristo), Tomar

Città dei Templari

La storia della città Tomar è iniziato all'improvviso ed è stato associato ad esso fin dal primo momento L'Ordine dei Poveri Cavalieri di Cristo e il Tempio di Salomone (abbreviato come Templari). E come spesso accade con i Templari, questa storia contiene molti segreti, leggende e superstizioni che rimangono irrisolti fino ad oggi. Tuttavia, ciò che affascina di Tomar non è solo ciò che è sconosciuto, ma anche ciò che sappiamo con certezza. Cominciamo quindi con alcuni fatti interessanti.

Gualdim Pais

La creazione di Tomar è stata decisa da un uomo: Gualdim Pais. Era il figlio di un nobile e cavaliere portoghese che viveva a Braga. Scelse anche la strada che lo collegava al cavalierato. Per la dedizione che mostrò in battaglia, fondatore del Portogallo e suo primo re Alfonso I il Conquistatore gli diede il titolo di cavaliere nel 1139.
Non molto tempo dopo, Gualdim Pais andò in Palestina e combatté come cavaliere dell'ordine dei Templari. La sua carriera nell'ordine si sviluppò così rapidamente che nel 1157 fu ordinato sacerdote portoghese. Gran Maestro dell'Ordine. A quel tempo, la capitale dell'ordine in Portogallo era Braga. Tre anni dopo (nel 1160), per ordine del nuovo Gran Maestro dell'Ordine, Gualdimo Pais, fu costruito il castello di Tomar. La sede dell'ordine fu trasferita a Tomar e così iniziò la storia della città e dell'ordine.

Monastero dell'Ordine di Cristo, Tomar

Nuova apertura

La storia dell'ordine dei Templari in Europa si è conclusa in una notte (ne ho parlato più approfonditamente in Piano turistico del Portogallo – [clicca]). Il re di Francia ha fatto sì che ciò accadesse Filippo il Bello. Prese in prestito ingenti somme di denaro dai Templari e poi non fu in grado di ripagarle. I Templari divennero molto scomodi per lui. Non riusciva a liberarsi del debito, quindi si è sbarazzato del creditore e, dal suo punto di vista, il problema del debito è scomparso.

La fine dell'ordine dei Templari in Europa (1314) divenne il nuovo inizio dell'ordine in Portogallo. Quattro anni dopo la caduta, il re del Portogallo rimase fedele all'ordine Dionisio I riportò in vita i Templari (1318) sotto un nuovo nome: Ordine dei Cavalieri di Cristo. Gli estesi possedimenti templari sparsi nella penisola iberica divennero parte del nuovo ordine e l'anno successivo (1319), sotto la pressione del re del Portogallo, papa Giovanni XXII istituì e legalizzò ufficialmente il nuovo Ordine di Cristo. Il Portogallo divenne un porto sicuro e i monaci sparsi per l'Europa che erano riusciti a sopravvivere alla caccia di Filippo il Bello iniziarono ad arrivare in Portogallo e a Tomar.
Iniziò la vera fioritura dell'ordine, che guarda caso e fortunatamente per i Templari coincise con l'epoca delle grandi scoperte geografiche e delle conquiste di nuove terre. Il castello e il monastero di Tomar furono successivamente ampliati e decorati. Le risorse e le opportunità non sono mancate. La fortuna favorì i Cavalieri di Cristo in Portogallo, e Gran Maestri dell'Ordine spesso soggiornavano le persone più importanti dello stato:
- Enrico il Navigatore – uno dei più grandi esploratori, considerato il principale iniziatore dell’Era delle Scoperte e dello sviluppo dell’Impero portoghese
- Manuele I il Fortunatoy – re del Portogallo nel periodo di forte sviluppo ed espansione oltreoceano dell’Impero portoghese (finanziò, tra gli altri, le spedizioni di Vasco da Gama, Pedro Alvarez Cabral, Gaspar Corte-Real, Francisco de Almeida e Alfonso de Albuquerque). A lui prende il nome il caratteristico stile costruttivo e decorativo Stile manuelino, di cui un perfetto esempio è il monastero di Tomar
- Giovanni III il Pio – re del Portogallo e figlio di Manuele I il Felice, dedito all'espansione del potere coloniale del Portogallo, colonizzò, tra gli altri, Brasile e paesi dell'Estremo Oriente

Tomar divenne il luogo in cui furono prese le decisioni più importanti dell'impero portoghese. Qui ebbero luogo anche le incoronazioni dei re portoghesi.
Anche a Tomar ebbe luogo uno degli eventi più significativi della storia portoghese. Nel 1581, la nobiltà portoghese nell'assemblea tenutasi nel monastero di Tomar decise di... riconoscere il potere e la sovranità del re spagnolo Filippo II. Il Portogallo come stato indipendente cessò di esistere e passò sotto la sovranità della Spagna. La riconquista dell’indipendenza costò al Portogallo molto tempo e sangue. I portoghesi dovettero aspettare 59 anni (fino al 1640) per dichiarare nuovamente l'indipendenza del loro paese, e poi combattere un'altra guerra di 28 anni con gli spagnoli, che riconobbero l'indipendenza del Portogallo solo in base al trattato firmato a Lisbona nel 1668.

Qui probabilmente hai una domanda: i Cavalieri dell'Ordine di Cristo sono sopravvissuti alla supervisione dello stato spagnolo, che non era necessariamente amichevole con loro? SÌ! Sono sopravvissuti. Va ricordato che erano già un'organizzazione legale, legalizzata dal Papa.

Decorazione sul muro della chiesa a forma di cintura con una fibbia gigante che collega le pareti dell'edificio.

L'ordine esiste ancora?

Esiste ancora l'ordine dei Templari di Tomar, di cui ho brevemente descritto la storia? Ti stai facendo questa domanda?
Mi sono posto anch'io questa domanda e ho scoperto che il resto della storia è comunque estremamente interessante, perché l'ordine esiste ancora, ma il suo Gran Maestro è... il presidente del Portogallo!
Dopo molte trasformazioni, secolarizzazione forzata, cambiamenti nei nomi e nelle forme di funzionamento, l'ordine si chiama ora: Ordine Militare di Cristo (Ordem Militar de Cristo). È stato trasformato in uno dei premi statali più prestigiosi del Portogallo, assegnato solo a personalità eccezionali. I Cavalieri dell'Ordine di Cristo includono: Elisabetta II (la Regina di Gran Bretagna è recentemente morta), Napoleone Bonaparte (non c'è bisogno di cambiare), Guangxu (penultimo imperatore della Cina), Jacques Chirac (Presidente della Francia). Ci sono anche polacchi che sono cavalieri dell'ordine (21 persone in totale). Tra i primi polacchi a ricevere questo onore nel 1931 fu l'anno Jozef Beck.

Ingresso riccamente decorato alla chiesa del Monastero dei Cavalieri di Cristo, Tomar

Gli emozionanti segreti di Tomar

I segreti dei Templari di Tomar risvegliano ancora oggi gli animi degli storici, dei turisti e, soprattutto, dei cacciatori di tesori. I mitici tesori dei Templari hanno ispirato molte storie, leggende, libri e film. Ciò non sorprende. Basta ripensare al momento in cui l'ordine favolosamente ricco fu improvvisamente liquidato a causa delle azioni del re di Francia. Allora cosa succede alla proprietà e alla ricchezza dei monaci liquidati? È molto probabile che vengano raggiunti e sequestrati con discrezione dalle autorità dei paesi in cui li avevano i monaci. Ebbene sì, ma alcuni monaci riescono a sopravvivere e a raggiungere un asilo sicuro in Portogallo e Tomar. Quando scappano, probabilmente portano con sé ciò che ha più valore. Quindi le persone e i loro oggetti di valore affluiscono a Tomar. Il monastero è fiorente, si sviluppa sotto la supervisione e il sostegno delle persone più importanti dello stato, accumulando ed espandendo la sua ricchezza.
Quindi il tesoro dei Templari esiste davvero e non è stato ancora ritrovato? Si trova a Tomar? Qui la fantasia suggerisce diversi scenari e trova terreno favorevole. Il castello e il monastero di Tomar sono pieni di stanze nascoste, corridoi sotterranei, vicoli ciechi e passaggi segreti. Di tanto in tanto compaiono nuove scoperte e gran parte della struttura è chiusa e semplicemente inaccessibile a chiunque (inclusa la Cappella monastica, la Biblioteca monastica, i quartieri monastici privati ​​e un serbatoio d'acqua sotterraneo).
Uno dei passaggi segreti più interessanti è il corridoio che collega il castello con il fiume Nabao, che fungeva da via di fuga dal pericolo o da via di trasporto segreta per i rifornimenti durante un assedio. Quasi tutti i corridoi sotterranei segreti sono inaccessibili ai visitatori e uno dei motivi ufficiali è... la possibilità di perdersi al loro interno. Sorge allora la domanda: in quanti di essi ci si può perdere?

Tomar, Portogallo

Senza dubbio, Tomar ci nasconde un numero enorme di segreti, e molti di loro rimangono da scoprire fino ad oggi. Una delle curiosità ampiamente disponibili e ancora inspiegabili è Cortile delle parole. Parole e massime sono scolpite sulle lastre di pietra del cortile. Alcuni, sebbene decifrabili, rimangono di difficile comprensione, il che significa che il loro significato non è stato spiegato fino ad oggi.
Probabilmente godremo delle nuove scoperte a Tomar per molto tempo, e le visite turistiche avranno ancora quella nota di eccitazione che ci sono ancora segreti straordinari in agguato sotto i nostri piedi. È sicuramente bello leggere i segreti appena scoperti, sapendo che eravamo così vicini a loro.

Interno del Monastero dei Cavalieri di Cristo, Tomar

Visitare Tomar

La maggior parte delle persone che vengono a Tomar si concentrano principalmente sul monastero dei Templari. Vale però la pena guardare oltre il monastero e vedere almeno una piccola parte della città. Tanto più che le zone più interessanti della cittadina di Tomas si trovano a pochi passi dal monastero.
Dai un'occhiata alla mappa che ho preparato. Lì troverai l'ubicazione del parcheggio e le attrazioni più importanti. Il parcheggio che vi propongo si trova esattamente tra la parte più interessante della città ed il convento dei Templari. Basta una breve passeggiata per vedere tutto in una volta.

Tomar – una mappa dei luoghi interessanti della città

Parcheggio sotterraneo proprio accanto alla piazza del mercato, nella parte storica di Tomar, Coordinate GPS:
39°36’14.2″N 8°24’56.4″W
39.603948, -8.415675 - fare clic e instradare
da questo parcheggio è molto vicino al monastero dell'Ordine di Cristo, quindi puoi arrivarci a piedi.

Un piccolo parcheggio davanti al monastero dell'Ordine di Cristo, Coordinate GPS:
39°36’14.3″N 8°25’02.2″W
39.603976, -8.417276 - fare clic e instradare

1. Municipio di Tomar

L'edificio del municipio, costruito nel XVII secolo, è senza dubbio la decorazione della piazza del mercato, dominata dal monumento di Gualdim Pais, fondatore della città e primo Gran Maestro dell'Ordine di Cristo a Tomar.

Municipio di Tomar, Portogallo
foto: Filipefirix sui principi CC BY-SA 3.0

Parcheggio sotterraneo proprio accanto al municipio e alla piazza del mercato, nella parte storica di Tomar, coordinate GPS:
39°36’14.2″N 8°24’56.4″W
39.603948, -8.415675 - fare clic e instradare

2. Chiesa di San Giovanni Battista (Sao Joao Baptista)

Arredata in stile manuelino, risalente al XV secolo, bella chiesa con annesso campanile.

Chiesa di San Giovanni Battista, Tomar
foto: Ingo Mehling sui principi CC BY-SA 3.0
3. Monastero dell'Ordine di Cristo (Convento de Cristo)

L'attrazione principale è Tomar e il personaggio principale di questo post. L'intera voce riguarda lui, quindi a questo punto non sono necessarie ulteriori informazioni.

4. Chiesa di Santa Maria dos Olival
Chiesa di Santa Maria dos Olivais, Tomar
foto: José Luis Filpo Cabana sulle regole CC BY-SA 4.0

Un punto turistico per i particolarmente curiosi. Questa chiesa, costruita nel XII secolo, ospita la tomba e le spoglie di Gualdimo Pais, fondatore della chiesa, fondatore della città e primo Gran Maestro dell'Ordine dei Cavalieri di Cristo.
Tuttavia, Gualdim Pais non fu l'unico Templare sepolto qui, perché la chiesa servì per molto tempo come pantheon dei Maestri dell'Ordine. Anche altri Grandi Maestri trovarono lì la loro dimora.

Fatto interessante:
Dopo la liquidazione dell'Ordine dei Templari nel 1314, fu questa modesta chiesa (e non il monastero Convento de Cristo) la sede ufficiale del nuovo Ordine di Cristo.

Parcheggio presso la chiesa di Santa Maria do Olival, coordinate GPS:
39°36’04.8″N 8°24’30.4″W
39.601336, -8.408436 - fare clic e instradare

Pianta del monastero dell'Ordine di Cristo a Tomar

Di seguito ho incluso una mappa del castello e del monastero di Tomar, evidenziando le sue parti più importanti. La struttura è grande, quindi qualche istante dedicato a questa mappa vi aiuterà a trovare più facilmente le parti più interessanti che dovete assolutamente vedere.

Pianta del Monastero dei Templari a Tomar
10. Charola (chiesa rotonda dei Templari)
Veduta dell'interno della Chiesa Rotonda (Charola) dalla navata manuelina, Monastero dei Templari a Tomar

La cosiddetta Chiesa Rotonda (edificata nel XII secolo) ha all'esterno la forma di un poligono regolare di sedici lati. L'interno presenta una struttura ottagonale in posizione centrale, collegata alla struttura esagonale esterna tramite volte ad arco.
La struttura della chiesa è modellata Basilica del Santo Sepolcro e Cupola della Roccia a Gerusalemme.
La forma della Charola e delle altre parti della chiesa ad essa adiacenti sono perfettamente illustrate nel disegno sottostante.

Charola (cioè Chiesa Rotonda) e la navata manuelina nel Monastero dei Templari - pianta della stanza, Tomar
foto: Gorivero ai termini CC BY-SA 3.0
11. Navata manuelina della chiesa

La navata aggiunta alla Chiesa Rotonda nella prima metà del XV secolo, quando Enrico il Navigatore era Gran Maestro dell'Ordine, è un perfetto esempio di stile manuelino, connubio tra tardo gotico e rinascimentale, con caratteri caratteristici, molto ricchi decorazioni contenenti elementi naturali e marittimi.

12. Finestra manuelina
Parete della chiesa con finestra manuelina riccamente decorata. La croce templare, Tomar, è visibile sopra il bordo superiore della finestra

La finestra è circondata da decorazioni manueline di grande effetto. Qui sono ben visibili elementi legati al mare. I lavori per decorare solo questa finestra sono durati tre anni. Il volto umano nella parte inferiore della finestra rappresenta probabilmente l'autore delle decorazioni, Diogo de Arruda.
Nella parte superiore della finestra è presente una croce, simbolo dell'Ordine di Cristo. La forma della croce è strettamente legata alla forma di Charola, cioè della Chiesa Rotonda. I bracci della croce sono il risultato delle loro forme architettoniche di base. Ciò è ben illustrato nella figura seguente.

Il rapporto tra l'impianto architettonico della Chiesa Rotonda e la forma dei bracci della croce simboleggianti l'Ordine di Cristo
foto: utente:Giro720 secondo le regole del Pubblico Dominio
13. Monastero di Giovanni III (Claustro de D. Joao III)
Chiostri della parte del monastero, Tomar

Il monastero che originariamente esisteva in questo luogo fu quasi completamente demolito per ragioni sconosciute dopo la morte dell'architetto Joao de Castilho. Fu sostituito da un edificio progettato da Diogo de Torralva, che oggi è considerato un capolavoro del Manierismo europeo. L'edificio è davvero imponente e conoscerlo è molto divertente, soprattutto perché si può entrare quasi ovunque.

14. Chiostri rinascimentali
Chiostri della parte del monastero, Tomar
Chiostri della parte del monastero, Tomar

Il sistema di corridoi utilizzato nel monastero divide il corpo principale in quattro parti formando chiostri, ognuno dei quali ha un proprio carattere. Il chiostro situato dietro la facciata occidentale della chiesa manuelina presenta quelle che sembrano colonne incompiute. Le colonne, infatti, rimasero dopo la demolizione del primo piano del chiostro, che fu rimosso perché oscurava notevolmente le decorazioni della chiesa manuelina.

15. Chiostri gotici

Nei chiostri gotici vale la pena prestare attenzione alla loro struttura, che assume la forma di arcate spezzate.

16. Dormitori rinascimentali

Il dormitorio, cioè le camere da letto dei monaci, così come i corridoi sono coronati da bellissime volte a botte con cassettoni in legno di rovere.

Corridoi nel dormitorio, Tomar
foto: Manuelvbotelho a condizioni CC BY-SA 4.0
17. Locali del Noviziato

La cosa più interessante degli ambienti del noviziato sono le volte (una in particolare) dove le volte a botte creano un sofisticato apparato architettonico sorretto da colonne corinzie.

Cappella del noviziato, Tomar
foto: Manuelvbotelho a condizioni CC BY-SA 4.0
18. Acquedotto, Porta Nuova e ospedale del monastero

Qualche parola sull'acquedotto, vale la pena notare che i chiostri del monastero erano progettati in modo tale da raccogliere e immagazzinare l'acqua piovana in apposite cisterne scavate sotto il monastero. Il sistema di raccolta dell'acqua piovana era talmente efficiente da coprire interamente il fabbisogno idrico del monastero e da non consentire l'irrigazione dei campi adiacenti al monastero. Nacque allora l’idea di costruire un acquedotto, che fornisse acqua sufficiente per consentire l’irrigazione artificiale dei campi.
L'acquedotto, che termina nel monastero con una fila di sette lunghi archi, ha una lunghezza complessiva di circa 6 chilometri. Ci sono un totale di 180 archi lungo tutta la sua lunghezza. È un progetto bello ed esteso che ha richiesto una vasta conoscenza ingegneristica e idrologica. L'acqua fornita dall'acquedotto proviene da quattro fonti diverse. La costruzione dell'acquedotto durò 21 anni (1593 – 1614).
L'acquedotto operò attivamente dal 1614 fino alla metà del XX secolo, fornendo acqua ininterrottamente per oltre 330 anni.

Collegamento degli acquedotti con il monastero di Tomar
foto: Giunte sui principi CC BY-SA 3.0

Tomar – alloggio

Se decidi che vale la pena pernottare a Tomar, trovare una sistemazione buona ed economica non dovrebbe essere un problema. Dai un'occhiata ad alcuni suggerimenti qui sotto. Hanno valutazioni molto alte e un prezzo interessante. Cliccando su uno di essi si accederà ad una descrizione dettagliata e verranno visualizzati anche diversi alloggi simili disponibili nelle vicinanze. I collegamenti che ho preparato sono stati progettati per filtrare i risultati non necessari. Usarli dovrebbe rendere la tua ricerca molto più semplice.

Bairro das Flores – [clicca]

Pé do Castelo Casinha – [clicca]

Horta dos Cedros – [clicca]

Piano turistico del Portogallo

Questa voce fa parte di una completa Piano turistico del Portogallo - [clicca]. La guida contiene piani, mappe e descrizioni di specifici percorsi turistici.
Per vedere tutte le descrizioni attualmente disponibili delle attrazioni in Portogallo, fare clic sul collegamento: Portogallo continentale - [clicca].

Guida al noleggio sicuro: Portogallo - noleggio auto senza carta di credito, senza deposito
5/5 - (26 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Se ti piacciono le mie guide, troverai sicuramente utile quella che ho creato catalogo guide - [clicca]. Lì troverai idee già pronte per i tuoi prossimi viaggi, descrizioni di altre destinazioni turistiche e un elenco alfabetico di guide suddivise per paesi, città, isole e regioni geografiche.

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo è stato appena creato, quindi per ora sta morendo di famea causa della mancanza di follower. È felice di ricevere qualsiasi osservatore che lo nutre con il suo amore.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




Un commento su “Tomar – indicazioni stradali, mappa, parcheggio, visite turistiche, fatti interessanti, alloggio"

  • o
    Collegamento diretto

    Eravamo lì nel maggio del '23. Luogo magico. Charola è... senza parole. Per me è un miracolo. L'ingresso dal cortile era chiuso e in fase di ristrutturazione, così come la famosa finestra. Beh, meglio tardi che mai. Nel complesso necessita di molti lavori di ristrutturazione. Interni e cortili – meravigliosi. La magia del luogo rimane per molto tempo. Lo consiglio vivamente
    Dariusz

    rispondere

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *