Monastero di Lubiąż - una gigantesca abbazia cistercense, un barile di catrame e tre cucchiai di miele

Sala Książęca - Abbazia cistercense di Lubiąż

Catrame e miele

L'Abbazia di Lubiąż è come un barile di catrame con un cucchiaio di miele. Si si! Non ho sbagliato! Non il contrario. Esattamente come ho scritto. Un barile di catrame amaro e un cucchiaio di miele. Perché?
Immagina un edificio, una struttura monastica davvero enorme.
Quanto è enorme?
Quasi tre volte più grande di Wawel. Il secondo edificio sacro più grande del mondo e la più grande struttura cistercense del mondo. L'abbazia di Lubiąż è unica al mondo sotto questo aspetto!
L'enorme facciata, lunga 223 metri, ha oltre 600 occhi. Quando ho visto l'abbazia dal vivo, ho semplicemente mormorato sottovoce: oh accidenti!
Ho allungato il collo per vedere la fine della facciata. L'edificio è andato avanti per sempre. Immediatamente ho pensato che ci sarebbe stato un problema con lo scatto di una foto soddisfacente. È difficile mostrare le dimensioni degli edifici dell'abbazia nella fotografia. Bene, come ho pensato all'inizio, è successo. Le foto non riflettono le dimensioni di questo edificio.
La struttura è davvero enorme. Purtroppo basta uno sguardo per vedere che si trova in uno stato che si può chiamare "lo stato adiacente al rudere". Il danno profondo è immediatamente evidente. Una volta dentro, questa impressione si approfondisce. L'entità del danno è davvero allarmante. Camere brutalmente sbarrate, pareti parzialmente spogliate di intonaco, macchie a lungo termine sui muri.
Le installazioni sono state strappate con la forza dai muri e solo buchi profondi nei muri - come cicatrici fresche e non coltivate - testimoniano che i tubi oi cavi scorrevano qui. Deprimente. Un possente edificio è come un potente barile di catrame. Ha un sapore amaro in bocca guardando tutto. Gli occhi sanguinano, il cuore sanguina, ma c'è anche un po 'di miele. Le tre stanze rinnovate sono come tre cucchiaini di miele con una tale dolcezza da compensare ogni amarezza: la Sala da Pranzo dell'Abate, il Refettorio e la Sala del Principe.
Le tre stanze ristrutturate dell'intera struttura sono in grado di compensare l'amarezza delle rovine di diverse centinaia di persone rimaste? Se dovessi rispondere a questa domanda ciecamente, direi NO con sicurezza, ma ... quando ho visto queste tre sale dal vivo, le mie ginocchia si sono piegate. Ero senza parole. Ho dimenticato per un attimo tutta la devastazione di cui mi ero pentito fino a quel momento. Ho sentito solo dolcezza. Era difficile credere agli occhi. È stato tanto più difficile in quanto l'illusione è una delle tecniche utilizzate per decorare le stanze ... (ne scriverò di più di seguito).
Di nuovo, sono stato preso dai dilemmi del fotografo, questa volta di natura diversa. Le mie dita formicolavano al solo pensiero della bellezza delle foto qui in un attimo.

Un modesto frammento della facciata dell'abbazia. L'edificio si estende molto oltre il telaio a sinistra ea destra.

La più grande abbazia cistercense del mondo in mezzo al nulla

Come ho detto all'inizio, l'abbazia di Lubiąż è il secondo edificio sacro più grande del mondo e anche la più grande struttura cistercense del mondo. Quando vieni qui per vederlo con i tuoi occhi, senza dubbio quando ci arriverai ti chiederai: come è potuto succedere una cosa del genere in mezzo al nulla?
Scesi dall'auto, raddrizzai la schiena, mi guardai intorno e mi chiesi esattamente questo. La risposta era così ovvia da essere sorprendente.

Fiume di soldi

L'abbazia è stata costruita all'incrocio di due fiumi. Uno di questi è visibile a prima vista sulla mappa: è l'Oder. Un secondo fiume una volta attraversava l'Oder: il fiume del denaro. Il fiume di denaro è stato generato dalla rotta commerciale che vi scorreva (che porta da ovest a est), infatti uno dei più antichi attraversamenti dell'Oder, che collega Legnica con Wielkopolska.
Quando nell'autunno del 1163 Bolesław I Wysoki (nipote di Bolesław Krzywousty) tornò in Slesia da un esilio di 17 anni a seguito di felici cambiamenti nei sistemi politici, diversi cistercensi erano al suo seguito. Venivano da Pforta nad Saala in Turingia.

Sviluppo dell'abbazia

Bolesław Wysoki consegnò ai cistercensi in arrivo la città di Lubiąż (che all'epoca era già considerata molto antica), l'attraversamento del fiume Odra e il mercato, e la chiesa di John. Ne approvò il distacco nel 1175 con apposito documento, di cui potete vedere un frammento qui sotto.

Frammento del documento che concede ai Cistercensi, tra gli altri, la traversata dell'Oder, del mercato e di St. John
fonte: wikipedia.pl

C'erano altre sovvenzioni. In breve tempo i Cistercensi acquisirono nuove aree, mercati, taverne, mulini, fattorie, diritti di pesca ... che, combinati con la loro diligenza, senso commerciale e abilità, portarono a un rapido sviluppo ed espansione in nuove aree. Stabilirono vigneti, coltivarono frutteti, commerciarono sale e aringhe (si guadagnarono persino il diritto di commerciare aringhe esenti da dazio) e costruirono nuovi passaggi. La tenuta è cresciuta rapidamente.
Già nella prima metà del XIII secolo, i Cistercensi potevano vantare numerosi estesi possedimenti che costituivano rami del loro quartier generale: a Mogiła presso Cracovia (1222), a Henryków (1227), a Kamieniec Ząbkowicki (1249). Presero anche la cura del convento cistercense di Trzebnica.
Il monastero dell'abbazia è diventato un luogo importante per lo sviluppo della cultura e della letteratura. Alcuni dei testi più importanti del XII-XIV secolo furono scritti qui: Cronaca dei principi polacchi, Annali di Lubiąskie e Catalogo dei vescovi di Breslavia.
Dopo la morte di Bolesław I l'Alto, il suo corpo fu deposto nella cripta dell'abbazia. Successivamente, altri cinque sovrani Piast furono sepolti qui.

Alti e bassi

L'abbazia ha continuato a crescere e svilupparsi per quasi 160 anni.
Tuttavia, l'ulteriore storia dell'abbazia non fu facile. Era un processo continuo di caduta in rovina e ricostruzione, scivolando nell'abisso della distruzione e ritrovando splendore.

Autunno
Il primo crollo fu dovuto alle guerre di religione combattute in Boemia (1419–1436), comunemente note come guerre hussite. Si diffusero così ampiamente che raggiunsero persino Lubiąż. Il monastero e la chiesa furono bruciati. Nei successivi 60 anni, l'abbazia cade in rovine sempre più profonde.

Alzati
Alla fine del XV secolo l'abbazia viene ricostruita, ma poi arriva il 1492.

Autunno
Nel 1492 si verifica una strana situazione. All'interno del convento nasce un aspro conflitto tra monaci polacchi e tedeschi. Il conflitto è così forte che ... finisce con l'espulsione di tutti i monaci e il sequestro di tutti gli edifici da parte delle autorità secolari. Negli anni successivi l'abbazia funge da punto di partenza per la caccia 🙂

Alzati
Nel 1498 i monaci tornano all'abbazia e (probabilmente un po 'più tranquilli e riconciliati) si mettono al lavoro. Stanno svolgendo un lavoro completo e approfondito per riparare i danni verificatisi durante le guerre hussite e gli anni successivi di abbandono. La ricostruzione dura 12 anni, fino al 1510. In quel periodo furono costruite anche ulteriori fortificazioni per fornire una maggiore protezione all'abbazia.

Autunno
La calma non dura a lungo. Arriva il 31 ottobre 1517. Quindi Martin Lutero annuncia e appende le sue 95 tesi alla porta della chiesa del castello di Wittenberg. Inizia la Riforma. L'abbazia sta perdendo radicalmente la sua importanza, perdendo notevole influenza e diventando sempre più povera. Il malessere dura oltre 100 anni, fino alla Guerra dei Trent'anni.
Nel 1632 Lubiąż fu saccheggiata dai Sassoni e nel 1639 fu conquistata dagli svedesi. Nel 1642, il generale svedese Duwal, di stanza a Lubiąż, ordinò che la collezione della biblioteca e parte dell'archivio venissero trasportate nell'allora pesantemente fortificata Stettino, dove furono bruciate da un fulmine diversi anni dopo.

Alzati
Fortunatamente, ogni guerra finisce prima o poi. Un anno dopo la fine della Guerra dei Trent'anni, nel 1649, l'allora abate Arnold Freiberg attuò le sue riforme. Crea basi finanziarie solide e stabili (gli effetti del suo lavoro saranno a disposizione dei prossimi abati). Dopo 100 anni di apatia, iniziano quasi 100 anni di prosperità.
Lo stile dell'intero oggetto cambia gradualmente. Il barocco regna a Lubiąż, nella sua forma più ricca al limite.
Durante questo periodo furono costruiti nuovi edifici: un enorme palazzo abate, un monastero, un birrificio, un panificio, un ospedale e molti edifici agricoli. Il palazzo degli abati e il monastero costruiti in quel periodo, uniti alla chiesa, formavano un complesso sacro a noi noto oggi per le sue dimensioni da record.
Michał Willman arriva su invito dell'abate. Un artista di eccezionale talento, che porta meritatamente il soprannome del Rembrandt della Slesia. Certamente non sospetta ancora che Lubiąż diventerà la sua casa per i prossimi 43 anni, fino alla sua morte, e che il lavoro della sua vita saranno opere legate a Lubiąż.

Refettorio estivo - Abbazia cistercense di Lubiąż

Autunno
Il cambiamento avvenne improvvisamente nel 1740. Il re di Prussia, approfittando dei disordini politici, decise di attaccare e conquistare la Slesia. All'improvviso, l'abbazia di Lubiąż si trovò sotto il protettorato prussiano ostile alla chiesa.
Per cominciare, il re di Prussia impose all'abbazia un contributo gigantesco: 200 talleri. Anche un'abbazia così ricca non era in grado di ripagare un tale fardello. Il re, nella sua generosità, ridusse quindi della metà il compenso.
Diciassette anni dopo, il re prussiano costrinse l'abbazia a concedergli altri 80 talleri di prestiti obbligatori.
Tre anni dopo (1760), gli austriaci accampati nelle vicinanze costrinsero l'abbazia a pagare 2,3mila talleri e un anno dopo, quando i prussiani erano di stanza nell'abbazia, costò al monastero altri 77 talleri.
I debiti dell'abbazia continuarono ad aumentare.

Crollo finale
Quando sembrava che non potesse essere peggio, il re prussiano decise di eliminare il nemico indebolito. Il 21 novembre 1810 emanò un apposito regolamento, liquidò l'abbazia e se ne appropriò, trasformandola in beni secolari. L'abbazia di Lubiąż cessò di esistere dopo 650 anni.
Cinquantanove villaggi, trentadue masserie e diverse manifatture e fornaci divennero proprietà di Federico Guglielmo III di Prussia.

curiosità
A proposito, vorrei ricordare che un anno dopo la liquidazione dell'abbazia di Lubiąż, cioè nel 1811, Federico Guglielmo III di Prussia diede l'ordine di distruggere le insegne dell'incoronazione dei re polacchi, rubate dal tesoro di Wawel.
Le insegne sono state fuse in monete.

Nel tempo, gli edifici hanno svolto nuove funzioni. St. Jakub è stato trasformato in un arsenale, i fabbricati agricoli del monastero sono stati trasformati in una scuderia, una scuola e appartamenti per impiegati. Il monastero è stato trasformato in un ospedale psichiatrico per pazienti di famiglie aristocratiche

Il terzo fondo della caduta
Purtroppo, la storia dell'autunno non finisce qui. La seconda guerra mondiale è arrivata. I tedeschi organizzarono una fabbrica negli edifici dell'abbazia, che fu per loro la più importante durante la guerra: una fabbrica di armi. I detenuti di un campo di lavoro forzato lavoravano lì.
Quando divenne chiaro che la guerra era già persa, i tedeschi smantellarono e portarono via tutto ciò che erano riusciti a prendere dall'abbazia. Oggetti d'arte, preziosi, suppellettili sacre (probabilmente bancarelle).
Insieme al fronte di guerra nel 1945, i russi arrivarono a Lubiąż. Completarono l'opera di distruzione cercando i tesori che si aspettavano di trovare qui. Alla ricerca delle insegne del potere (scettro, mele, spade) dei Piast di Slesia, hanno distrutto le bare, dalle quali hanno trascinato fuori i corpi, spargendoli sul pavimento. La maggior parte dei corpi non è stata identificata in seguito. È certo che è stata identificata solo la mummia di Michał Willman.
I russi hanno raggiunto Lubiąż in un freddo inverno. Si sono riscaldati bruciando cornici, mobili e forse bancarelle nel fuoco, che forse i tedeschi non sono riusciti a portare via. Possibile e probabile.
Dopo il 1945, il monastero gestiva un ospedale per soldati dell'Armata Rossa. I russi non avrebbero lasciato l'abbazia fino al 1948.
Dal 1950 la proprietà era praticamente deserta. Serviva principalmente come magazzino per libri e collezioni museali. Era l'obiettivo perfetto per tutti i tipi di cacciatori riciclabili che hanno gravemente distrutto ciò che era rimasto, strappando brutalmente tutto ciò che poteva essere venduto.
La maggior parte delle stanze rimane in queste condizioni fino ad oggi. Passando tra le stanze destinate alla visita, si attraversano queste stanze.

Cornice immagine salvata dalla masterizzazione (4 x 3 metri)
Praticamente l'intera struttura è in questa condizione o addirittura peggiore

Alzati?

I lavori di ristrutturazione sono stati eseguiti a Lubiąż dal 1989. I tetti sono stati sostituiti su tutto il complesso. I lavori successivi hanno permesso di visitare la Sala del Principe (2005), il refettorio dell'Abate (2009) e il refettorio estivo (2009). Anche la Chiesa della Beata Vergine Maria è stata resa disponibile per visite turistiche incompiuta.
I lavori di ristrutturazione sono ancora in corso nel sito, ma tenendo conto delle dimensioni della struttura, dureranno diverse decine di anni.
Spero sinceramente che possiamo vedere con i nostri occhi l'inizio della prossima salita, che non sarà seguita da alcuna caduta.

Di seguito è riportato un breve video di un drone trovato su YouTube, che mostra l'abbazia da una vista a volo d'uccello:

Visita all'abbazia di Lubiąż

Orario di visita
In primavera e in estate (dal 1 aprile al 30 settembre), l'abbazia è visitabile dalle 9:00 alle 18.00:XNUMX.
Durante il resto dell'anno (dal 1 ottobre al 31 marzo), il tour si svolge dalle 10:00 alle 15:00.
La visita si svolge a ore piene. Pochi minuti prima dell'ora intera, la biglietteria apre e i biglietti vengono venduti. La struttura è così grande che tutti coloro che vogliono visitare una determinata ora possono entrare contemporaneamente. Quindi non c'è paura che non ci saranno posti a sedere per un'ora specifica.

ATTENZIONE!
La cassa dell'abbazia non accetta pagamenti con carta. Puoi pagare solo in contanti. Non ci sono bancomat nella zona. Il bancomat più vicino dista 2 km.
A circa 650 metri dall'abbazia c'è un negozio Dino, dove è possibile ritirare contanti quando si effettuano piccoli acquisti (es. Bottiglie d'acqua).
Siamo arrivati ​​a Lubiąż 15 minuti prima dell'ora piena, e siccome eravamo qui durante la pandemia covid-19, quando strombazzavano ovunque: pagava con la carta, non avevamo contanti. Quando la biglietteria ha aperto cinque minuti prima del tour, si è scoperto che non potevamo acquistare un biglietto. Ovviamente non abbiamo avuto la possibilità di arrivare al bancomat e tornare indietro. Hai dovuto aspettare un'ora e visitare l'abbazia con un altro gruppo. Abbiamo usato questo tempo per passeggiare nell'area verde di fronte all'abbazia.

Prezzi dei biglietti (nel 2020):
- normale PLN 20
- ridotto PLN 15

Mappa dell'abbazia di Lubiąż

Di seguito una mappa con l'ubicazione dell'abbazia di Lubiąż. I numeri sulla mappa corrispondono ai numeri accanto alle descrizioni sotto la mappa.
Le coordinate GPS del parcheggio, che ti aiuteranno a raggiungere il luogo, si trovano in fondo all'ingresso.

Mappa dell'abbazia cistercense di Lubiąż
1. Palazzo degli Abati

Il Palazzo degli Abati è un'enorme ala a forma di L dell'edificio che inizia sulla mappa con l'indicatore numero 1 e prosegue dal numero 3 fino al numero 2.
È stata fondata negli anni 1681-1699. Sono due le sale aperte al pubblico: la Sala del Principe e la Sala da pranzo dell'Abate.

Un'ala dell'abbazia, ovvero il Palazzo degli Abati visto dal parcheggio
2. La sala del principe

La sala è alta due piani ed è inimmaginabilmente piena di ornamenti barocchi, dipinti e sculture. Le pareti sono rivestite di marmo colorato.
Un tentativo di descrivere questa stanza a parole è destinato al fallimento. Questo non può essere immaginato. Le foto raccontano molto di più, ma anche dopo aver visto innumerevoli foto, la stanza è mozzafiato se vista dal vivo. Dopo essere entrati, la maggior parte delle persone rimane semplicemente in silenzio per molto tempo, cercando di abbracciare l'interno scioccante. Lo raccomando sinceramente.
La camera ha una superficie di 420 m2. Il dipinto sul soffitto non è molto più piccolo (circa 300 m2) ed è uno dei dipinti più grandi d'Europa. L'autore dei dipinti è Christian Bentum.
Le sale sono piene di una dozzina di sculture di grandi dimensioni. Il loro autore è Franciszek Józef Mangoldt (è anche autore di sculture nell'aula Leopoldina dell'Università di Breslavia).
Le sculture su un lato della stanza sono figure degli imperatori asburgici e sull'altro lato sono figure mitologiche e allegoriche.
Il tutto è perfettamente completato dagli intricati stucchi di Albrecht Provisore.
Dieci dipinti posti tra le finestre sono dedicati a una persona: l'imperatrice Elisabetta, moglie di Carlo VI.

Decorazioni nella Sala Ducale - Abbazia cistercense di Lubiąż
Il gruppo si alza e ammira
3. Sala da pranzo di Abbot

La sala da pranzo dell'abate è vicino alla cassa. Quando gli altri stanno ancora acquistando i biglietti, puoi guardarlo facilmente. Percorrendo il corridoio dalla cassa, sulla sinistra troverete l'ingresso alla sala da pranzo dell'abate.
È qui sul soffitto che c'è un dipinto di Michał Willman. Disse che era il primo grande affresco della sua carriera. Il dipinto dovrebbe essere visto dal bordo stretto della stanza. Nel dipinto, l'eroe trionfante delle virtù è sospeso tra la terra e il cielo.

Sala da pranzo dell'abate - Abbazia cistercense di Lubiąż
Frammento di stucco nella sala da pranzo dell'abate
4. Monastero

Il monastero ha la forma di un edificio rettangolare con cortile. È integrato con la Chiesa della Beata Vergine Maria. È stato costruito negli anni 1692-1710. Ci sono diverse dozzine di alloggi per i monaci su ogni piano. Ciascuna delle celle ha un'area da 25 a 50 m2.

Ingresso e frammento della facciata del monastero di Lubiąż
5. Mensa estiva

Dopo aver lasciato la sala del principe, ho pensato che nulla mi avrebbe più sorpreso. Finché non mi sono ritrovato nel refettorio estivo. Sono rimasto di nuovo senza parole. La sala è favolosa. I colori pastello, i modi di decorare e l'arte dell'illusione usata nella pittura fanno un'impressione incredibile. Una volta lì, dai un'occhiata alle pareti. Quello che sembra essere un intricato stucco non lo è davvero. L'artista ha realizzato il dipinto in modo tale da ingannare i nostri occhi. Ha creato immagini tridimensionali che danno l'impressione di decorazioni in gesso. Se non avessi camminato fino al muro e visto che era davvero piatto, non avrei mai creduto che non ci fosse un vero stucco in questo posto.
L'autore dei dipinti è Feliks Scheffler.

Refettorio estivo - Abbazia cistercense di Lubiąż
Non c'è stucco qui. Tutto è un dipinto piatto sul muro. L'illusione dal vivo è ancora più grande.
Refettorio estivo - Abbazia cistercense di Lubiąż
6. Chiesa della Beata Vergine Maria

La Chiesa della Beata Vergine Maria è parte integrante degli edifici principali dell'abbazia. Strutturalmente è integrato nella facciata principale dell'abbazia e collegato con l'edificio rettangolare del monastero. L'interno della chiesa non è ristrutturato e dà un'impressione deprimente. Non sono mai stato in una chiesa come questa. Pareti grezze, intonaco scrostato ... se i muri potessero essere rubati, probabilmente sarebbero stati rubati anche loro.
La chiesa era piena di dipinti di Michael Willman, inclusa la famosa serie di tele gigantesche di 3 x 4 metri sotto il titolo comune "Il martirio degli Apostoli". La maggior parte di loro fu portata via dalla chiesa e sopravvissuta. Ventotto di loro possono essere visti in quattordici chiese di Varsavia e altre tre nel Museo Nazionale di Varsavia.
Nella chiesa c'erano anche dei bellissimi stalli lignei riccamente decorati (cioè dei sedili posti alle pareti laterali del presbiterio, destinati principalmente al clero, come potete vedere nella vecchia foto qui sotto, scattata prima della guerra.
Le bancarelle furono smantellate e portate via dai tedeschi o bruciate dai russi, che bruciarono ad es. arredi della chiesa appena tenuti al caldo in inverno.

L'altare della chiesa della Beata Vergine Maria - Abbazia cistercense di Lubiąż
Lo stesso altare nella foto della prima metà del XX secolo
fonte: fotopolska.eu
Interno della Chiesa della Beata Vergine Maria - Abbazia di Lubiąż (dal 2020)
Bancarelle nella chiesa della Beata Vergine Maria. Foto della prima metà del XX secolo.
fonte: fotopolska.eu
7. Chiesa di S. James

È l'edificio più antico dell'intera abbazia. Ho avuto l'impressione che sia tenuto tutto d'un pezzo solo per forza di volontà, quindi non è aperto al pubblico. Grandi alberi crescono proprio accanto alla sua facciata, che pittorescamente la circondano con le loro chiome, ma allo stesso tempo destabilizzano la sua struttura, crescendovi dentro con le radici.
La chiesa originariamente costruita su questo sito fu costruita nel 1202, ma l'edificio che si trova qui oggi risale al 1700. Gli arredi furono completamente distrutti nel 1945.

St. Jakub - l'Abbazia cistercense di Lubiąż
8. Cancello

Il corpo di guardia, o semplicemente il cancello d'ingresso principale dell'abbazia, è un edificio signorile. È stata fondata nel 1601 e ha svolto un ruolo difensivo. Poi nel 1710 fu ampliato e ospitò un ospedale. La facciata nord è stata restaurata nel 2010.

Il cancello d'ingresso principale dell'abbazia di Lubiąż

Coordinate GPS utili

Parcheggio presso l'abbazia, Coordinate GPS:
51°15’46.8″N 16°28’14.7″E
51.263004, 16.470755 - fare clic e instradare

Se finisci i contanti alla cassa dell'abbazia (e qui puoi pagare solo in contanti), puoi prenderli per piccoli acquisti alla cassa di Dino o presso un bancomat leggermente più distante.

Dino Store, Coordinate GPS:
51°15’59.0″N 16°28’04.4″E
51.266395, 16.467890 - fare clic e instradare

ATM presso il negozio Lewiatan, Coordinate GPS:
51°16’36.1″N 16°27’29.9″E
51.276681, 16.458294 - fare clic e instradare

4.6/5 - (541 voti)

Importante per me!

Dai una buona valutazione all'articolo (5 stelle benvenute 😀)!
È gratis, a per me è molto importante! Il blog vive di visite e quindi ha la possibilità di svilupparsi. Per favore fallo E grazie in anticipo!

Se ti piacciono le mie guide, troverai sicuramente utile quella che ho creato catalogo guide - [clicca]. Lì troverai idee già pronte per i tuoi prossimi viaggi, descrizioni di altre destinazioni turistiche e un elenco alfabetico di guide suddivise per paesi, città, isole e regioni geografiche.

Posto anche io link al profilo Facebook - [clicca]. Entra e premi "Orologio"allora non ti perderai nuovi post stimolanti.

A meno che tu non preferisca Instagram. Non sono un demone dei social, ma puoi sempre contare su qualcosa di bello da vedere il mio profilo instagram - [clicca]. Il profilo è stato appena creato, quindi per ora sta morendo di famea causa della mancanza di follower. È felice di ricevere qualsiasi osservatore che lo nutre con il suo amore.

Metto a disposizione i contenuti che creo gratuitamente con copyright e il blog sopravvive grazie alla pubblicità e alla cooperazione di affiliazione. Pertanto, gli annunci automatici verranno visualizzati nel contenuto degli articoli e alcuni collegamenti sono collegamenti di affiliazione. Ciò non ha alcun effetto sul prezzo finale del servizio o del prodotto, ma potrei guadagnare una commissione per la visualizzazione di annunci o l'utilizzo di determinati collegamenti. Raccomando solo servizi e prodotti che trovo buoni e utili. Dall'inizio del blog, non ho pubblicato alcun articolo sponsorizzato.

Alcuni dei lettori che hanno trovato le informazioni qui molto utili, a volte mi chiedono come puoi sostenere il blog? Non gestisco raccolte fondi o programmi di supporto (tipo: patronite, zrzutka o "compra caffè"). Il modo migliore è usare i link. Non ti costa nulla e il supporto per il blog si autogenera.

Pozdrawiam




36 commenti su "Monastero di Lubiąż - una gigantesca abbazia cistercense, un barile di catrame e tre cucchiai di miele"

  • o
    Collegamento diretto

    Ottimo reportage. Ci sono molte strutture di questo tipo nella Bassa Slesia. Dopo tutto, è il secondo gruppo di palazzi e castelli dopo la Valle della Loira. Sfortunatamente, il più delle volte distrutto dopo la guerra. Una triste testimonianza di "cura" del cosiddetto lo stato polacco per l'eredità storica.

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Grazie!
      La Bassa Slesia è una miniera inesauribile di luoghi interessanti. Sono sotto il fascino della Bassa Slesia da 30 anni.

      rispondere
      • o
        Collegamento diretto

        Santo articolo, sono stato a Lubiąż un anno fa, mentre leggevo, ho rievocato i miei ricordi e - cosa interessante - voglio tornarci di nuovo. Durante le vacanze - non ricordo esattamente quando - per un fine settimana la maggior parte della struttura è aperta al pubblico, a cui i visitatori normalmente non hanno accesso, deve essere fantastico🙂

        rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      La storia dell'abbazia dłuuuga e quindi sembra che per ricreare l'antico splendore avresti dovuto mettere fuori quanto? Cento milioni di zloty o più? E tenerlo tutto dopo? Questa è una ristrutturazione da anni ma penso che ne valga la pena.

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Gentile Signore, grazie per la bellissima descrizione di un posto che toglie il fiato ... Un posto fantastico con una storia incredibile. Ci sono stato due volte e sono affascinato da questo posto. Ma dove trovare i soldi per le riparazioni. Forse promuovere le visite turistiche porterà un po 'di soldi. Ho un'idea che le città che accolgono il nuovo anno con tonnellate di fuochi d'artificio dovrebbero fare un salto a Lubiąż. Forse non funzionerà in una pandemia, ma devi provare. Richieste, pubblicità, video, spettacoli: forse questi sono i modi per la seconda vita di Lubiąż …….

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Viviamo in un periodo di ottimizzazione dei costi, quindi la manutenzione di tali strutture non segue questa tendenza. Viviamo in un'era di commercializzazione e consumo, quindi è più redditizio fare uno spettacolo pirotecnico a Capodanno che sarà visto da decine di migliaia di persone piuttosto che ristrutturare una struttura in mezzo al nulla che poche persone visitano. Tali tempi, tali realtà.
      Vale la pena andare, acquistare un biglietto per PLN 20 e contribuire alla moderna, molto lenta ma comunque in salita.
      I migliori auguri!

      rispondere
      • o
        Collegamento diretto

        Articolo fantastico 👏 Abbiamo appena lasciato l'Abbazia e il contenuto dell'articolo rispecchia perfettamente le nostre impressioni.
        È incredibile che questo monumento non sia protetto dallo Stato.
        Sal. Ci siamo trovati ad esplorare la soffitta e le cantine.

        rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Articolo molto carino. L'unica cosa che mi è mancata nella storia della struttura sono le menzioni del festival SlotART, che si è tenuto qui per diversi anni; Ho avuto l'opportunità di suonare con la band nel 2011 - certamente non sul palco principale situato nel cortile, ma su uno dei piccoli "palchi" situati nelle stanze del convento. Sfortunatamente, la band non funziona da molto tempo, ma i ricordi sono indimenticabili 🙂

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Molte persone ricordano questa festa e tutti loro con nostalgia.
      Sfortunatamente, non ho avuto la possibilità di essere su SoltART, ma lascia che il tuo commento serva da supplemento a questa mancanza nella storia che ho descritto.
      Grazie e cordiali saluti!

      rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Ringrazio l'autore per aver descritto la storia di questo gioiello. Spero che un posto così interessante e bello venga visitato da sempre più turisti e amanti della Bassa Slesia. Questo articolo ci incoraggia e addirittura ci mobilita a farlo.

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Mi piace molto l'articolo. Belle foto, una planimetria chiara dell'intera struttura.
    Bella spiegazione per costruire un'abbazia all'incrocio di due "fiumi".
    Purtroppo la storia è triste...
    Ho intenzione di visitare l'abbazia l'8 luglio 2021.
    Grazie per l'articolo
    saluti Alicja

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Grazie mille per l'articolo. Ho appena visitato questo posto con mio marito. L'edificio è travolgente per le sue dimensioni. Se fosse stato completamente rinnovato, sarebbe un paradiso per gli occhi. Ma non vivremo per vederlo, il che è un peccato

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Per molto tempo sono stato travolto dalle dimensioni di questo oggetto e dalla consapevolezza che il suo completo rinnovamento è probabilmente impossibile... ma alla fine ha vinto il pensiero positivo, perché almeno ha un guardiano e non si deteriora più.

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Una struttura presentata in modo fantastico. Un bel lavoro, l'autore! Sto cercando un appuntamento e sto arrivando!

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Ottimo articolo. Cinque stelle non bastano. Merita molto, molto di più. Ho l'opportunità di andarci a febbraio. Questo periodo dell'anno mi scoraggia. Il freddo mi spaventa. Ma dopo questo articolo, mi è venuta voglia. Forse prevarrà la voglia di vederlo tutto dal vivo. Forse si scalderà.
    Cordiali saluti.

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Grazie per la meravigliosa storia dell'Abbazia, è stato il nostro posto preferito per le passeggiate per diversi anni (veniamo da Breslavia in qualsiasi momento dell'anno). In estate qui si tengono interessanti festival musicali ed etnografici con un gran numero di visitatori e deliziosi rinfreschi all'aperto, con musica e fiere.
    Vorrei chiedere all'autore dell'articolo se ci sono informazioni su statue antiche uniche e interessanti nell'edificio cistercense di Lubiąż (4 uomini e una donna sono in piedi)? Un vecchio storico di Varsavia disse una volta che si tratta di statue di persone vissute prima del diluvio. Forse l'autore ne sa di più? Grazie.
    E questo luogo è unico, un vero "luogo di potere" che esaudisce i desideri.
    E un'altra cosa: c'è Karchma Cisterska, dove il cibo è molto buono e gustoso, ma poco costoso. Raccomando!

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Karchma Cisterska si trova nei locali dell'abbazia, dove il cibo è molto buono e gustoso e allo stesso tempo poco costoso. Raccomando!

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Ciao Jack!

    Non so quale ho letto questo articolo prima, ma mi stupisce ancora e mi piace tornare su di esso.

    Se potessi dare 15 stelle, è quello che darei.

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Fino a quando non sono stato sopraffatto... non so cosa dire. Piacere di conoscerti, grazie!

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Signor Jack,
    Ho sentito parlare più volte del monastero cistercense di Lubiąż, ma non c'è mai stata occasione di visitarlo. Ammetto che dopo aver letto il tuo articolo, questo è il nostro numero 1 sul percorso per vacanze brevi in ​​programma a breve nelle vicinanze dei Monti Jizera.
    Grazie mille per la bella descrizione, le informazioni e l'efficace incoraggiamento a visitare.

    Saluti,
    Jacek

    rispondere
    • o
      Collegamento diretto

      Un articolo molto interessante. 👋 Ci sono stato circa 15 anni fa, ma grazie alle informazioni nell'articolo ho organizzato le mie conoscenze e quello che ricordo dalla visita. Grazie 😊

      rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Un testo preparato con molta attenzione, allo stesso tempo viene letto con interesse. La struttura in sé è impressionante. Le tre sale restaurate danno un'idea dell'aspetto dell'insieme nel suo periodo di massimo splendore. Ho avuto l'opportunità di vedere la mostra sull'industria dello zucchero in Bassa Slesia e guardare il rinnovamento della facciata principale. Se il monastero non trova un ricco sponsor, la ristrutturazione richiederà secoli. Forse zucchero?

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Un ottimo articolo. Ho avuto l'opportunità di essere lì e ho visitato questo oggetto abbastanza a fondo. Il tempo per la ristrutturazione (ricostruzione) è possibile solo se c'è un modo per usarlo tutto l'anno. Considerando l'isolamento del monastero è abbastanza difficile, ma non disperato, l'ospite non è il cosiddetto Lo stato polacco "ha rovinato l'altro oggetto, ma la guerra e la zoldazia sovietica. A proposito, posso vedere che è abbastanza facile per alcuni in Polonia fare pipì sulle gambe della Polonia. Buona fortuna e molti viaggi e rapporti altrettanto interessanti da parte loro.

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Solo lo scorso fine settimana ho avuto l'opportunità di visitare il monastero di Lubiąż - un viaggio indimenticabile e certamente non l'ultimo (per lui)! Un articolo interessante che ti permette di organizzare le informazioni che ascolti e leggi! Saluti!

    rispondere
  • o
    Collegamento diretto

    Complimenti per il testo.
    Ho avuto modo di visitare gli edifici a cavallo del secolo, quando erano ancora in corso i lavori nella sala del principe, e successivamente, nel 2000 o 2001, di ammirare il lavoro dei restauratori nella sala da pranzo dell'abate dai ponteggi sotto lo stesso soffitto. Nella chiesa e in altre sale c'era ancora un "pasticcio" dell'epoca dell '"occupazione" filo-russa del monastero.
    Sensazioni indescrivibili.
    Questo complesso è uno di quelli (e la relazione di cui sopra) che suscitano una riflessione sulla volatilità del destino delle persone e degli edifici sotto l'influenza dei "venti della storia.
    Vorrei ringraziare l'autore per un pretesto per ricordarmi il mio soggiorno a Lubiąż.

    rispondere

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *